23 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

LA RADICE SELVATICA ‘24 INAUGURA LA STAGIONE CHE PORTERA’ IN REGIONE ARTISTI INTERNAZIONALI E NAZIONALI INSIEME A PRODUZIONI FRIULANE CONTEMPORANEE

LA RADICE SELVATICA 2024
Villa Centis, San Martino al Tagliamento
Da giugno a novembre

A cura di Flavio D’Andrea

La Radice Selvatica è la casa di tutti gli artisti. Centro di residenze artistiche e rassegna teatrale nata a Villa Centis di San Martino al Tagliamento dall’urgenza di dare spazio, sia fisico che umano, a tutti coloro che vogliano esplorare nuovi territori creativi, dopo un’edizione zero nel 2023, inaugura la stagione 2024. Concentrata principalmente nel periodo estivo, ma con due importanti code a ottobre e novembre, da un lato porta in Regione artisti e spettacoli internazionali e nazionali, dall’altro guarda al territorio, incentivando produzioni friulane contemporanee di qualità e supportando gli artisti locali.

Nell’era digitale, l’arte dal vivo affronta la cruciale sfida di reinventarsi, sia nella forma e nel contenuto sia nei luoghi di manifestazione. La Radice Selvatica nasce con l’obiettivo di offrire uno spazio riparato dai circuiti convenzionali per consentire la nascita di creazioni innovative con uno sguardo contemporaneo sull’arte dal vivo, che sempre più sviluppa linguaggi ibridi tra teatro, danza, circo d’autore e arti visive, trovando ispirazione in luoghi non convenzionali e aprendosi al confronto con la comunità. Specchio di un mondo dove l’identità non può considerarsi data una volta per tutte ma in continua trasformazione attraverso la relazione con l’altro, l’ambiente, la società.

“Mancano luoghi dove poter sperimentare un’idea che non si è ancora formata. Luoghi per potersi immergere nel lavoro dove la ricerca artistica di alta qualità trovi il tempo di maturare in dialogo con le esigenze del territorio, per arricchirsi recirpocamente” spiega il direttore artistico Flavio D’Andrea.

La rassenga è curata da Flavio D’Andrea e organizzata dalla C.A.M. Cooperativa Artisti Musicali, nata nei primi anni ’90 nel territorio del Delta del Po dall’esigenza di dare alla professionalità artistica tutela e dignità d’inquadramento e poi diventato ente promotore di spettacoli ed eventi in genere, in rete con altri enti.

“Nel corso del 2023, grazie all’incontro propizio con l’artista Flavio D’Andrea, la gestione dell’ente decide di guardare ai vicini di casa, il FVG, per lasciarsi contaminare da nuovi stimoli ed opportunità, ricercando, al contempo, solide intese per la valorizzazione del settore” afferma il presidente Loredano Bonato, che auspica che quasta collaborazione possa produrre frutti rigogliosi e tante soddisfazioni per chi crede nel progetto.

Progetto realizzato con il sostegno dei comuni di San Martino al Tagliamento, Valvasone Arzene, Barcis, in colalborazione con l’Associazione Noi Uniti per l’Autismo Pordenone, Cooperativa Sociale Itaca, Cooperativa Sociale Honeycoop, avrà il suo centro a Villa Centis di San Martino al T. per diramarsi in diversi comuni della Destra Tagliamento e si comporrà di 3 residenze artistiche, 10 eventi, 3 laboratori di comunità, un workshop intensivo, una masterclass internazionale.

