20 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Turismo industriale, contaminazioni e opportunità per imprese e territorio

Un evento di confronto e networking per accendere i riflettori sul turismo industriale nelle Marche. E’ “48 ore alla scoperta delle eccellenze marchigiane by Visit Industry Marche”, un’iniziativa organizzata dall’Associazione Paesaggio Eccellenza e UniCredit con l’obiettivo di illustrare le potenzialità del comparto che esalta la cultura produttiva del territorio e stimolare nuove sinergie che possano favorirne la crescita.

L’incontro si terrà lunedì 2 ottobre dalle 18 presso il terminal arrivi dell’Ancona International Airport.Sarà aperto dai saluti di Goffredo Brandoni, Assessore al bilancio e trasporti della Regione Marche; Alexander D’Orsogna, CEO Ancona International Airport Spa; Domenico Guzzini, Presidente Associazione Il Paesaggio dell’Eccellenza; Livio Stellati, Responsabile Sviluppo Territori Centro Nord UniCredit; e Pierluigi Bocchini, Presidente Confindustria Ancona. 

Subito dopo un focus sul tema Turismo Industriale – contaminazioni e opportunità, che vedrà partecipareRoberta Garibaldi, docente di Tourism Management all’Università degli studi di Bergamo; Marco Bruschini, Direttore Agenzia per il turismo e per l’internazionalizzazione delle Marche; Ludovico Scortichini, Tour Operator GoWorld al fianco di Visit Industry Marche; Simona Olivadese, Referente turismo UniCredit Made4Italy; e Angelo Pittro, Direttore Lonely Planet Italia.

Seguirà la proiezione del video inedito “48 ore alla scoperta delle eccellenze marchigiane by Visit-Industry Marche”, una produzione Lonely Planet realizzata grazie al sostegno di UniCredit attraverso Made4Italy, il programma nato nel 2019 e rilanciato nel 2022 con cui la banca mette a disposizione delle imprese del turismo e dell’agroalimentare un modello dedicato, risorse finanziarie e soluzioni tarate sulle specifiche esigenze delle aziende. Del plafond di 5 miliardi stanziato dal lancio della seconda edizione di Made4Italy, UniCredit ha già erogato oltre 3 miliardi per sostenere le imprese italiane dei due comparti e potenziare l’attrattività dei territori, con focus sul sostegno alla transizione sostenibile e digitale.

Livio Stellati, Responsabile Sviluppo Territori Centro Nord UniCredit, commenta: “Il turismo industriale è una risorsa funzionale per la riscoperta e la conoscenza della regione Marche e, più in generale, del nostro Paese. E’ una leva perevidenziare il valore aggiunto del Made in Italy, perché ne racconta la storia attraverso luoghi strategici per l’economia, per il suo osmotico legame con il territorio e per la crescita della società. Come banca siamo impegnati su più fronti per sostenere e valorizzare la specificità delle aree in cui operiamo, supportandone l’attività e la progettualità. Ne è un esempio la nuova finanza che abbiamo erogato al comparto turistico: oltre 547 milioni nel primo semestre 2023 per le imprese dell’area Centro Nord, di cui 33 milioni per quelle marchigiane. Ne sono un esempio programmi dedicati, come Made 4 Italy. Agiamo inoltre come facilitatori di iniziative di confronto e networking che coinvolgono i principali interlocutori d’area, attivando sinergie funzionali allo sviluppo del tessuto imprenditoriale e della comunità per creare insieme valore sostenibile a lungo termine”.

Domenico Guzzini, Presidente Associazione Il Paesaggio dell’Eccellenza ETS, sottolinea: “Con la nostra rete di imprese, attiva dal 2005 sul piano della cultura industriale e dello sviluppo locale, abbiamo creato il programma Visit Industry Marche che apre le porte delle fabbriche e dei musei d’impresa presenti nella regione. Intendiamo offrire al territorio una proposta turistica per valorizzare la vocazione industriale che caratterizza la regione Marche in Italia e nel mondo.
Il nostro ecosistema composto e sostenuto dalle imprese che vi aderiscono trova risposte concrete nel programma Made4Italy di UniCredit che ci offre opportunità come questa di Lonely Planet.
Nel nostro DNA Associativo c’è fare sinergia per il territorio e collaborare con partner come Regione Marche, ATIM, Aeroporto regionale, Confindustria e tutti gli attori che possono contribuire positivamente al futuro delle Marche”.

Goffredo Brandoni, Assessore Bilancio e Trasporti Regione Marche, rimarca che “L’Amministrazione Regionale è fortemente convinta che il turismo possa svilupparsi attraverso moltissimi clusters e uno di questi è quello legato alla cultura produttiva del territorio in cui le imprese marchigiane possono giocare un ruolo da protagonista. Le Marche sono la regione italiana con la più alta vocazione manifatturiera e i nostri imprenditori ci aiutano con i loro prodotti a raccontare una identità forte e riconoscibile. Il rilancio e la promozione della nostra regione è una sfida che il settore pubblico e privato possono giocare insieme”.