19 Agosto 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

American Airlines riceve un punteggio perfetto nell’indice di uguaglianza dei disabili 2022

  • American riceve il punteggio più alto nell’indice per il settimo anno consecutivo.
  • Il CEO Robert Isom ha anche firmato la Lettera del CEO sull’inclusione della disabilità per invitare i colleghi a dare la priorità all’inclusione all’interno delle loro organizzazioni.

FORT WORTH, Texas — Per il settimo anno consecutivo, American Airlines ha ricevuto un punteggio massimo di 100 nel Disability Equality Index® (DEI) ed è stata nominata uno dei migliori posti di lavoro per l’inclusione della disabilità nel 2022. Ora all’ottavo anno, la DEI esiste per aiutare le imprese ad avere un impatto positivo sulla disoccupazione/sottoccupazione delle persone con disabilità.

Disability:IN e l’American Association of People with Disabilities (AAPD) hanno lanciato per la prima volta il Disability Equality Index (DEI) nel 2015. Oggi, il DEI è riconosciuto come lo strumento di valutazione dell’inclusione della disabilità più solido nel mondo degli affari. Prendendo il Disability Equality Index (DEI), le aziende dimostrano il loro impegno per l’inclusione e l’uguaglianza della disabilità, nonché per le questioni sociali più ampie, e migliorano la loro reputazione.

“In American Airlines, la nostra missione è prenderci cura delle persone nel viaggio della vita, e questo inizia con i membri del nostro team”, ha affermato Cedric Rockamore, Chief Diversity Officer. “Siamo stati intenzionali nel creare una cultura inclusiva in cui le persone di tutte le abilità si sentano accolte e American è orgogliosa di ricevere questo prestigioso riconoscimento”. A livello globale, le persone con disabilità rappresentano più di 1 miliardo di persone in tutte le fasce di età, etnia, genere, identità di genere, razza, orientamento sessuale, stato socioeconomico e religione.

“Non esiste un unico modo migliore per praticare l’inclusione della disabilità, tuttavia, le aziende che prendono il DEI condividono il desiderio di creare un luogo di lavoro che promuova il concetto di portare tutta te stesso in ufficio”, ha affermato Maria Town, Presidente e CEO di AAPD. “Non vediamo l’ora di lavorare con tutti i partecipanti per aiutare a identificare modi significativi per costruire sulle loro pratiche attuali mentre continuiamo insieme il viaggio di inclusione della disabilità”.

Il CEO americano Robert Isom ha anche recentemente firmato la lettera del CEO sull’inclusione della disabilità nell’ambito della campagna globale CEOs Are IN di Disability:IN. Nella lettera, i CEO invitano i colleghi a seguire il loro esempio e valutare i loro progressi nell’inclusione aziendale prendendo il Disability Equality Index (DEI).

Scopri di più sulla DEI su disablein.org .