RESIDENZE ARTISTICHE
Ad aprire il programma delle residenze artistiche sarà Sarah Ferretti, giovane artista circense nata a Napoli ma friulana d’adozione, con la performance Cosa Vedi? Studi sull’immaginario, con restituzione aperta al pubblico il 14 giugno. Uno spettacolo d’improvvisazione tra circo e installazione visiva, dove l’immaginazione personale dell’artista incrocia e si confonde con le visioni del pubblico. A luglio in residenza ci sarà invece la danzatrice piemontese Erika Bettin che il 21 luglio presenterà in anteprima nazionale lo spettacolo di danza contemporana Tachi – Tragitto Neurodiverso, un’indagine sul disturbo dello spettro autistico come condizione umana ed esistenziale, che offre uno sguardo alternativo e inclusivo sulla diversità. Altra anteprima nazionale sarà la produzione In Vero Simile del collettivo friulano Radiobloom, in collaborazione con la SOMSI di Vito D’Asio, con restituzione il 23 agosto. Un radiodramma visivo che coinvolge attivamente la comunità mirando a raccogliere storie locali di imprese straordinarie, di tenacia, di visionarietà, di progetti impossibili eppure attuati.

EVENTI E SPETTACOLI
Sono previsti 10 appuntamenti con il pubblico tra esiti laboratoriali, work in progress e spettacoli più rodati. La programmazione prevede la produzione internazionale Poi della compagnia spagnola D’es Tro, in collaborazione con l’Associazione Brocante. Con le sue mirabolanti costruzioni il campione mondiale di trottola Guillem Vizcaíno, condurrà il pubblico in un mondo fatto di giochi, grovigli e giri. La produzione nazionale No. Storia di Franca Viola di Alessia Gennari, dedicato alla prima donna che rifiutò il matrimonio riparatore, in replicata a novembre a Barcis, in occasione della manifestazione organizzata dal Comune in memoria di Giulia Cecchettin.
Si ospitano anche due progetti esterni: Antico amore d’oriente – Teatro in cammino di Kala teatro, un percorso poetico in otto tappe attraverso l’antica via di pellegrinaggio Romea Strata, dove la pratica del cammino intreccia l’arte viva del teatro. Bamboo di Simone Biagio, produzione di Circo all’inCirca in collaborazione con Ultima Generazione, uno spettacolo-conferenza a emissioni zero per discutere e confrontarsi sulle più che mai attuali tematiche della crisi climatica e sostenibilità ambientale.

LABORATORI DI COMUNITA’, WORKSHOP INTENSIVI, MASTERCLASS
Grande importanza è riservata alla formazione e al confronto con la comunità, in un’ottica inclusiva e transegenerazionale, attraverso lo scambio continuo tra il mondo dell’arte e il mondo del sociale e dell’educazione. Per questo il programma prevede 3 laboratori di comunità, 1 workshop intensivo e 1 masterclass internazionale. Nello specifico, correlato alla residenza Tachi – Tragitto neurodiverso e in collaborazione con l’Associazione Noi uniti per l’Autismo ODV, è già stato avviato un percorso a tappe che avvicinerà l’artista alle famiglie dei portatori di autismo, ai ragazzi autistici e agli educatori con l’obiettivo di creare un ambiente laboratoriale tutelato di condivisione delle esperienze. Sarah Ferretti terrà un laboratorio immaginario in parternariato con la Biblioteca Comunale di San Martino al Tagliamento, occasione per bambini e ragazzi di giocare con il corpo e la materia attraverso il circo. In collaborazione con la Cooperativa Sociale Itaca Onlus sono inoltre previsti incontri nel centro diurno per anziani di San Martino al Tagliamento, durante i quali gli artisti condivideranno le proprie esperienze, favorendo la partecipazione attiva degli anziani alla vita culturale e combattendo il problema dell’invecchiamento e della solitudine.
Nell’ambito della formazione europea, invece, dal 1 al 5 luglio, Masha Kolegova, performer della compagnia Ultima Vez/ Wim Vandekeybus e docente nelle più prestigiose accademie d’Europa, condurrà il workshop intensivo Process of the performing skills, un laboratorio sul senso del movimento, rivolto a giovani artisti, performer e danzatori provenienti da tutto il panorama europeo. Dal 12 al 21 ottobre, all’interno del programma Erasmus+ e in collaborazione con la

Cooperativa Sociale Honeycoop, verrà avviata la masterclass con gli allievi della scuola di teatro
professionale Lakademi Komidi, con sede in Francia, che prevede un periodo di lavoro intensivo con Flavio D’Andrea ed Elena Michielin in vista della realizzazione dello spettacolo Un Songe diretto da Eric Bouvron, che sarà presentato al Festival di Avignone Off a luglio 2025.

