Giugno 20, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Un terzo dei nuovi genitori si sente solo in un mondo iperconnesso

  • La pressione – sia le pressioni interne esercitate su se stessi che le pressioni esterne dal mondo che li circonda – risulta essere la più grande sfida universale che i nuovi genitori devono affrontare oggi
     
  • I nuovi genitori riferiscono di sentire meno pressione sociale e maggiore sostegno reciproco durante la pandemia COVID-19
     
  • Svezia, Cile e Germania si sono rivelati tra i luoghi più facili per crescere un bambino oggi



Il Parenting Index, uno studio unico nel suo genere sulle esperienze genitoriali globali, rivela che un terzo dei nuovi genitori a livello globale si sente solo, nonostante viva in un mondo iperconnesso.

Il Parenting Index  – commissionato da Nestlé come parte del suo impegno continuo a sostenere le famiglie nei primi 1.000 giorni di vita – identifica per la prima volta otto fattori universali che hanno un impatto sulla genitorialità in tutto il mondo. È un altro aspetto della Nestlé Parenting Initiative, una strategia di cambiamento che l’azienda sta sviluppando per aiutare a rendere più facile la vita dei genitori.

Basato sul punto di vista di oltre 8.000 mamme e papà di bambini di età compresa tra 0 e 12 mesi in 16 paesi, è un nuovo modo unico di confrontare e comprendere le esperienze dei genitori in tutto il mondo oggi.

In questa prima edizione, mostra che il fattore universale più significativo è la pressione. È qualcosa su cui i neo genitori hanno poco controllo ma ha l’impatto maggiore: contribuisce al 23% del punteggio complessivo dell’indice genitoriale.

In ogni paese preso in esame, i neo genitori sentono una qualche forma di pressione interna ed esterna. Per un terzo dei nuovi genitori questo si materializza come solitudine, ma la pressione si manifesta anche come giudizio da parte degli altri (anche tramite i social media), le realtà inaspettate della genitorialità e il senso di colpa causati dall’autocritica.

  • Solitudine in un mondo iperconnesso: il 32% dei neogenitori afferma che, nonostante viva in un mondo in cui amici e famiglia sono solo a un messaggio di distanza, è facile sentirsi isolati e soli con un bambino in braccio.
     
  • Social shaming : a livello globale la metà (51%) dei neo genitori intervistati sente un’intensa pressione sociale su come crescere i propri figli, e oggi questo spesso proviene dai social media.
     
  • Senso di colpa genitoriale : il 45% degli intervistati ha concordato che i nuovi genitori si assumono molti sensi di colpa, il che può avere un impatto duraturo.
     
  • Le realtà inaspettate della genitorialità : quasi un terzo (31%) dichiara di sentirsi impreparato alla realtà di diventare genitore e il 53% ha dovuto scendere a più compromessi del previsto.
     
  • Consiglio non richiesto, o la “voce del villaggio” : il 60% degli intervistati riferisce di sentire che tutti hanno un’opinione su come crescere il proprio figlio, che lo vogliano ascoltare o meno.


L’Indice mostra che Svezia, Germania e Cile offrono gli ambienti più facili in cui essere un nuovo genitore oggi. Ma mentre il livello di difficoltà varia a seconda del paese, non esiste un luogo perfetto per crescere una famiglia e anche in Svezia, che si colloca al livello più alto con un punteggio indice di 75/100, i nuovi genitori affrontano sfide, con una mancanza di fiducia genitoriale essendo svedese. la più grande preoccupazione dei genitori.

La metodologia e i risultati dell’indice genitoriale sono stati esaminati dal dott.Ming Cui, MS in Statistics e Ph.D. in Sociologia, Fulbright US . Studioso e professore di scienze della famiglia e dell’infanzia presso la Florida State University ( USA ). Il professor Cui ha esperienza nella genitorialità e nello sviluppo del bambino attraverso culture e metodologie di ricerca.

Commentando il rapporto, il professor Cui afferma: “I genitori di oggi sono sempre più genitori in uno stato di ansia (che può essere riflesso dai risultati di questo rapporto, come la pressione esterna / interna, la mancanza di fiducia, le richieste finanziarie). Influenzato dai media popolari insieme ai progressi tecnologici, molti genitori di diverse culture e classi socio-economiche si sentono spinti a fare tutto “.

Continua: “Sebbene l’enfasi spesso risieda sull’essere reattivi e responsabili come genitori dei bambini, mamme e papà dovrebbero anche rendersi conto che il loro benessere è importante nel processo di genitorialità. Genitori dei bambini, con le elevate esigenze e lo stress, possono prendere un pedaggio sui genitori stessi finanziariamente, emotivamente e fisicamente. Per promuovere una genitorialità positiva e, in definitiva, uno sviluppo sano dei bambini, i genitori non dovrebbero trascurare il proprio benessere e dovrebbero prendersi cura di se stessi, come lasciare spazi vuoti nel loro calendario e prendere un rompere.”

