20 Marzo 2023

Zarabazà

Solo buone notizie

LA CANNABIS TERAPEUTICA E’ LEGALE? BEH..SI! ECCO PERCHÈ.

Purtroppo ancora ci capita di imbatterci in soggetti che pensano che la cannabis terapeutica sia illegale e, come in ogni campo, l’arma migliore è la conoscenza dell’argomento come mezzo di persuasione.

Di seguito una veloce cronistoria che vi darà un quadro completo dell’excursus storico-legislativo nazionale dal 2006 fino ad oggi.

Si specifica che sono riportate le norme relative alle possibilità prescrittive e NON quelle legate alla rimborsabilità del farmaco che sono appannaggio delle singole Regioni.

ORDINANZA DEL MINISTERO SALUTE 18/7/2006: Si autorizza «l’importazione di medicinali a base di delta-9-THC o trans-delta-9-THC per la somministrazione, a scopo terapeutico, in mancanza di alternative terapeutiche, a pazienti che necessitano di tali medicinali».

DM n° 98 28/4/2007 (Livia Turco): Il provvedimento riconosce per la prima volta l’uso medico della principale sostanza attiva della cannabis, il Thc, e di altri due analoghi di origine sintetica (Dronabinol e Nabilone).

Questo DM rende possibile utilizzare i medicinali derivati dalla cannabis indica nella terapia farmacologica solo in ambito ospedaliero

DM n°33 23/01/13 (Renato Balduzzi): Inserimento nella Tabella IIB, dei medicinali di origine vegetale a base di Cannabis (sostanze e preparazioni vegetali, inclusi estratti e tinture).

Questo DM rende possibili le preparazioni in Farmacia a base di Cannabis e dunque maggiore accesso alle cure per il paziente

Dl n°36 20/03/14 (Beatrice Lorenzin): VIENE MODIFICATO IL TESTO UNICO SUGLI STUPEFACENTI (DPR 309/90).La cannabis e i prodotti da essa ottenuti (olii, resine..) vengono esclusi dalla tabella delle droghe “pesanti” e inseriti nella tabella II B dei medicinali di corrente impiego terapeutico, soggetti a prescrizione medica da rinnovarsi di volta in volta.

Settembre 2014: Accordo Ministero della Difesa e Ministero della Salute per la produzione nazionale di Cannabis a scopo terapeutico presso L’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Novembre 2015 DM 9/11/2015 (Beatrice Lorenzin):

  • SI SPECIFICANO LE PATOLOGIE PER LE QUALI E’ AUTORIZZATA LA TERAPIA CANNABINOIDE
  • Resta confermato il divieto di coltivazione
  • Il Ministero della Salute, secondo le disposizioni dell’articolo 27 del testo unico, può rilasciare autorizzazioni sia per la coltivazione di cannabis per scopi scientifici sia per l’impiego, ovvero per una eventuale trasformazione della materia prima cannabis in medicinale.
  • si declina alle regioni la decisione di normare la dispensazione e la rimborsabilita’ del farmaco

Gennaio 2017: Immissione nei canali Farmaceutici di FM2, la prima Cannabis “italiana” prodotta presso L’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze.

Ottobre 2017: Viene approvato alla Camera un disegno di Legge che amplia il mondo Cannabis. Con questo disegno di legge viene introdotto l’obbligo di rimborsabilità a carico del SSR a tutte alle Regioni, viene prevista la concessione di nuove licenze per la coltivazione di Cannabis a uso terapeutico e si descrivono le linee guide per la prescrizione medica

Luglio 2018: Viene pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (Serie generale n. 160 del 12 luglio 2018) il decreto del Ministero della Salute del 25 giugno 2018, con un “aggiornamento dell’elenco dei medicinali di cui all’Allegato III-bis del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309”, che contiene il testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, di prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, e successive modifiche e integrazioni.Nell’allegato III-bis viene inserita la voce “Medicinali a base di cannabis per il trattamento sintomatico di supporto ai trattamenti standard”».

L’allegato III-bis è un elenco di farmaci utilizzati per la terapia del dolore che godono di agevolazioni prescrittive.

Dunque il Ministero conferma in modo formale che la cannabis può essere utile nelle terapie del dolore, di qualunque natura esso sia.

Articolo scritto da Cristina Amodeo, Antica Farmacia Amodeo per www.farmacomm.com