15 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Confimprese Palermo: “Caos nei mercati settimanali in città”

Una bancarella in viale Michelangelo a Palermo

Per Giovanni Felice “Occorrono interventi mirati come ridurre i diritti di segreteria per favorire l’emersione”

Confimprese Palermo rielabora i dati del  SUAP, Sportello Unico per le Attività produttive del Comune di Palermo e offre nuovi spunti sulla mappa dei mercati rionali palermitani. Stando ai dati Suap, i mercati sono 22. Ma da questo elenco è sparito il mercato di via Michele Scoto, nel  quartiere Zisa (sesta circoscrizione),   un mercato che si sarebbe dovuto svolgere il martedì e che invece non è mai partito, e manca pure  il mercato di Falsomiele che, inspiegabilmente, non è mai stato regolarizzato.

In base a questi dati, attualmente il numero dei posteggi dislocato nei vari mercati, escluso Falsomiele (che ne conterebbe in realtà 82), è pari a 2.135. I posteggi assegnati ad ambulanti sono circa 1.310: il che vuol dire che ci sono circa 800, per la precisione 825,  posteggi che si potrebbero assegnare.

Il mercato che ha il minor numero di posteggi disponibili è quello di Altarello con 33 posti, mentre quello che ne ha di più è Brancaccio.

Il giorno in cui ci sono più posteggi è il sabato con 437 stallimentre il numero minore  di posteggi è previsto il martedì con 258. In realtà, regolarizzando Falsomiele si porterebbe il dato a 340 posteggi lasciando come fanalino di coda il lunedì con 270 stalli  (tra i mercati di Funaioli, Artarello, Titone).

Il maggior numero di posteggi assegnati (si  presume che siano i posteggi in regola), si conferma il sabato con 294 posteggi assegnati (136 invece  non sono autorizzati), mentre il numero minore è il lunedì con 120 assegnati e 150 da assegnare.

Dei 22 mercati “regolari” 4 hanno meno di 50 posteggi, 7 tra 51 e 100, mentre sono 11 quelli con più di 100 posteggi. Il più “grande” è quello di Brancaccio  con 150 posteggi ma quelli assegnati sono solo 34. Questo è quello che dice la mappa sulla carta, ma per rendersi conto della realtà basta andare un lunedì mattina in via Di Vittorio e si scoprirà che è pieno di irregolari.

Abbiamo un mercato con due soli posteggi assegnati, quello dell’Arenella – dice Giovanni Felice, presidente di Confimprese Palermo – sette mercati dove i posteggi da assegnare sono più numerosi di quelli assegnati.  Noi riteniamo che questa situazione oltre che caotica dal punto di vista amministrativo, dia l’esatta dimensione della crisi che colpisce dal punto di vista economico il settore”.

Dichiarazione di Giovanni Felice, presidente di Confimprese Palermo

Ed ecco le richieste di Confimprese Palermo. “Occorrono interventi immediati sia dal punto di vista organizzativo che dal punto di vista del rilancio economico – avverte Felice – Come primo passo nei giorni scorsi abbiamo richiesto all’Assessorato attività produttive la riduzione dei diritti di segreteria che incidono sull’ istanza di autorizzazione, facendola costare 180 euro. Un costo a cui un ambulante oggi deve anche sommare eventuali spese di consulenza e che diventa iniquo dato che rappresenta anche il primo passo per avviare un percorso di emersione per chi vuole mettersi in regola. Ricordiamo che fino ad un anno fa i costi di istruzione di questo genere di pratica erano solo 12 euro”.