Presentazione LRS24 – Photo © 2024 Alice BL Durigatto

INFO: www.radiceselvatica.it

IL PROGRAMMA COMPLETO

RESIDENZA ARTISTICA
Dal 10 al 14 giugno

Con LABORATORIO IMMAGINARIO
(Per bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni)

“Cosa vedi?”
Studio sull’immaginario
CIRCO & INSTALLAZIONE VISIVA

Sarah Ferretti
Accompagnamento sonoro di Gregorio Busatto

Restituzione al pubblico:
Venerdì 14 giugno ore 18.15
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

“Cosa vedi?” è la domanda che Sarah Ferretti pone al pubblico per alimentare la sua immaginazione e quella di chi le risponde, improvvisando attraverso il corpo, il trapezio e l’arte del circo le visioni degli spettatori, che collaborano alla creazione dello spettacolo.

EVENTO OSPITATO
“Antico amore d’oriente – Teatro in cammino”
TEATRO MUSICA POESIA
“Kala teatro”

Martedì 18 giugno ore 16:00
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Un cammino artistico per cercare un modo nuovo di attraversare la geografia, un modo poetico di abitare il mondo. Kala teatro percorrerà in una settimana la Romea Strata, antica via di pellegrinaggio che connette sette paesi europei, nel tratto che collega Ragogna a Cordovado, per otto tappe durante le quali la pratica meditativa del cammino lento intreccia l’arte viva del teatro partecipato.

WORKSHOP
Dal 1 al 5 luglio

“Process of the performing skills”
DANZA CONTEMPORANEA
Con Masha Kolegova (Ultima Vez/ Wim Vandekeybus)

Esito aperto al pubblico
Venerdì 5 luglio ore 18.15
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Laboratorio intensivo, dedicato a giovani danzatori, performer e attori, sul senso e il significato del movimento, per connettere corpo e immaginazione, in un processo creativo dove l’azione fisica diviene pensiero narrativo.

EVENTO OSPITATO

“Bamboo”
CIRCO
Di e con Simone di Biagio

Domenica 7 luglio ore 18:00
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Bamboo é uno spettacolo conferenza che viaggia in cargo bike. Accettando la sfida di immaginare una produzione circense ad emissioni zero – o quasi – l’artista ha elaborato in chiave performativa tematiche a lui molto care: crisi climatica, sostenibilità ambientale, decrescita consapevole e partecipazione, coinvolgendo lo spettatore, a volte chiamato all’azione altre semplicemente alla riflessione, per creare attraverso il sogno e la disobbedienza una società differente.

EVENTO

“3.33 frequenze dell’aurora”
MUSICA
di e con Gushi & Raffunk feat. Collettivo Radiobloom

Domenica 14 luglio ore 3.33
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Gushi & Raffunk propongono un viaggio di sperimentazione sonora all’aperto, nel passaggio dalla notte all’aurora. L’itinerario esperienziale sarà completato da una pratica collettiva di Qi Gong alle prime luci dell’alba. È una tappa immersiva che suggella una delle prime incursioni artistiche del Collettivo Radiobloom.

RESIDENZA ARTISTICA
dal 17 al 21 luglio

“TACHI – Tragitto Neurodiverso”
DANZA CONTEMPORANEA

Erika Bettin
Accompagnamento musicale Mattia Rinaldi

Restituzione al pubblico:
Domenica 21 luglio ore 19:00
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Una donna dalla mente autistica, e che non sa di esserlo, fatica ad approcciare il mondo seguendo le regole implicite della socie, ma all’interno della sua stanza queste regole possono essere stravolte e allo stesso tempo studiate in uno spazio sicuro e protetto prima di tentare l’approccio verso l’esterno. In aiuto una figura di sostegno che con il linguaggio musicale riesce a comprendere, stimolare e tradurre le sue esperienze.