Pressione nel mondo
Mentre la pressione è avvertita dai neo genitori in tutto il mondo, quelli che vivono in Svezia, Germania e Israele riferiscono i livelli di pressione più bassi tra i paesi esaminati.

Come parte dello studio, Nestlé ha anche riunito sei genitori del Regno Unito , degli Stati Uniti , delle Filippine, del Brasile, della Svezia e della Nigeria per discutere l’impatto di queste pressioni sulle loro vite. Parlando della colpa genitoriale, Diunte, un padre single di quattro figli del Texas, USA , ha detto: “Essendo un genitore single, mi preoccupo di notte, sto facendo la cosa giusta per loro? Perché si stanno perdendo due genitori in casa ogni giorno “.

Ulisse dal Brasile, neo papà del suo primogenito, ha subito una pressione particolare attraverso i social media: “È bello per i nostri genitori e i nostri amici che vivono lontano vedere alcune foto della nostra piccola figlia. Normalmente le persone commentano cose davvero positive, ma a volte iniziano a criticarci e cercano di spingerci giù “.

Parlando di “chiacchiere con le mamme” nel suo paese d’origine, Cynthia, una mamma di tre figli dalla Nigeria, ha detto: “Siamo i re e le regine di non badare agli affari nostri. È molto normale essere per strada a camminare con tuo figlio e se le persone pensano che forse non stai tenendo bene tuo figlio, o c’è qualcosa che non va, che ti piaccia o no, te lo diranno! “

Minneth, una mamma di due figli dalle Filippine, concorda: “Credo che mia madre mi abbia insegnato tutto e, naturalmente, a volte devi ascoltarli. Ma ciò non significa che devi applicarlo ai tuoi figli”.

La pressione della società si è allentata durante il COVID-19
Mentre ci si può aspettare che i nuovi genitori sentano più pressione a causa del COVID-19, l’analisi che esamina gli Stati Uniti , la Spagna e la Cina quando la pandemia ha colpito per la prima volta nel luglio 2020, mostra che i genitori con bambini piccoli hanno riferito di sentirsi minore pressione sociale su come crescere i propri figli durante questo periodo. Invece, i nuovi genitori hanno riferito di sentirsi più sostegno reciproco in questo momento, inclusa una maggiore coesione sociale e un senso di appartenenza.

Thierry Philardeau, Head of Nestlé Nutrition, ha dichiarato: “Abbiamo fondato la Nestlé Parenting Initiative per aiutare a rendere più facile la vita dei genitori, in modo da poterli sostenere meglio nelle decisioni che prendono durante i primi 1.000 giorni cruciali della vita del loro bambino. E in In questo modo, possiamo rafforzare il nostro impegno del 2016 per aiutare 50 milioni di bambini a condurre una vita più sana e più felice entro il 2030. L’indice genitoriale è un primo passo importante per arricchire la nostra comprensione delle complessità della genitorialità oggi – e cosa si può fare per aiutare.

“Quando un bambino nasce, lo è anche un genitore. E sappiamo che nonostante tutte le sue gioie, essere genitori non è sempre facile. Crediamo che tutte le mamme e i papà debbano sentirsi informati, rispettati e supportati nelle scelte che fanno per se stessi e per i propri bambini. Attraverso The Parenting Index, possiamo creare una roadmap per il cambiamento e, per la prima volta, misurarlo – oggi e negli anni a venire. Abbiamo già iniziato questo viaggio aggiornando la nostra politica globale di supporto ai genitori e l’espansione di Nestlé Baby & me– il nostro servizio educativo online per mamme e papà – per assicurarci di affrontare i risultati del nostro studio e fornire un supporto più ampio ai genitori. Ma non possiamo creare cambiamenti misurabili da soli, dobbiamo collaborare e lavorare insieme. Chiediamo a coloro che condividono la nostra visione di unirsi a noi nel rendere questo mondo un posto più facile per essere genitori e crescere generazioni future più sane e più felici “.

Nestlé commissionerà The Parenting Index ogni due o tre anni, al fine di riflettere e tracciare il panorama dell’esperienza genitoriale. Come parte del suo obiettivo di lavorare insieme ad altri per aiutare a rendere la vita dei genitori più facile, Nestlé prevede anche di collaborare con partner che la pensano allo stesso modo e di ospitare tavole rotonde per stabilire una tabella di marcia attuabile su come affrontare le sfide universali della genitorialità del 21 ° secolo come rivelati da Index insights.