28 Novembre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

GRAN FINALE A TORINO PER IL FESTIVAL PAGLIACCE

Claudia Cantone, ex profiler e ora clown. Si esibisce sabato alle 18,30

SPETTACOLI PER GRANDI E PICCINI NEL WEEKEND. E DOMENICA C’E’ IL “BIBLIOCLOWN”

Gran finale, nel weekend a Torino, per “Pagliacce”, il primo festival internazionale di donne clown. Sotto lo Chapiteau Madera, montato negli spazi del Bunker (via Niccolò Paganini 0/200 a Torino), un pieno di spettacoli al femminile: il cartellone accontenta tutti, perché mescola spettacoli per bambini ad altri per adulti.

 La star del fine settimana è Gardi Hutter, dalla Svizzera, una delle clown donne più famose al mondo. Artista teatrale e autrice, ma soprattutto commediante-clown, vanta più di 3800 rappresentazioni dei suoi spettacoli in 35 paesi e 5 continenti. Nella sua vita ha creato nove spettacoli teatrali, un programma circense, tre musical e ha ricevuto 19 premi ricevuti. Sabato alle 21 porta la sua ultima creazione, “La sarta”. 

C’è molta attesa anche per Claudia Cantone (sabato alle 18,30), una donna che ha una storia davvero curiosa alle spalle: per 17 anni ha fatto la profiler in Polizia, per poi decidere di cambiare vita e abbandonare tutto. Ora è una clown: a Torino porta un’opera originale che è anche una ferma accusa contro la violenza fisica e strutturale che ha oppresso milioni di donne fin dai tempi antichi.

Sempre tra le proposte “per i grandi”, venerdì sera (inizio alle 21) è di scena Serena Vergari, in “Holy Boobs”: protagonista è un clown/donna che vive la sua tragedia di inadeguatezza social. Ogni suo tentativo di rivalsa risulterà sgraziatamente comico.

Tra le proposte per i  più piccoli, segnaliamo, invece, “Magari” di Emanuela Belmonte e Alessandra Lanciotti (un mix di teatro fisico, clown teatrale, acrobatica aerea e musica dal vivo alle 17 di venerdì),  Paula Malik in “Clementina, la eterna enamorada” (ore 16 di sabato: si parla di Principi Azzurri) e domenica alle 10,30 il «Biblioclown», uno spazio dedicato alla lettura e al gioco per raccontare che cos’è il circo contemporaneo. E, ancora, domenica alle 11 Roberta Paolini e alle 16 il duo Jenga.

A chiudere il palinsesto, alle 18 di domenica “Pagliacce cabaret” , un omaggio all’universo comico femminile che esplora il linguaggio del clown con un’impepata di femminilità. Protagonista Pagliacce Network che, con Le Due e Un Quarto, organizza questo festival con il sostegno del Ministero della Cultura. Pagliacce Network è la prima rete italiana di donne clown nata per promuovere la comicità femminile. In Italia, in un solo anno di vita, ha già radunato quasi 90 artiste professioniste.

Il programma completo è consultabile su www.ledueunquarto.it/pagliacce/.

Alcuni appuntamenti e spettacoli sono gratuiti. Altri a pagamento. I biglietti, in questo caso, sono acquistabili sul sito www.ticket.it oppure durante il festival allo Chapiteau Madera, allo Spazio Bunker, via Paganini 0/200, Torino.

