15 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

SATINE FILM PORTA IN ITALIA L’ACCLAMATO STERBEN (DYING) IL FILM DI MATTHIAS GLASNER

??????????

VINCITORE ALLA 74° BERLINALE:

ORSO D’ ARGENTO MIGLIOR SCENEGGIATURA

PREMIO MIGLIOR FILM GIURIA LETTORI MORGENPOST READERS

MIGLIOR FILM CINEMA TEDESCHI D’ESSAI

Sarà Satine Film a portare nelle sale italianeSterben (Dying), il pluripremiato film di Matthias Glasner presentato in concorso alla Berlinale 74, dove ha conquistato pubblico e critica, vincendo L’Orso d’argento Miglior sceneggiatura, il premio Miglior film Giuria Lettori Morgenpost Readers e il premio Miglior Film Cinema Tedeschi d’essai.

Accolto dalla stampa internazionale come “Una commedia esplosiva” (Le Monde),”Un’opera piena di vita” (The Guardian), “Un sorprendente melodramma moderno che vanta interpretazioni straordinarie” (Screen International), Sterbenè il racconto affilato, quanto dirompente, della complessità delle relazioni nella famiglia Lunies. Una famiglia sempre più sfaldata dalle vicende della vita e ormai priva di legami di amore convenzionali, che il regista Mathias Glasner osserva con sguardo algido e grottesco sfidando il taboo delle convenzioni per metterne a nudo sentimenti e situazioni.

“Siamo onorati e orgogliosi di poter far scoprire al pubblico italiano questo film così audace e ricco di significati”, dichiara Claudia Bedogni, C.E.O di Satine film “e ringraziamo Match Factory per la fiducia accordata. È un’opera davvero inclassificabile per la sua originalità che ci ha travolto e sconvolto fin dalla prima visione. Siamo certi che anche altri spettatori entreranno in empatia per la sincerità l’ estro artistico con cui il regista ha trattato argomenti a lui cari e personali ma in cui tutti, in alcuni momenti, possono riconoscersi. La bellezza del cinema è anche questo”.

Sterben uscirà in Italia all’interno del label SATINE CULT, il nuovo label di Satine Film dedicato alle voci più coraggiose e originali del cinema contemporaneo. Label che ha già accolto, con grande riscontro di critico e pubblico, L’innamorato, l’arabo e la passeggiatrice di Alain Guiraudie.