23 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

A Palermo giovani professionisti del mondo del vino e del cibo protagonisti del “Sicilia Gastronomika Festival”

Mercoledì e giovedì 12 e 13 giugno la splendida Villa Riso, nell’area di Partanna Mondello, sarà il palcoscenico della prima edizione del “Sicilia Gastronomika Festival”.
L’evento, promosso da “Associazione per l’Arte” e dal quotidiano online Linkiesta con il supporto dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, riunirà giovani professionisti del mondo del cibo e del vino per esplorare le tendenze emergenti e discutere il futuro della gastronomia italiana.

IL DEBUTTO SICILIANO DOPO IL SUCCESSO MILANESE 

Il “Sicilia Gastronomika Festival” approda finalmente a Palermo dopo tre edizioni di successo a Milano, portando con sé un format consolidato e apprezzato.
Nel corso delle due giornate, l’evento proporrà ai visitatori un mix di appuntamenti aperti al pubblico e tavoli di lavoro riservati ai professionisti, creando così un ambiente stimolante per lo scambio di idee ed eventuali collaborazioni.
Villa Riso, che sorge in viale dell’Olimpo 30/a, è pronta ad accogliere appassionati e professionisti per due giornate all’insegna della cultura del cibo e del vino, in un contesto che celebra la bellezza e la tradizione della Sicilia.

UN FESTIVAL DEDICATO ALL’ IDENTITÀ E AL FUTURO DELLA SICILIA 

Il “Sicilia Gastronomika Festival” non è solo un evento dedicato alla gastronomia, ma anche un’opportunità per promuovere l’identità culturale siciliana e il turismo locale.
Patrocinato dalla Regione Siciliana e dal Comune di Palermo, il festival mira a diventare un punto di riferimento per chiunque voglia contribuire alla trasformazione del settore enogastronomico.
Per ulteriori dettagli sul programma e per registrarsi agli eventi, è possibile visitare il sito ufficiale di Gastronomika (https://www.linkiesta.it/site/gastronomika/)
L’ingresso è gratuito, ma alcune attività richiedono la prenotazione anticipata.

UN THINK TANK PER L’ENOGASTRONOMIA UNDER 40 

La peculiarità del festival è racchiusa nell’incontro tra giovani chefs, enologi, esperti di mixology e albergatori, insieme per fare il punto della situazione sui cambiamenti del settore.
Nello specifico, un focus sarà dedicato alla sostenibilità, all’etica del lavoro e al rispetto del territorio.
Molto più di un evento, il “Sicilia Gastronomika Festival”  è un momento di riflessione collettiva per ristrutturare e valorizzare le professioni legate alla cucina e al vino, adattandole ai nuovi paradigmi produttivi e organizzativi.
Il 12 e 13 giugno saranno due giornate ricche di eventi e approfondimenti, con un programma articolato in due momenti principali.
Ovvero, sessioni pubbliche con talk e lezioni e un hackathon per professionisti: quest’ultimo, in particolare, vedrà giovani esperti riunirsi per lavorare a progetti specifici, discutendo temi cruciali come la cucina, il vino, la pasticceria, la mixology e l’hôtellerie.
I gruppi di lavoro, guidati da redattori di Gastronomika – nuovo vertical web magazine dedicato al settore food de Linkiesta – e leaders di settore, mirano a creare un manifesto condiviso che possa guidare il futuro dell’enogastronomia.

IL PROGRAMMA DETTAGLIATO 

Mercoledì 12 giugno – Solo su invito, registrazione gratuita obbligatoria

– Ore 10.30: Colazione a cura di Cucina Nomade

– Ore 11.00-14.00: Hackathon b2b per giovani rappresentanti del settore enogastronomico, con discussioni su cucina, vino, pasticceria, mixology e hôtellerie.

Mercoledì 12 giugno – Aperto al pubblico

– Ore 17.30-19.30: Talk “Terra di Sicilia” sul rilancio dell’agricoltura siciliana e “Valore turismo” sulla valorizzazione del territorio attraverso i prodotti locali.

Giovedì 13 giugno – Aperto al pubblico su registrazione

– Ore 10.30: Colazione a cura di Cucina Nomade

– Ore 11.00-14.00: “Scuola di Gastronomika” con corsi di formazione su social media, mixology e accoglienza.

Giovedì 13 giugno – Aperto al pubblico

– Ore 17.30-19.30: Discussione su “Vigne vecchie, vini giovani” e sulle nuove tecnologie nell’enologia siciliana, seguita da una lecture del maestro pasticcere Corrado Assenza.