18 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Company Profile

Da oltre 40 anni il Maglificio Pini produce in Italia capi di maglieria calata di alta qualità per le più importanti case di moda internazionali. 

È il 1977 quando Giuseppe Pini fonda il Maglificio Pini. 
Intuito, intraprendenza e innata sensibilità per l’arte della maglieria, il Maglificio Pini tesse una storia in continua crescita, che vede oggi la nuova generazione – i figli Lucia, Martina e Francesco – alla guida di un’azienda leader nel settore. 

Dalle origini a oggi, il Maglificio Pini è protagonista della moda. Così, nel 2013, nasce l’archivio punti e capi, oggi anche memoria storica, una raccolta di capi che mostra i pezzi unici prodotti dal Maglificio dal 1977 a oggi. 
L’archivio consente la conservazione del patrimonio storico e artistico dell’azienda, e si propone anche come strumento per la creatività. Le circa quattromila entries (divise tra punti maglia e abbigliamento) sono disponibili al noleggio e consultabili sia presso la sede di Forlì che online.
 L’investimento tecnologico è infatti, da sempre, un punto fermo per la crescita aziendale.   

Questa iniziativa fa parte di un progetto ben più ampio, che ha come scopo ultimo quello di soddisfare il cliente, garantendo un servizio di altissima qualità, che rispecchi le specifiche richieste e che sia al 100% Made in Italy.

The Collection

Collezione basic
La collezione basic del Maglificio Pini vuole proporre capi confortevoli, comodi, avvolgenti ma soprattutto con uno spirito moderno. Le linee sono svelte e pulite, i colori tenui, sui toni del carne e del nero, con un mix bilanciato di capi sculturali e morbidi. I capi lavorati magistralmente a maglia hanno la mano morbida e delicata del cashmere che veste come una seconda pelle. Gli articoli vogliono trasmettere il calore e il confort degli abiti da casa che hanno caratterizzato il periodo della pandemia, mantenendo però una componente audace e femminile, che si distanzia dall’homewear. Questo lascia spazio quindi all’inserimento di cut-out che mostrano la nostra vera pelle, che diventa così parte integrante ed integrata dei capi di collezione. Tutti i modelli sono studiati per essere versatili, facilmente modificabili, adatti per tutte le donne. Viene mantenuta la semplicità nelle finiture, senza però lasciare indietro l’alto livello qualitativo ed estetico, l’eleganza e la classicità.

The Collection

Collezione Nameless
La collezione “Nameless” racconta il momento di crisi, esistenziale ma non solo, che il mondo intero sta attraverso da circa un anno e mezzo a questa parte. Nello scenario pandemico i sentimenti principalmente emersi sono stati frustrazione, ansia e smarrimento insieme ad un forte senso di cambiamento dell’individuo, che ora fatica a riconoscersi e si sente intrappolato in confini che, diversamente da prima, non gli è permesso varcare. I capi si ispirano stilisticamente ad un’estetica post- apocalittica, con forti rimandi allo stile punk e gotico. Vengono infatti ripresi l’effetto denim destroyed, grazie all’utilizzo di un filato in cotone lavorato a flottanti, i dettagli metallici, i forti contrasti tonali di bianco e nero, le grafiche potenti. Non mancheranno inoltre rimandi alla ribellione espressi dalla cultura punk e al malcontento verso un sistema incapace di tutelare tutti, mentre le influenze goth sono riscontrabili nel periodo cupo, buio e grigio che diventa specchio di un individuo intrappolato nella realtà. Le influenze punk e goth si ritroveranno anche nelle sovrapposizioni di capi oversize con altri mini, nei cut out e nei tagli rappresenti dai flottanti, nelle grafiche utilizzate (bocche e mani in primis), senza però lasciare indietro le finiture sartoriali e l’altissima qualità dei capi e dei materiali utilizzati.