21 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Viaggio di nozze: 4 idee per visitare in coppia le Canarie


Mare cristallino, spiagge paradisiache e ambienti naturali unici al mondo.
Le Isole Canarie sono la destinazione da considerare per organizzare una luna di miele emozionante, esotica e a poca distanza dall’Italia.

Un viaggio di nozze alle Isole Canarie ha diversi vantaggi: l’arcipelago spagnolo può essere visitato in ogni momento dell’anno grazie al clima mite, che consente in tutte le stagioni sia di fare vita di mare sia di godere dell’entroterra attraverso numerose escursioni. A questo si aggiunge la vicinanza geografica: per raggiungere le Canarie dall’Italia ci vogliono solo quattro ore e mezza di volo.

Le isole sono vicine tra loro, il collegamento è garantito da traghetti e voli interni e per questo si può visitare più di una isola nello stesso viaggio. L’arcipelago si trova in Europa e quindi non serve avere il passaporto; si parla lo spagnolo e la moneta locale è l’euro. Non da ultimo la bellezza degli scenari: la varietà degli ambienti e la particolarità di questi territori assicura emozioni da ricordare tutta la vita.

Per un viaggio di nozze indimenticabile su queste isole, sono disponibili diversi itinerari, ma ce ne sono alcuni che spiccano più di altri. Ecco quali:

Tenerife e El Hierro: le isole delle emozioni

Arrivare a Tenerife dopo aver organizzato un matrimonio è la scelta giusta per rigenerarsi, staccare dalla routine e prepararsi a vivere grandi emozioni. Essendo una meta turistica consolidata, dispone di una straordinaria offerta di strutture ricettive, dalle più esclusive alle più semplici, in cui rilassarsi circondati da tutti i comfort e servizi. Per chi vuole cominciare dal mare, ci sono spiagge tranquille e lontane dai centri abitati in svariati punti della costa. Ce ne sono di scura sabbia vulcanica (come El Socorro, a Los Realejos nel nord di Tenerife) o sottoforma di meravigliose piscine e pozze naturali riparate dalle onde.

Due esperienze da non perdere a Tenerife sono la salita sul vulcano El Teide in funivia e l’escursione in barca per osservare il passaggio di delfini e balene.

Guardare il tramonto in cima al Monte Teide, il terzo vulcano più grande al mondo e patrimonio mondiale dell’Unesco, è un’esperienze poetica: la luce del giorno si attenua lentamente e il cono d’ombra si proietta sul mare. Il vulcano è parte del Parco Nazionale del Teide, al suo interno si snodano itinerari escursionistici per tutti i livelli.

Osservare le varie specie di cetacei che nuotano in libertà nelle acque del sud-ovest di Tenerife, uno dei pochi posti al mondo in cui si possono avvistare così vicino alla costa, è un’esperienza altrettanto difficile da dimenticare. Oltre ai capodogli e ai delfini che vivono qui tutto l’anno, questa zona straordinaria è attraversata anche da balene blu e orche. Un vero e proprio santuario per questi incredibili mammiferi, che trovano qui le condizioni ideali per alimentarsi e riprodursi. Le visite sono organizzate solo dalle barche che rispettano la sicurezza degli animali (barco azul).

Dall’aeroporto di Tenerife Norte partono anche i voli diretti per El Hierro, in alternativa ci vogliono quattro ore di navigazione. Il suo capoluogo Valverde è una cittadina tranquilla e affascinate: si trova nell’entroterra a circa 600 metri di altezza, immersa nella ricca vegetazione dell’isola. El Hierro è natura allo stato puro, e anche il turismo è cresciuto nel rispetto dell’ambiente, facendo della sostenibilità la sua bandiera. Sta inoltre per raggiungere l’autosufficienza energetica attraverso energie pulite e rinnovabili.

Uno dei simboli di El Hierro è Charco Azul, una piscina naturale di origine vulcanica, protetta dalle onde provenienti dall’Oceano. Quest’angolo non solo regalerà alle coppie piacevoli bagni nelle sue acque turchesi, ma lascerà anche sensazioni di benessere e momenti di profondo contatto con la natura. Facilmente raggiungibile, la piscina si trova nella magnifica valle di El Golfo.