L’ULTIMO WEEKEND DEL FESTIVAL

Venerdì 18 novembre

Lucia Fusina: Leon&Io, ore 10

Spettacolo per le scuole
Ingresso 6 €

Dai 3 anni in su
Durata 50 minuti
Spettacolo

Di e con: Lucia Fusina

Regia: Micheline Vandepoel

Leon&Io è un viaggio senza parole nell’universo del non-verbale per raccontare una storia di emozioni, fallimenti e conquiste.
Un grande sipario chiuso nasconde qualcosa, tutto è pronto e la Clownessa fiera presenta il suo Leon ma…lui dov’è?
Inizia, così, un gioco di apparizioni e sparizioni dietro il sipario, alla ricerca del famoso Leon!
La Clownessa scopre lo spazio della scena: una piccola pista da circo, un trapezio, un sipario, il pubblico. Non è sola, con lei c’è Leon, un leoncino di pezza che la accompagna ovunque, come i pupazzi e gli oggetti cari a molti bambini. Leon è un amico, un confidente e soprattutto un potente leone capace di infondere coraggio e determinazione con i suoi ruggiti!

Emanuela Belmonte, Alessandra Lanciotti: Magari ore 17

Biglietto Rainbow
Dai 6 anni in su
Durata 50 minuti
Spettacolo

Di e con: Emanuela Belmonte, Alessandra Lanciotti.
Regia: Emanuele Avallone
Coproduzione: La Compagnia della Settimana Dopo

Magari è la storia di due strani personaggi sospesi in un luogo senza tempo. È uno spettacolo poetico e buffo che parla con delicatezza dell’importanza di prendersi cura dell’altro e della difficoltà di comunicare con gli altri. Il senso del gioco pervade ogni cosa, permettendo alle protagoniste di superare con comicità e poesia i problemi e le paure che si trovano ad affrontare.
Teatro fisico, clown teatrale, acrobatica aerea e musica dal vivo, così le due attrici mettono in scena un dialogo tanto strampalato e surreale quanto intenso, nel quale, in fondo, ognuno di noi può riconoscersi.

Angela Delfini: Tutto in un Soffio ore 19

Biglietto Rainbow
Per tutti
Durata 40 minuti
Spettacolo

Di e con: Angela Delfini
Aiuto regia: Giuseppe Vetti

Dalle fredde montagne alla felicità del festival resta ancora qualche desiderio incompiuto, una fantasia proibita.
E se per diventare l’icona indiscussa di tutti i tempi bastasse un soffio? In una esilarante centrifuga di classici da cabaret, Angela Delfini si servirà di ogni mezzo e persona per raggiungere l’intramontabile sogno Hollywoodiano.
Da Los Angeles, arriva fino a qui. the BeautyFOOL Angela Delfini con Tutto in un Soffio.

Spettacolo di Visual Comedy e Clown.
In questo spettacolo c’è un forte uso dell’ironia, il gioco con i volontari che diventano parte fondamentale per la creazione della storia che pagliaccia e pubblico vivono insieme.

La diva, The beautyFool Angela Delfini arriva da un freddo lontano per portare il suo show proprio QUI…

È una diva improvvisata? O una vera diva? Forse si.

Una diva del fracasso appunto, che la porterà a realizzare il suo sogno hollywoodiano e restare l’icona indiscussa di tutti i tempi.

Serena Vergari: Holy Boobs ore 21

Biglietto Rainbow
Da 12 anni in su
Durata 50 minuti
Spettacolo

Autori: Serena Vergari e Paolo Gargiulo
Regia: Paolo Gargiulo
Interprete: Serena Vergari
Disegno Luci: Luca Carbone

HOLY BOOBS è il culto di ciò che è l’immagine della donna.
Un viaggio estetico affidato alle mani di un clown che barcolla e inciampa in meccanismi fuori da ogni sua comprensione, perdendosi come una bambina in giochi apparentemente inutili, dettati da un’adulta disperazione.
In Holy Boobs il clown/donna, vive la sua tragedia di inadeguatezza sociale ed ogni suo tentativo di rivalsa risulterà sgraziatamente comico.
Holy Boobs è il sublime che precipita nel grottesco.

