20 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

PACIFICO torna a scrivere per il cinema e firma la colonna sonora originale, edita da EDIZIONI CURCI, di “ZAMORA”, il film di Neri Marcorè nelle sale italiane dal 4 aprile. La colonna sonora contiene due canzoni originali, “EL MATT” e “MAMMA NON SAI”.

PACIFICO torna a scrivere per il cinema e firma la colonna sonora originale, edita da EDIZIONI CURCI, diZAMORA”, il film con il quale Neri Marcorè esordisce alla regia, nelle sale italiane dal 4 aprile con 01 Distribution.  

Nella colonna sonora originale si rincorrono echi musicali tipici degli anni ’60, epoca in cui il film è ambientato. Oltre alle atmosfere musicali utili a sottolineare i momenti del film, Pacifico ha scritto anche due canzoni originali, El Matt”, cantata da Pacifico e Neri Marcorè, e “Mamma non sai”, interpretata solo da Neri Marcorè, con chiari richiami a Bobby Solo e ad Adriano Celentano.

«“Zamora” è ambientato a Milano negli anni ’60 e la colonna sonora inevitabilmente si è riempita di energia, di innocenza e di humour, come era la musica di quel periodo. Quindi chitarre col tremolo, sassofoni dispettosi, rock’n’roll, twist, danze a piedi scalzi, spaccate, smorfie, Watussi e Molleggiati – dichiara Pacifico – In più, con Neri volevamo omaggiare gli artisti insuperabili di quel periodo, Jannacci, Gaber, Cochi e Renato. E per questo in coda al film ci sono due canzoni originali: “El Matt”, che cantiamo insieme in coro “scriteriato”, e “Mamma non sai”, che Neri canta con proverbiale e irresistibile movimento d’anca. È stato divertente e appassionante tornare indietro alla musica che sentivo suonare e ballare per casa mentre crescevo». 

Zamora è una produzione Pepito Produzioni con Rai Cinema, con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte,prodotto da Agostino Saccà. Le sceneggiature, liberamente ispirate a “Zamora” di Roberto Perrone (HarperCollins già Garzanti), sono firmate da Maurizio Careddu, Paola Mammini, Neri Marcorè e Alessandro Rossi.

Nel film Neri Marcorè, Alberto Paradossi, Marta Gastini, Anna Ferraioli Ravel, Walter Leonardi, Giovanni Esposito, Giovanni Storti, Giacomo Poretti, Pia Engleberth, Giuseppe Antignati, Pia Lanciotti, Marco Ripoldi, Dario Costa, Giulia Gonella, Alessandro Besentini, Francesco Villa, Corinna Locastro, Massimiliano Loizzi, Davide Ferrario e Antonio Catania.

Il trentenne Walter Vismara ama condurre una vita ordinata e senza sorprese: ragioniere nell’animo prima ancora che di professione, lavora come contabile in una fabbrichetta di Vigevano. Da un giorno all’altro, la fabbrica chiude e il Vismara si ritrova suo malgrado catapultato in un’azienda avveniristica della vitale e operosa Milano, al servizio di un imprenditore moderno e brillante, il cavalier Tosetto. Andrebbe tutto bene se non fosse che costui ha il pallino del folber (il football, secondo un neologismo di Gianni Brera) e obbliga tutti i suoi dipendenti a sfide settimanali scapoli contro ammogliati. Walter, che considera il calcio uno sport demenziale, si dichiara portiere solo perché è l’unico ruolo che conosce e non sa che da quel momento, per non perdere l’impiego, sarà costretto a partecipare agli allenamenti settimanali, in vista della partita ufficiale del primo maggio. Subisce così lo sfottò dei colleghi; tra questi, l’ingegner Gusperti lo ribattezza sarcasticamente “Zamora”, il fenomenale portiere spagnolo degli anni ‘30. Non solo quel bauscia lo umilia in campo e lo bullizza in azienda, ma tra lui e Ada, la segretaria di cui Walter si innamora, sembra esserci del tenero. Sentendosi umiliato, tradito da una parte e deriso dall’altra, il ragioniere escogita un piano del tutto originale per vendicarsi, coinvolgendo un ex-atleta ormai caduto in disgrazia. Nel calcio, come del resto nella vita, bisogna imparare a buttarsi e anche se perdi, ciò che conta è rialzarsi e ripartire più forti di prima. Musicista, scrittore, autore e cantautore tra i più stimati del panorama italiano, PACIFICO (all’anagrafe Luigi “Gino” De Crescenzo) ha all’attivo sei dischi e un EP a suo nome (“Pacifico”, “Musica Leggera”, “Dal giardino tropicale”, “Dentro ogni casa”, “Una voce non basta” e “Bastasse il cielo”). Negli anni ha partecipato due volte al Festival di Sanremo e si è aggiudicato prestigiosi riconoscimenti, tra cui il Premio Tenco per la Migliore Opera Prima, la Targa Tenco 2015 come Migliore canzone dell’anno con il brano“Le storie che non conosci, scritto e interpretato con Samuele Bersani, e il Premio della Miglior Musica al Festival di Sanremo. Il suo primo romanzo, Ti ho dato un bacio mentre dormivi”, è stato ripubblicato nel 2020da La nave di Teseo. Per Baldini+Castoldi, invece, ha pubblicato nel 2019 una breve raccolta di pensieri intitolata “Le mosche”, mentre nel 2022per La nave di Teseoè uscito il suo secondo romanzo, “Io e la mia famiglia di barbari”.Per il cinema ha lavorato con Roberta Torre, scrivendo la colonna sonora peril musicalSud Side Story”, e con Gabriele Muccino per il film “Ricordati di me” la cui colonna sonora comprendedue sue canzoni, Il Faraonee il brano che prende il titolo dal film,Ricordati di me.Ha composto la colonna sonora originale, edita da Edizioni Curci, di “Genitori vs Influencer”, il film di Michela Andreozzi con Fabio Volo, contenente la canzone originale “Gli anni davanti” candidata come miglior canzone aiNastri d’Argento 2021. Per il teatro ha scritto e interpretato un monologo, “Boxe a Milano”. Come autore musicale, oltre al ventennale sodalizio conGiannaNannini (iniziato nel 2005 con “Sei nell’anima” a cui sono seguite decine di altre canzoni, tra cui “Suicidio d’amore”, “Ogni tanto”, “Pazienza”, “Indimenticabile”, “Salvami” e “La Differenza”, fino ai tre brani contenuti nel nuovo album “Sei nell’anima”), nel corso della sua carriera ha scritto per Andrea Bocelli, Gianni Morandi, Adriano Celentano, Malika Ayane, Eros Ramazzotti, Zucchero, Giorgia, Antonello Venditti, Extraliscio, Claudio Capeo e molti altri.  Inoltre, ha duettato con alcuni dei più grandi artisti italiani e internazionali, tra cui anche Ivano Fossati, Marisa Monte, Ana Moura.