EVENTO
“Poi”
CIRCO

Compagnia D’es Tro
Di e con Guillem Vizcaíno

Martedì 23 luglio 2024 18:15
Parco La Fiorita, Valvasone Arzene (PN)

La trottola è un gioco magico e antico, i suoi giri ipnotici hanno una storia lunga più di seimila anni. Questo giocattolo, sull’orlo del estinzione, ha il potere di fermare il tempo: semplicemente guardandolo girare ci permette di disconnetterci dalla velocità che governa la nostra vita quotidiana.
Poi è la storia di un uomo di campagna intrappolato fin dall’infanzia dall’effetto giroscopico della sua trottola.
Un viaggio di grovigli e giri che ci trasportano nel mondo del gioco, uno degli stati più significativi di vita.

RESIDENZA ARTISTICA
Dal 19 al 23 agosto

“In Vero Simile – Radiodramma visivo”
TEATRO

Collettivo Radiobloom
Con Sara Beinat e Flavio D’Andrea,
Proiezioni live Anna Givani The Bloom Machine
Sonorizzazione e musiche live Gushi & Raffunk

Restituzione al pubblico:
Venerdì 23 agosto ore 20.45
Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

Lo spettacolo si presenta come un radiodramma dal vivo, con due voci recitanti, proiezioni di immagini e l’esecuzione di effetti sonori e musiche. Gli spettatori assistono in diretta e in presenza, come si trovassero in uno studio di registrazione. Ecco perché radiodramma visivo: si ascolta e si guarda. La drammaturgia è composta da brani tratti da Il calamaro gigante di Fabio Genovesi, che verranno integrati con racconti e testimonianze locali che condividono con il libro elementi di realtà straordinaria, tenacia, visionarietà, progetti impossibili eppure attuati. Ogni replica sarà quindi differente e integrato nel territo- rio in cui si svolge, includendo brani dedicati al luogo.

MASTERCLASS ERASMUS+
Dal 12 al 21 ottobre

“Un Songe”
TEATRO

di Eric Bouvron
con gli allievi della scuola di teatro Lakademi Komidi

Restituzione al pubblico:
Sabato 19 ottobre ore 20.30

Villa Centis, San Martino al Tagliamento (PN)

All’interno del programma Erasmus+, La Radice Selvatica in collaborazione con HONEYCOOP, tesse un legame di scambio formativo con LAKADEMI KOMIDI, scuola di teatro professionale con sede a Saint Jospeh, Isola de La Réunion, France DOM-TOM, che prevede un periodo di formazione teatrale con Flavio D’Andrea. La formazione s’iscrive nella creazione dello spettacolo Un Songe diretto da Eric Bouvron assistito da Elena Michielin, che sarà presentato al Festival di Avignone Off a Luglio 2025. Lo spettacolo è liberamente ispirato all’opera di William Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate su un’idea di Eric Bouvron, l’adattamento del testo è a cura di Vincent Roca, Elena Michielin et Florient Jousse.

EVENTO

“No. Storia di Franca Viola”
TEATRO

con Sara Urban
Testo Chiara Boscaro
Regia Alessia Gennari

Sabato 9 novembre ore 20.30
Sala Consiliare, San Martino al Tagliamento (PN)

Presentazione LRS24 – Photo © 2024 Alice BL Durigatto

Domenica 10 novembre ore 17:00 Biblioteca Civica, Barcis (PN)

Franca Viola è la prima donna in Italia a rifiutare il matrimonio riparatore, diventando un simbolo le battaglie civili e femminili: è anche grazie a lei se verrà abolito l’articolo 544. Nel 1981. Vent’anni dopo quei fatti, solo trent’anni fa. No. Storia di Franca Viola nasce dall’urgenza di raccontare questa storia – emblematicamente italiana – nella quale sono insite le riflessioni, le tragedie, le battaglie di generazioni di donne. Perché è una storia che parla ancora oggi. Perché quel NO, con la sua resistenza silenziosa, ha cambiato e migliorato la nostra società.