Per aggiungere una dolce nota gastronomica, non si può non assaggiare la quesadilla, il dolce per eccellenza di El Hierro. Il suo ingrediente principale è il formaggio prodotto artigianalmente sull’isola, a cui si aggiungono uova, anice verde, scorza di limone, zucchero e cannella.

La Palma e La Gomera: le isole della natura

L’isola di La Palma è un richiamo per le coppie a caccia di tesori naturali. Nominata Riserva Starlight, quando il sole tramonta su questa isola inizia la magia: la volta stellata è senza paragoni. Il cielo è limpido e trasparente, uno dei migliori al mondo per l’osservazione del cielo grazie al basso inquinamento luminoso.

E se ci immergiamo sott’acqua? C’è un altro mondo. L’isola ospita una delle tre Riserve Marine delle Isole Canarie, un paesaggio vulcanico sottomarino di grande bellezza, dove abbondano grotte, archi e falesie, dimora di diverse specie, alcune uniche al mondo.

Per raggiungere La Gomera da La Palma ci vogliono da due a quattro ore di traghetto. L’isola è dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO: il 33% dell’isola è stato dichiarato spazio naturale protetto e, oltre al Parco Nazionale di Garajonay, l’aspro rilievo dell’isola offre caratteristici paesaggi di burroni, palmeti e coltivazioni terrazzate.

Gran Canaria e Fuerteventura, colori al massimo della saturazione

Visitare Gran Canaria per la luna di miele garantirebbe già un grande viaggio, anche se avendo a disposizione una decina di giorni vale la pena visitare due isole e quindi allungarsi fino a Fuerteventura. Sono destinazioni che riempiranno gli album di fotografie per la ricchezza e vivacità dei colori. La prima delle due isole è anche chiamata “il continente in miniatura” per la diversità di ambienti che si possono visitare. Nell’arco di una giornata, le coppie possono godere di meravigliose spiagge circondate da dune di sabbia, e salire sulle cime di montagne ricoperte da boschi di pino canario, come il Parco Naturale di Tamadaba, il cui verde risalta sulla scura terra vulcanica. Da non perdere sulla strada GC-200 il belvedere sospeso nel vuoto di El Balcón, da dove si possono ammirare le scogliere a forma di coda di drago, o allungarsi fino alla spiaggia appartata di Guayedra con la sua gola costellata di palme.

Gran Canaria e Fuerteventura sono unite da collegamenti aerei diretti, ci vogliono circa quaranta minuti di volo. Per le coppie che vogliono cimentarsi negli sport nautici ci sono diverse scuole e centri di surf, windsurf, kitesurf, vela o sci nautico per iniziare insieme uno sport nuovo o perfezionare il proprio stile. I venti alisei, le acque trasparenti, insieme ad un fondale marino unico consentono anche ai principianti di trovare campi pratica per mettersi alla prova con queste discipline.

Lanzarote e La Graciosa: una terra estrema

Cavallo, barca, bicicletta o automobile: vale ogni mezzo per scoprire i tesori di Lanzarote, anche quelli che si spostano grazie alle correnti atmosferiche come il parapendio. Perché allora non provarli? Ad esempio, a Famara sulla costa nord di Lanzarote dove gli atterraggi sono semplici e dall’alto si arriva a vedere il Mirador del Rio.

Certe nuove esperienze sono da festeggiare e celebrare con un buon bicchiere di vino. E a Lanzarote non mancano certo le occasioni per provare i suoi vini vulcanici e scoprire come sia possibile che su queste terra aride e sempre battute dal vento sia possibile la coltivazione dell’uva. La Geria, la zona che si trova a nord di Puerto del Carmen, da cui dista una decina di chilometri, è infatti una zona di coltivazione unica al mondo, in cui le viti crescono dentro a buche di forma conica, protette da muretti a secco che disegnano incredibili geometrie nel paesaggio. Le terre vulcaniche conferiscono ai vini una gradevole e inconfondibile gamma di sfumature nel profumo e nel sapore.

A solo mezz’ora da Lanzarote, collegata grazie a moderne imbarcazioni che effettuano diversi viaggi di andata e ritorno al giorno, La Graciosa è la più piccola delle Canarie all’estremità più a est dell’arcipelago, la meta per gli sposi che sognano disconnessione dal mondo e connessione assoluta con la natura. L’isola è pianeggiante e ci permette di scoprire le sue splendide spiagge anche in bicicletta.