1 Ottobre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Zatò e Ychì

Domenica 9 settembre – Ore 21:00

Una produzione ASMED – Balletto di Sardegna

con il contributo del

Ministero della Cultura e Turismo e della Regione Autonoma della Sardegna


Progetto regia e ideazione costumi: Senio G.B. Dattena
Coreografia e Danza: Valeria Russo e Lucas Monteiro Delfino
Percussionista: Marco Caredda 
Realizzazione Costumi: Stefania Dessi,

con le allieve dell’Istituto per i Servizi Sociali S.Pertini (Cagliari) 
e del Liceo Artistico G.Brotzu (Quartu Sant’Elena)

SPAZIO MATTA 

Via Gran Sasso 53

Pescara

Venerdì 9 settembre al festival CORPOGRAFIE di Pescara sarà protagonista il Balletto di Sardegna con la produzione, Zatò e Ychì, interpretata da Valeria Russo e Lucas Monteiro Delfino. Lo spettacolo è in programma alle ore 21:00 presso lo Spazio Matta.

La storia si ispirata a Zatoychi, Zatò per gli amici, un invincibile spadaccino cieco della tradizione giapponese, a cui in Giappone hanno dedicato numerose serie tv e di recente un film. La compagnia ha voluto sottolinearne i contenuti ma soprattutto l’ironia che lo permea, cercando di reinventare a proprio modo l’Oriente mitico che lo caratterizza.

“Per noi – affermano i coreografi e danzatori – Zatoychi divide in due la sua anima, scindendosi in forma maschile e femminile, e diventa Zato’ & Ychi’, due samurai che si scontrano in tre cruentissimi combattimenti, sostenuti e incalzati nel loro serrato confronto da clangori metallici e dal ritmo profondo delle percussioni.”

Zato’ & Ychì è una performance emozionante e senza respiro ideata da Senio G.B. Dattena, anche autore dei costumi, elemento essenziale della performance, trapuntati con miriadi di campanelli; vere e proprie sculture sonore che ricordano alcuni felici esperimenti teatrali della Bauhaus. Concepiti con oggetti metallici incorporati che al momento opportuno vengono scossi e percossi, sono infatti i costumi stessi a creare una colonna sonora e a dettare in parte, col loro peso e volume, il movimento dei danzatori. Una condizione che vede i duellanti affrontare non solo la violenza dello scontro, ma anche il peso delle proprie armature sonore; al contrario il terzo combattimento è rarefatto e nudo, dal momento che i samurai indossano degli Hakama, indumenti alle cui pieghe vengono fatti corrispondere i precetti del Bushidō, il codice di condotta morale del guerriero giapponese.

La performance procede secondo una sorta di sottrazione, la tensione permane tuttavia inalterata e intensa con un oggetto che completa l’armamentario sonoro di questa pièce: un bidone di latta, elemento scenico da percuotere come un tamburo.

Chi siano costoro, e cosa rappresentino, non è dato sapere. Appartengono ad una civiltà umana dimenticata da milioni di anni? sono i superstiti di un futuro postatomico? a riguardo della loro identità siamo liberi di immaginare altro e molto altro ancora. Con certezza, sappiamo soltanto del loro vivere un’incessante metamorfosi e un continuo liberarsi da strutture troppo rigide. Fino alla fine.


CORPOGRAFIE è una rassegna realizzata dal Gruppo Alhena con il sostegno del Consiglio Regionale di Regione Abruzzo, Fondazione Pescarabruzzo, Zanichelli ed Ecovox

Partners: Florian Metateatro, Gruppo E-Motion ETS, Liceo Coreutico di Teramo, Liceo Coreutico di Pescara, Associazione Ventottozerosei (festival CINEMATICA), Il Teatro a passo di Danza e Canova 22.

Media partner: Radio Parsifal.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Italia Nostra, LAAD e Artisti per il MATTA.

Prenotazione e biglietti: +39 347 1643014

Info artistiche: +39 380 3322179

Il programma completo è sulla pagina FB di Corpografie