Rossella Charms Dj set ore 22

Appuntamento gratuito

Sabato ore 19 novembre

Paula Malik: Clementina, la eterna enamorada ore 16

Biglietto Rainbow
Dai 6 anni in su
Durata 1 ora
Spettacolo

Idea originale, regia e interpretazione: Paula Malik
Co-regia: Stéphane Pillet
Produzione generale: Stéphane Pillet – Roberto Manrique
Illuminazione: Stéphane Pillet
Drammaturgia: Catalina del Castillo
Costumi: Ana Milena García

Esiste il Principe Azzurro?
La felicità di ogni donna risiede in questa semplice ricerca?
Questa ricerca è la ragione della sua esistenza?
Questo sogno, creato dalle fiabe, non è forse un meccanismo di controllo? Siamo padroni della nostra felicità?
Queste sono le domande che circondano l’intero sviluppo di questo pezzo in cui Clementina, un clown, cerca la felicità, cerca l’Amore.
La sua proposta estetica si ispira al riciclo, facendo una metafora sul “riuso” dell’amore e delle esperienze amorose…
Con questo spettacolo, la regista e interprete realizza una catarsi della propria vita e inizia il cammino verso la ricerca dell’amore di sé.

Claudia Cantone: Joker ore 18,30

Biglietto Rainbow
Dai 12 anni in su
Durata 55 minuti
Spettacolo

Clown protagonista: Claudia Cantone
Autrice: Claudia Cantone
Regia: Carlo Mo/Claudia Cantone
Drammaturgia: Xesco Izquierdo
Sound editor: Nicholas Persiani
Foto: Susana Chico’

Demiurgica femenina de lo oculto.

Opera originale pubblicata con successo in Spagna, Portogallo e Italia. La protagonista, Claudia Cantone, in chiave buffonesca e clown, propone allo spettatore un gioco di specchi interpellativi, frutto della presa di coscienza delle donne, ma al di là dei parametri socialmente e culturalmente stabiliti. L’esercizio del libero arbitrio e della trasgressione come formula evolutiva.
È anche una ferma accusa contro la violenza fisica e strutturale che ha oppresso
milioni di donne fin dai tempi antichi. Un controluce di lutto. Un incontro che germina nel pubblico più domande ed impatto che risposte compiacenti.

Aperitivo Lambe Lambe ore 19,30

Appuntamento gratuito
Per tutti
4/5 minuti a spettatore

Goditi una birretta e qualche stuzzichino mentre aspetti il tuo turno!
Durante l’aperitivo, Il collettivo Lambe Lambe ci propone spettacoli di teatro in miniatura per una persona alla volta!

La tecnica del Teatro Lambe Lambe ha la sua massima diffusione in Brasile e in molti paesi del Sud America e Centro America come Cile, Argentina e Colombia.
In questo genere di teatro i personaggi sono solitamente marionette, ombre o altri generi di figure animate di piccole dimensioni, da “spiare” attraverso una scatola!
La delicatezza del teatro Lambe Lambe sta proprio nel dettaglio delle sue miniature che condensano i valori del mondo e nella prossimità con il pubblico: si forma un’intensa triangolazione tra l’artista, gli elementi dello spettacolo e lo spettatore. Le immagini e il gioco di manipolazione invitano il pubblico ad aprire l’immaginario e a riflettere: quanto più l’artista lavora sui dettagli di costruzione e manipolazione, tanto più lo spettacolo “vive”.

Gardi Hutter: La Sarta ore 21

Biglietto Gold
Per tutti
Durata 95 minuti
Spettacolo

Artista: Gardi Hutter
Messa in scena: Michael Vogel (Familie Flöz)
Musica: Franui
Suono: Dirk Schröder
Video: Andreas Dihm
Scenografia: Urs Moesch/ Fausto Milani
Luci: Reinhard Hubert
Spalla: Ferruccio Cainero
Tecnici: Raffaella Benini, Andrea Cosentino
Grafico/Foto: Stephan Bundi

Il suo mondo è il tavolo della sartoria. Sbirciando tra gli occhielli si intravede la stoffa di mille racconti.
Tra bambole di pezza e manichini danzanti, Gardi Hutter cuce la trama dello spettacolo senza risparmiarci sforbiciate e cattiverie.
Nella scatola da cucito si aprono abissi e con così tanti rocchetti, perfino il destino può perdere il filo…
Gardi Hutter e Michael Vogel creano, con LA SARTA, un pezzo teatrale sulla Finitezza dell’essere e l’Infinito del Gioco. Al di fuori del tempo.

