Luglio 25, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Gastronomia in Fiera tra prodotti a chilometro zero e golosità

Sapori, colori, odori per soddisfare tutti i palati. Dai prodotti biologici a numerose golosità alimentari dolci e salate. Tante quest’anno le novità all’83esima Campionaria Generale Internazionale.

Al padiglione 139 la Regione Sicilia presenta una varietà golosissima di arancini. Si va da quelli al pesce spada a quelli con pistacchio, broccoli e salsiccia. A produrli è un’azienda di Catania che nel suo lungo bancone mostra anche le prelibatezze dolci siciliane, tra cui una sorta di bomboloni dolci chiamati iris, bianchi o al cioccolato, con pistacchio e ricotta dolce. E ancora non mancano i deliziosi panini con porchetta di suino nero dei monti Nebrodi molto speziata.

Per gli amanti del piccante e i sapori forti, nello stesso padiglione, lo stand della Calabria presenta  il peperoncino più piccante al mondo: carolina reaper che nel 2013 è entrato nel Guinness dei primati. Naturalmente va dosato con cautela perché può provocare forti sensazioni di bruciore.

Aziende agricole biologiche con prodotti con minore impatto ambientale sono nella galleria 13. Tra le novità il miele con la spirulina, potente energizzante che abbassa anche il colesterolo e i trigliceridi e possiede molteplici proprietà nutrizionali.

Tra i prodotti tipici pugliesi non possono mancare le friselle ma la novità sono quelle con semi di canapa che sono nutrienti e contengono ben nove aminoacidi essenziali. A produrli un’azienda di Altamura che utilizza i semi di canapa anche nell’olio, utile per l’insalata ma anche al mattino. Una piccola quantità con limone può aiutare a regolarizzare l’intestino.

Nel vasto padiglione 18 ben 25 sono i produttori pugliesi. Si va dalla birra che a breve sarà prodotta nel carcere di Taranto, realizzata con il pane raffermo, alle burrate ripiene di ricotta proveniente da vacche di razza bruna, alla varietà di formaggi prodotti da un’azienda di Biccari.

Qui si possono degustare prodotti caseari genuini che provengono dai pascoli del Monte Cornacchia affinati con aromi del territorio da uno quali foglie di noci, fieno, finocchietto selvatico e nepitella.

E ancora direttamente da Noci non mancano zampine e fegatini senza lattosio e bombette da carne di suino nero che si possono degustare in cartoccio, nei panini o in piatto nel piazzale 114/A