23 Luglio 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

BIANCA È LA CITTÀ

di

CHRISTOPHE PALOMAR

Castelvecchi editore

“Cambiare aria, cambiare vita: qualcosa gli dice che la svolta potrebbe venire dal mare”.

Casa editrice: Castelvecchi editore – Pagine: 102
Prezzo: 16,00 euro – In libreria: 6 maggio 2024
Trieste 2013, un manager d’azienda sicuro di sé, giunge in città. Messo fin da subito a disagio dai silenzi astrusi della città bianca, impara lentamente a misurarsi con i suoi traumi nascosti, rivelando quell’altro io fatto di dolorosi strappi identitari ed esistenziali. I valori si capovolgono e le certezze si sgretolano. Un corpo a corpo fra la maschera e l’ombra, fra il muro e la crepa. Fino a quella scelta di imprevista audacia.
In questo romanzo di fattura novecentesca sulla solitudine e il senso di inadeguatezza dell’uomo di oggi, Palomar indaga con grazia le conseguenze meno scontate della globalizzazione sull’uomo in abito scuro che incrociamo tutti i giorni negli aeroporti e nelle stazioni ad alta velocità.

CHRISTOPHE PALOMAR
Nato in Alsazia da padre italiano e madre spagnola, Christophe Palomar cresce a Tunisi. Studia alla HEC di Parigi e alla Bocconi prima di intraprendere la carriera di manager. Dopo il fortunato esordio con Frieda (Ponte alle Grazie, 2020) divide il suo tempo fra letteratura, coaching e consulenza aziendale.