3 Marzo 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

In uscita nella sale Via Don Minzoni n.6: delicato racconto sugli affetti familiari

Anteprima il 22 febbraio a Roma al Cinema delle Provincie

Esce in sala (Distribuzione Emerafilm, Produzione 8 Production) Via Don Minzoni n.6, il racconto di formazione, fra nostalgia e consapevolezza, per la regia di Andrea Caciagli con: Francesco Gaudiello, Lia Grieco, Mirko Risaliti, Irene Battaglia, Giusi Merli, Paolo Fratini, Carolina Pezzini, Federico Carchedi, Bruna Orlando e Andrea Butelli. La fotografia curata da Luca Galasso. Il film, in selezione ufficiale al Florence International FIlm Festival, all’ Ostia International Film Festival e al Rome Indie Film Festival sarà presentato in anteprima il 22 febbraio alle 20.30 (replica il 23 alle 18.00) al Cinema Delle Provincie (via delle Provincie 41). Il film parte dopo Roma in un tour attraverso lo Stivale che prende l’avvio in Toscana, là dove il film è stato girato.

Andrea, 28 anni, deve passare l’ultima notte nella casa in Via Don Minzoni n.6 in cui è cresciuto, venduta dopo la scomparsa della nonna, con il compito di consegnare le chiavi ai nuovi proprietari la mattina successiva. Le ultime ventiquattr’ore tra le mura che hanno segnato la sua infanzia sono un lungo amarcord dove gli spazi, i colori e gli oggetti della casa gli riportano alla mente il suo passato e mettono in dubbio il suo futuro. In questo percorso di metabolizzazione della perdita, prima  della nonna e poi della casa del suo cuore,  Andrea cerca una misteriosa scatola blu che contiene qualcosa per lui molto prezioso.

In quest’ultima notte è accompagnato dal suo gruppo storico di amici, che in Via Don Minzoni hanno condiviso esperienze e momenti della loro adolescenza e che decidono di passare la serata con lui per un’ultima partita di poker tutti insieme, una lunga tradizione che morirà con la vendita della casa. Tra la scomparsa della donna che lo aveva cresciuto, il conflitto con i propri genitori e la gioia e l’amarezza di un gruppo di amici ritrovato per il commiato alla casa e alle serate insieme, Andrea attende l’alba della mattina successiva con la consapevolezza che la sua vita sta cambiando per sempre.

Via Don Minzoni n.6 nasce dall’esperienza autobiografica del regista Andrea Caciagli, costretto a lasciare la casa storica di famiglia dopo la scomparsa della nonna, l’ultima persona ad abitare le stanze di Via Don Minzoni. Nella finzione cinematografica, la vendita della casa diventa l’opportunità per il protagonista di ripercorrere i suoi ricordi e di aprire le porte ad una nuova fase della sua vita.

Il film, ambientato con unità di tempo, luogo e azione, si svolge tutto nelle 24 ore precedenti alla mattina in cui il protagonista lascerà la casa per sempre. Nel preparare le ultime scatole per la ditta di traslochi, si riaprono cassetti della memoria che passa dagli oggetti del passato suo e della famiglia: le vecchie fotografie, i quadri ingialliti, i vestiti, le lettere scritte a mano. La macchina da presa si sofferma sulle forme, sui colori, sui contorni sfumati di questi oggetti e di queste memorie rendendo la casa un personaggio vivo e pulsante che parla al protagonista e lo interroga su di sé. Tutto contribuisce a riportare alla mente di Andrea ciò che quelle quattro mura sono state per lui.

Ad accompagnarlo in questo percorso complicato, il gruppo di amici del liceo che decidono di ritrovarsi, dopo tanto tempo, proprio nella casa in cui avevano passato gli anni più spensierati della loro adolescenza. È un commiato collettivo alle stanze in cui sono cresciuti insieme, un rito di passaggio che affrontano in gruppo, prima di lasciare Andrea nella casa le ultime ore della notte. Lì, solo con i suoi ricordi, si muove in quelle stanze alla ricerca di una scatola blu che contiene qualcosa di fondamentale a completare quel rito in tempo per l’alba, quando i nuovi proprietari entreranno in una casa non più sua.

