20 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

A Villa della Regina “I Piaceri della campagna e della foresta”

PROTAGONISTA L’ORCHESTRA BAROCCA DELL’ACCADEMIA DI SANT’UBERTO

E’ il Salone di villa della Regina, in strada comunale Santa Margherita 79 a Torino, a ospitare domenica 14 aprile alle 16,30 l’ Orchestra Barocca dell’Accademia di Sant’Uberto, diretta da Alberto Conrado. Titolo del concerto “I piaceri della campagna e della foresta”, un appuntamento a ingresso gratuito che – nato in collaborazione Residenze Reali Sabaude, finanziato dal Ministero della Cultura, grazie alla legge relativa ai beni Unesco e dalla Fondazione Crt – vuole promuovere l’arte musicale dei suonatori di corno da caccia, riconosciuta patrimonio Immateriale UNESCO nel 2020, grazie a un dossier internazionale a cui, per l’Italia, ha lavorato, da Torino, proprio l’Accademia di Sant’Uberto. La scelta di villa della Regina non è casuale: è una residenza che domina il paesaggio torinese e che si prolunga nel verde, dal salone con gli affreschi delle stagioni del Crosato, che dialogano con la musica, all’esedra verso il giardino, il ninfeo, il bosco e le vigne restituite nel prezioso restauro, nello spirito che ricorda la Roma barocca del cardinale Maurizio di Savoia e Villa Aldobrandini a Frascati.

Il concerto

Musette barocca o “di corte” e corno da caccia sono i due strumenti solisti principali del programma che, nella musica francese fra XVII e XVIII secolo, evocano la natura, la tranquillità pastorale e la caccia a cavallo con i cani da seguita, la vènerie. Da un lato, il mondo della campagna, con le sue storie d’amore e le sue danze, dall’altro il divertissement per eccellenza dell’aristocrazia, la “Venatio Regia”, rappresentativa del contesto educativo delle élites e status symbol. Due diversi aspetti della natura, dunque, così come veniva vissuta e percepita alle corti tra 1600 e 1700.

La musette è una cornamusa da concerto frutto di complessi e raffinati miglioramenti apportati da grandi maestri in Italia e in Francia, dal Rinascimento in avanti. Persino Leonardo da Vinci consigliò d’adattare alla sacca d’aria dello strumento un mantice, da tenere  “sotto il braccio”, anziché fornirlo di una presa dalla bocca. Nel simbolismo dell’epoca, sul palcoscenico dell’opera, personificava l’amore, la tenerezza, l’innocenza e la pace.

Il corno da caccia, invece, nato per trasmettere segnali nella foresta, passò rapidamente alla musica d’arte, dove avrebbe comunque conservato, fino a oggi, il valore evocativo di spazi naturali e anche pastorali.

Il programma

Il programma, che comprende partiture dove gli strumenti s’incontrano per  duettare insieme, prevede musiche di Dampierre, Michel Corette (la Choisy), Esprit-Phlippe e Nicolas Chédeville, quest’ultimo con la sua reinterpretazione per musette dell’estate delle Stagioni di Vivaldi, e la Sonata da caccia con un cornu, prima partitura al mondo per corno da caccia e prima esecuzione assoluta dell’Accademia (archivi del palazzo arcivescovile di Kromeriz, repubblica ceca , 1680).

Tra gli esecutori Jean-Pierre van Hees, il celebre musicista belga (musette baroque) che già aveva suonato a “Musica a corte” alla Venaria nel 2008 con l’Accademia di Sant’Uberto, Giorgio Pinai, traversiere, gli archi Alessandro Conrado, Paola Nervi, Clara Ruberti e Francesca Zerbo,  e Matteo Cotti, virginale.  La parte del corno da caccia, d’Orléans e barocco,  è affidata al giovane Umberto Jiron, dell’Equipaggio della Regia Venaria dell’Accademia, la comunità riconosciuta UNESCO.

Nel gruppo anche quattro violini, allievi in PCTO (“Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento”) del Liceo Classico Musicale Cavour di Torino, liceo partner della candidatura UNESCO del corno da caccia seguita dall’Accademia di Sant’Uberto. L’attività dell’Accademia mira a promuovere tra le nuove generazioni il corno da caccia, e mette a disposizione dei giovani talenti strumenti originali e tutor esperti per eseguire i concerti nelle Residenze Reali Sabaude. Obiettivo è fare rivivere l’atmosfera che lì si respirava attraverso la musica che ne scandiva i diversi momenti: cacce, parate a cavallo, feste, cerimonie e ricorrenze, come quella di sant’Uberto.

Utilità

Concerto gratuito, con biglietto di ingresso, su prenotazione: tel. 011 8195035, tutti i giorni 10-18, oppure tramite mail drm-pie.villadellaregina@cultura.gov.it

I Piaceri della campagna e della foresta

Orchestra Barocca dell’Accademia di Sant’Uberto

Con la partecipazione di studenti del Liceo Classico Musicale Cavour di Torino in PCTO

(Percorsi per le Competenze Trasversali e l’ Orientamento)

Programma

Echi nella foresta. Le débuché, Le sanglier, corno da caccia d’Orléans

Mr A. Tolou (XVIIIe – s.d.), Sonata in duo, musette e flauto traversiere

Prélude – Gay – Rondeau – Gigue

Michel Corrette (1707-1795), concerto “comique” n. 14 La Choisy, corno da caccia, musette ed

archi. Allegro – Adagio – Allegro

Esprit-Philippe Chédeville (1696-1762), concerto campestre n. 6, musette e flauto traversiere

Gayment – Gracieusement – Gayment

Anonimo, Sonata da caccia con un cornu (1680), corno da caccia ed archi

Antonio Vivaldi (1678-1741) / arr. Nicolas Chédeville (1705-1782), concerto Op. 8 II, Les Plaisirs de l’Eté,

musette ed archi. Allegro – Largo – La Cacia (Allegro)

Organico

Alessandro Conrado, tutor violini I

Paola Nervi, tutor violini II

Giulia Salituro, Giulia Elettra Genovese, Teresa Pironato, Jacopo Ferraris, violini

Clara Ruberti, violoncello

Francesca Zerbo, contrabbasso

Matteo Cotti, virginale

Solisti

Umberto Jiron, corno da caccia (d’Orléans e barocco)

Giorgio Pinai, traversiere

Con la partecipazione di

Jean-Pierre van Hees, musette barocca

Alberto Conrado, Direzione/corno da caccia