22 Febbraio 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Bressanone/Alto Adige: Le donne plasmano le piste, il paesaggio e la gastronomia

La montagna locale di Bressanone, LA Plose, è il luogo di lavoro di donne speciali che “tengono duro” con passione: sia che si tratti di designer di piste, di guide escursionistiche o di leggende dello sci.

L’Everest, l’Eiger, il Kilimangiaro: tutte le montagne famose del mondo, comprese quelle dell’Alto Adige, come l’Ortles, il Tribulaun, lo Sciliar, sono sostantivi maschili. Tutte? No, perché la montagna locale di Bressanone è femminile. LA Plose. La montagna locale per lo sci, il tempo libero e le escursioni è da sempre strettamente legata alla città più antica del Tirolo. Almeno una volta al giorno, ogni abitante di Bressanone guarda la Plose: quanta neve c’è, splende il sole, com’è la pista Trametsch, la funivia è in funzione? Anche di notte è possibile vedere le luci che si muovono sulla Plose mentre i battipista preparano la pista Trametsch per il giorno successivo. Da qualsiasi punto della città, la Plose è semplicemente lì!

Per gli appassionati di sport invernali, la Plose offre non solo oltre 40 km di piste per sciatori e snowboarder, ma anche più di 12 km di sentieri per escursioni invernali e oltre 12 km di piste per slittini. Sulla Plose è ora possibile fare le proprie curve sulla “neve con effetto benessere”. “Il nuovo metodo di innevamento consente di risparmiare acqua ed elettricità e ha un effetto positivo sul rafforzamento del sistema immunitario grazie alla riduzione dell’elettrosmog”, si legge sulla homepage. Un’altra novità è la ferrovia di montagna con la stazione intermedia, che consente a sciatori, snowboarder e slittinisti di utilizzare più volte la parte superiore della pista Trametsch e la pista da slittino Rudi Run 4.0. Un’altra novità è la pista Plosebob, che copre 147 metri di altitudine su un percorso guidato da una rotaia. www.plose.org

Questo forte legame tra la città e la montagna ha caratterizzato molti abitanti di Bressanone. Molte persone lavorano su e intorno alla Plose, e ci sono anche donne che svolgono attività uniche. Ecco le storie di cinque donne speciali, le loro professioni e le loro vocazioni.

Monica Borsatto, la professionista delle piste

Nata a Padova (Veneto), ha ereditato la passione per la montagna dalla famiglia che la portava l’estate fin da piccola a Bressanone. Nella sua prima vita ha girato le piste da sci del mondo come sciatrice atleta. Poi ha intrapreso un percorso di laurea insolito: ingegneria civile con indirizzo alpino. Ma non solo: è anche a capo del soccorso alpino di Bressanone. Il suo lavoro principale, tuttavia, è la progettazione di funivie, piste da sci e impianti di innevamento dal suo ufficio di progettazione a Bressanone. La si può trovare spesso sulla Plose, dove è in giro con gli sci da alpinismo o da telemark.

Trametschhütte

Maria Fink, la fata delle piste

La sera, quando è buio, gli impianti di risalita non sono più in funzione e tutti hanno lasciato la Plose, Maria Fink accende il motore del suo gatto delle nevi e si lancia su e giù per le piste. Da due anni a questa parte, la ventunenne rafforza la “squadra maschile” di quattro persone che ogni sera si occupa di preparare alla perfezione le piste da sci della Plose. Maria ha frequentato una scuola secondaria specializzata in agricoltura e d’estate aiuta lo zio nella fattoria. Nel tempo libero, Maria ama sciare, ma è anche volontaria presso la Croce Bianca.

Trametschhütte

Linda Stricker, la noleggiatrice di sci

Anche lei sciatrice, l’olandese con radici asiatiche sposò il “Cavallo pazzo” di Bressanone Erwin Stricker, che faceva parte della leggendaria “Valanga azzurra” del circo bianco italiano. Quando la loro carriera agonistica si concluse, Erwin e Linda si dedicarono a un’attività che all’epoca era ancora agli inizi: il noleggio di sci e attrezzature invernali. Dalla morte del marito, nel 2010, Linda gestisce non solo Rent and go con 70 punti di noleggio sci in tutta Italia, ma anche Sportservice Erwin Stricker con sette punti di noleggio, dodici stazioni di biciclette e tre negozi di articoli sportivi in Alto Adige, uno dei quali si trova presso la stazione a valle della funivia della Plose.

Karin Kinigadner, la guida naturalistica

“I miei ospiti tornano a casa con uno zaino pieno di esperienze, emozioni e pace interiore”, dice Karin. Ed è vero, perché chi viaggia con la guida escursionistica qualificata e certificata, l’istruttrice di relax e salute Kneipp e l’esperta di bagni nella foresta in inverno e in estate non solo fa escursioni, ma sperimenta anche la natura con tutti i sensi. Quali erbe crescono lungo i sentieri, in quale era geologica si è formata la Plose, posso trovare la pace nella natura con il Qi Gong, in quale baita si trova la migliore merenda tradizionale, è più emozionante il tramonto o l’alba, cosa succede in una notte di luna piena sulla Plose? Tante domande a cui Karin può rispondere durante le sue varie attività all’aperto.

Rosi Ellemund, la gestora del rifugio

Famosa è la discesa a valle Trametsch, che si snoda dalla Plose a valle fino a Sant’Andrea. Poco prima della fine della pista il rifugio Trametschhütte è famoso e frequentato sia dalla gente del posto sia dagli ospiti. Posizione soleggiata, splendida vista panoramica e ottima cucina. Rosi Ellemund, la padrona di casa della malga, prepara ogni giorno specialità fresche con particolare attenzione alla regionalità, alla stagionalità e ai cicli più brevi, la carne per gli apprezzatissimi Trametschburger proviene dai propri animali. Se volessi provare i piatti tradizionali, dovresti provare le diverse varianti di canederli. C’è solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda i dolci: Kaiserschmarrn o tiramisù?

Vista sulla Plose

Da Varna, a nord di Bressanone, la strada si addentra in una piccola valle alpina. Spelonca non ha impianti di risalita, ma è un paradiso per le escursioni invernali per chi cerca pace e tranquillità e per gli amanti della natura. A Spelonca si è particolarmente orgogliosi della pista naturale per slittino lunga 3,2 km. A piedi e a passo tranquillo, si attraversa il bosco innevato fino a 1.785 metri di altitudine. La discesa, invece, è rapida con un dislivello di 355 metri. Non dimenticate il casco e buone scarpe. Nelle immediate vicinanze, alla fine della pista da slittino, a 1.400 metri di altitudine, si trova il regno di Elisabeth Larcher. Insieme al marito, gestisce il maso di montagna Gostnerhof con vista panoramica sulla Plose, sulla conca di Bressanone e su alcune delle famose cime dolomitiche. Oltre alle sei camere doppie con il romanticismo di una baita di montagna, il maso dispone anche di un piccolo ristorante dove si possono gustare i piatti della tradizione contadina. Famosi sono gli Schlutzkrapfen di Elisabeth, che a seconda della stagione vengono riempiti con spinaci, spinacino selvatico, ortica o girardina silvestre dell’orto. Un vero e proprio consiglio da insider non solo per gli amanti dello slittino!