16 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Confimprese Palermo e il Black Friday: “Lotta impari contro il commercio on line”

In questi giorni si è acceso un dibattito sulla prossima data dei saldi invernali con la proposta di spostarli un mese più avanti. Questo dibattito si apre in prossimità del Black Friday che quest’anno dovrebbe cadere il 24 novembre ma ormai nella maggior parte dei casi si è trasformato in Black Week.

Da giorni, molte catene nazionali fanno gli sconti facendo riferimento al Black Friday mentre il colosso delle vendite on line Amazon parte oggi con gli sconti.

La vetrina di un negozio a Palermo

“In Italia nel 2022 la Black Week ha visto una crescita del commercio on line pari al 197 per cento rispetto al 2021 e nel 2023 – dichiara il presidente di Confimprese Palermo Giovanni Felice – ed è previsto che nella Black Week, il 58 per cento acquisterà almeno un articolo on line”.

Nella settimana del Black Friday 2022 secondo Confimprese Palermo, il commercio on line ha registrato, ogni giorno crescite tra il 212 ed il 233 per cento.  Stando ai dati NielsenIQ, nel 2022 il fatturato di novembre degli acquisti on line ha superato i 180 milioni di euro trascinato proprio dal Black Friday.

Inoltre, i base ai risultati dell’Osservatorio digital FMCG (Fast Moving Consumer Goods), rilevazione periodica di Netcomm in collaborazione con NielsenIQ, a chiusura anno 2022, c’è stata una crescita globale dell’e-commerce del largo consumo del 10,5 per cento rispetto all’anno precedente.

Ciò però che colpisce maggiormente è la ripartizione per aree geografiche che evidenzia una vera e propria esplosione di vendite sul web nel  Sud (Area NielsenIQ 4: Sicilia, Calabria, Campania, Basilicata, Puglia, Abruzzo e Molise) con un +30,8 per cento, un tasso cioè ben cinque volte superiore a quello del commercio offline che ha conseguito un +7,3 per cento.

Significativo il confronto con le altre aree del paese che mostrano il Centro Italia crescere del 14,8 per cento, il Nord Est del 10 per cento ed il Nord Ovest del 6,7 per cento. Da notare che quest’ultimo composto da Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta e Liguria, è il territorio che detiene storicamente la quota maggioritaria di commercio elettronico.

Analizzando questi dati, Felice lancia una provocazione. “Davanti alla crescita travolgente del commercio on line è pazzesco continuare a mettere freni e balzelli al commercio fisico– conclude– I commercianti in regola sono in balia sia del commercio on line “regolare” che di quello irregolare.

Sono tante le dirette on line fatte sui social senza avere alcuna autorizzazione commerciale, partita IVA o iscrizione ad enti previdenziali, tutte prescrizioni richieste dalla legge – continua Felice – A questo si aggiunge l’incapacità da parte delle istituzioni di contrastare i fenomeni di abusivismo dilagante. Invece di proporre catene e balzelli che valgono solo per il commercio tradizionale, sarebbe più semplice consentire ai commercianti di potere competere ad armi pari. Bisognerebbe abolire tutti i vincoli burocratici, azzerando la montagna di adempimenti divieti, tasse ed imposte incluse.

Del tutto inutile poi azzardare di posticipare i saldi, una mossa che sarebbe un autogol per la categoria dato che tutti i consumatori si aspettano l’inizio delle svendite ormai sempre nelle date tradizionali e cioè i primi di gennaio”.