L’idea del film nasce dall’esigenza di raccontare il momento del distacco dall’età dorata dell’infanzia attraverso il luogo che più la rappresenta: la casa. Un contenitore in cui vivono non soltanto gli spazi della propria crescita, ma una serie di tempi sovrapposti, intrecciati, che si raccontano attraverso il cuoio rovinato di un vecchio pallone, un rullino di fotografie, la spaccatura di una mattonella. Quando abbiamo venduto la casa di famiglia, mi sono scontrato con la necessità di affrontare la perdita di tutte queste memorie, memorie che definiscono chi siamo. Così ho scelto di raccontare con un film il significato di questa perdita, il momento di questo distacco, un momento di lutto sì, ma anche di metabolizzazione e di crescita.

Il protagonista porta il mio nome perché il suo passato si intreccia con il mio, si intreccia con le lettere, le videocassette, le fotografie, con i semplici spazi di quelle stanze che hanno accolto la vita di tre generazioni. Fino all’ultima, la più giovane, che ho scelto di riunire nella forma di un gruppo di amici attorno ad una partita di poker che è anche un racconto generazionale, e una tradizione che in tanti hanno portato avanti nella casa di famiglia”.

Il film – spiega Andrea Caciagli – è un commiato e un dialogo con dei luoghi reali, la cui verità, la cui storia si percepiscono attraverso lo schermo. Nel metterlo in scena, ho scelto di raccontare con uno sguardo misurato e movimenti di macchina ridotti al minimo che non enfatizzassero il dolore del distacco, ma che accompagnassero con pudore il pubblico nell’intimità della perdita. Sono stato un passo indietro per mostrare le vicende alla giusta distanza,

per lasciare ai volti dei personaggi, al dinamismo delle parole e agli oggetti della casa il compito di raccontare la storia del protagonista”.

Andrea Caciagli è nato a Fiesole nel 1991. Scrive di cinema tra Firenze e Roma; lavora come regista e assistente alla regia ma anche come direttore di alcune delle riviste di approfondimento culturale:L’Eco del Nulla e Duemilauno.

Dal 2015 è direttore del festival Firenze RiVista. Ha diretto il cortometraggio Origami (2012), il documentario La Bussola (2023) e La leggerezza, documentario autobiografico in fase di post-produzione. Via Don Minzoni n.6 è il suo primo lungometraggio.

I personaggi e il cast

Andrea, 28 anni, malinconico, legato agli affetti, appassionato di letteratura e di cinema. La casa di Via Don Minzoni, dov’è cresciuto con la nonna, è il luogo in cui è diventato la persona che è. Per lui è l’ultima notte prima di lasciarla per sempre. È interpretato dall’attore cinematografico e televisivo Francesco Gaudiello (Il peccato – Il furore di Michelangelo).

Silvia, 28 anni, amica di lunga data di Andrea e parte del trio storico insieme a Matteo. Intelligente, brillante, realista, è l’unica del gruppo a cercare di costringere Andrea ad affrontare la perdita della casa. È interpretata dall’attrice teatrale e cinematografica Lia Grieco, al cinema con Tapirulàn (2022) di Claudia Gerini e protagonista della serie Netflix Luna Park.

Matteo, 28 anni, migliore amico di Andrea. È ironico e disincantato, il sarcasmo è la sua arma contro le difficoltà della vita e contro ogni aspetto della società su cui ha qualcosa da ridire. È interpretato dall’attore Mirko Risaliti, allievo di Stefano Massini.

Gina, 80 anni, vicina di casa della famiglia Ceccanti da sempre. Per lei Andrea è un nipote acquisito che ha cresciuto come fosse il suo, e viene da lui ricambiata con lo stesso affetto. È interpretata da Giusi Merli, attrice di lunga esperienza teatrale al cinema con La grande bellezza (2013) di Paolo Sorrentino, nel ruolo de “La Santa”, e in Dune – Parte due (2024) di Denis Villeneuve.