Casserata Dj set ore 22,30

Appuntamento gratuito

Domenica 20 novembre

BiblioClown ore 10,30

Attività per bambini

Dai 5 anni in su
Durata 30 minuti
Partecipazione gratuita

BiblioClown è una biblioteca itinerante!

Attraverso alcuni libri a tema scopriremo insieme cos’è il mondo del Circo contemporaneo tra realtà e finzione… Un momento di lettura e gioco dedicato ai più piccoli!

Roberta Paolini: La casalinga ore 11
Biglietto Rainbow
Per tutti
Durata 1 ora
Spettacolo

Regia: Philip Radice
Aiuto regia: Bano Ferrari, Valentino Rossi
Voice Off: Bano Ferrari
Costumi: Simona Randazzo
Scenografia: Marta Fumagalli, Riccardo Pirovano, Barbara Crimelli
Altri oggetti di scena: Andrea Mangiameli, Federica Frigo, Dario Bellotti

Può l’apparizione di un’orrenda macchia sconvolgere la vita di una persona?
Sì, se questa persona è LA SUPERCASALINGA cresciuta seguendo gli opprimenti insegnamenti della madre da cui ha appreso ogni segreto in fatto di cura della casa, ordine e disciplina.
Uno spettacolo divertente che utilizza il teatro fisico, il clown e una buona dose di follia per trascinarvi in una classica avventura da supereroi con tanto di sigla, effetti speciali e colpi di scena.

Duo Jenga: “Deja vu” ore 16
Biglietto Rainbow
Per tutti
Durata 1 ora
Spettacolo

Occhio esterno: Andrè Casaca
Aiuto registico: Antonio Villella
Scritto e interpretato da: Gaia Matulli e Jessica Da Rodda
Disegno luci: Giulia Trupiano

Deja vù è uno spettacolo comico e poetico che trasporta il pubblico negli “anni ruggenti”, l’era del jazz, del dadaismo e del surrealismo attualizzandoli con ironia e leggerezza.
Due clownesse molto diverse intrecciano le loro vite tra armonie e disarmonie creando immagini oniriche che affiorano nella mente come deja vù dal sapore retrò. La manipolazione di oggetti quotidiani, che li decontestualizza del loro ruolo, rende intriganti e sorprendenti i giochi che nascono tra queste due assurde figure.

Network Pagliacce: “Pagliacce cabaret”  ore 18
Biglietto Rainbow
Per tutti
Durata 1 ora
Spettacolo

Pagliacce Cabaret è un omaggio all’universo comico femminile che esplora il linguaggio del clown con un’impepata di femminilità.

60 minuti di follia, Per una serata supercalifragilistichespiralidosa!

Biglietti online: si acquistano su www.ticket.it

Rainbow (per tutti tranne che dove segnalato)

Intero: 11,50 +1,50 d.p

Ridotto: 8,50 + 1,50 d.p

Carnet Rainbow: 5 spettacoli a scelta per 40 euro

ogni ridotto carnet 6,80 +1,20 d.p

Gold (solo spettacoli segnalati come Gold)

Intero: 14 +2 d.p

Ridotto: 11,50 +1,50 d.p

Biglietti cassa

Rainbow (per tutti tranne che dove segnalato)

Intero: 13

Ridotto: 10

Carnet Rainbow: 5 spettacoli a scelta per 40 euro

ogni ridotto carnet 6,80 +1,2 d.p

Gold (solo spettacoli segnalati come Gold)

Intero: 16

Ridotto: 13

Professionale: 7