15 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Paula Seegy Gallery | Appuntamenti e Fuori Salone | mostra di Salvatore Cuschera

PAULA SEEGY GALLERY
via San Maurilio, 14 – Milano

nell’ambito della mostra
SALVATORE CUSCHERA A TUTTO TONDO
a cura di Luigi Sansone

giovedì 11 aprile 2024, ore 18
presentazione della pubblicazione dedicata alla mostra
interviene Luigi Sansone

dal 15 al 21 aprile – Fuori Salone
esposizione della scultura “Magical form”

Salvatore Cuschera, Forma magica , 2019

Con grande successo è stata inaugurata, giovedì 21 marzo, l’esposizione “Salvatore Cuschera a tutto tondo” e nel corso della sua apertura, fino al 25 aprile, offre alcuni momenti rilevanti per approfondire il percorso dello scultore e ammirare una nuova opera inedita, simbolo della poliedricità dell’artista.
Giovedì 11 aprile alle ore 18 è presentata, con l’intervento di Luigi Sansone, la pubblicazione in italiano e in inglese dedicata alla mostra, realizzata dalla Paula Seegy Gallery, dove le immagini e il testo critico del curatore tracciano una panoramica molto accurata dell’arte di Salvatore Cuschera, legata soprattutto agli ultimi anni. Alcune copie, in edizione limitata, saranno personalizzate dall’artista e corredate di un’opera unica.


Dal 15 al 21 aprile durante la settimana del Fuori Salone, nell’ambito degli eventi del Distretto delle 5 Vie, viene inoltre esposta la scultura Magical Form (cm 64×89,7×71) realizzata dall’artista nel Regno Unito nel 2019.
L’opera è perfettamente connessa al tema cardine del Salone del Mobile di quest’anno: “Materia Natura”, che intende approfondire il nesso fra queste due parole in un’ottica sensibile ai principi di sostenibilità. Il lavoro di Cuschera, infatti, caratterizzato da calde tonalità rossicce e forme arrotondate e morbide, come viene approfondito nel testo di Luigi Sansone, è realizzato con uno dei materiali più naturali per eccellenza, lo sterco di mucca unito a paglia triturata e sabbia; una composizione spesso utilizzata per intonacare i muri esterni delle fattorie nel Regno Unito o costruire abitazioni come nei villaggi Masai del Kenia. La struttura in legno e rete metallica utilizzata per creare una forma massiccia e l’aspetto di una costruzione arcaica conferisce al lavoro un’identità al limite fra scultura-architettura che, grazie agli spiragli di luce che penetrano in essa, ricorda palafitte o antiche costruzioni scavate nel tufo della Cappadocia.


Afferma Luigi Sansone “Magical form ci catapulta a ritroso nel tempo, in una dimensione astratta fatta di luce e materia dove dominano energie e fenomeni che la scienza non potrà mai comprendere del tutto, poiché esistono realtà che sono al di là della nostra più approfondita conoscenza”.
Questi appuntamenti sono ulteriore occasione per visitare la mostra “Salvatore Cuschera a tutto tondo”, che anima gli spazi della Paula Seegy Gallery con una selezione di 40 opere di medie e piccole dimensioni, a parete e installazioni, prevalentemente inedite.
Da questi lavori emerge il profondo legame di Salvatore Cuschera alla natura, agli opposti e all’utilizzo di diversi materiali. Primo fra tutti il ferro che, nonostante la sua durezza e la scarsa malleabilità, viene piegato, forgiato e curvato, risultando talvolta all’apparenza leggero; la sua lavorazione restituisce alle sculture la purezza delle linee, giochi di equilibrio e ritmi armonici.
La ricerca dell’artista spazia anche nell’impiego del legno, della ceramica, della carta e del tessuto; quest’ultimo è ben rappresentato nel percorso espositivo dalla serie inedita in stoffa composta da 5 elementi, Fra cielo e terra: impressioni su Bogolan (2009), realizzata a seguito di un viaggio in Senegal e Mali. Cuschera, ispirandosi ai ‘bògòlanfini’ africani, attraverso la rielaborazione del processo di realizzazione e un originale intervento cromatico infonde all’opera un aspetto vivace e gioioso.

Cenni biografici
Salvatore Cuschera nasce a Scarlino, in provincia di Grosseto, nel 1958. Si diploma in scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, sempre a Milano dal 1990 inizia ad esporre i suoi lavori in mostre collettive e personali. Compie il suo primo viaggio in Grecia, dove visita Creta e i suoi musei, studiando a fondo la scultura greca e l’arte minoico-micenea. Successivamente intraprende un viaggio in Olanda e in Germania, dove viene a contatto con le opere degli artisti del Bauhaus e approfondisce la conoscenza del costruttivismo russo. Tornato in Italia realizza le sue prime sculture in ferro colorato, sintesi del suo interesse per la pittura, la scultura e l’architettura, e partecipa a numerose mostre personali e collettive. A Gibellina partecipa a “Atelier del Mediterraneo” con Markus Lüpertz, evento curato da Achille Bonito Oliva e nel 1992, grazie a Pietro Consagra, realizza la sua prima scultura pubblica per il Comune di Gibellina. Vince diversi premi e partecipa ad importanti mostre collettive tra cui la XIV Esposizione Quadriennale d’Arte di Roma; nel 2011 alla 54a Biennale di Venezia è presente con un’installazione nei giardini dell’Arsenale e per il Premio Faenza al MIC – Museo Internazionale della Ceramica. Nel 2018 due sculture dell’artista sono scelte per essere esposte alla Farnesina, Ministero degli Affari Esteri a Roma. Nello stesso anno viene pubblicato un libro monografico a cura di Giuseppe Appella, edito da Silvana Editoriale. Nel 2019 realizza tre grandi sculture per il parco della Fondazione Farleys House & Gallery, ‘Home of the Surrealists’, a Chiddingly, East Sussex, UK. Nel 2022 una sua scultura è inserita in un progetto espositivo presso gli Horti del Collegio Borromeo di Pavia. Recentemente è stato invitato a partecipare a una collettiva presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma. Sue opere si trovano in permanenza in collezioni pubbliche e private tra cui in Italia si ricorda il Museo del Novecento a Milano, il MUSMA a Matera e lo spazio pubblico di Gibellina. Attualmente vive e lavora fra Italia e Regno Unito.

Coordinate
Presentazione volume giovedì 11 aprile, ore 18
Fuori Salone – Esposizione scultura “Magical form” dal 15 al 21 aprile
Orari di apertura dal 15 al 21 aprile, ore 10.30 – 19.30

Titolo Salvatore Cuschera a tutto tondo
A cura di Luigi Sansone
Sede Paula Seegy Gallery, via San Maurilio 14 – Milano
Date 21 marzo – 25 aprile 2024
Inaugurazione giovedì 21 marzo, ore 18 – presenti l’artista e il curatore
Orari da martedì a sabato, ore 12 – 19
Ingresso libero
Info al pubblico paula@paulaseegygallery.com – mob. + 39 340 4215312
www.paulaseegygallery.com