20 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

OTB Foundation e Agostiniani nel Mondo in sostegno di ex bambini-soldato in Congo

Ex bambino soldato illustra la sua storia

Con il progetto Juvenat Center verranno potenziati i laboratori di formazione e produzione già presenti nel centro aumentando, quindi, del 50% i beneficiari del programma che diventeranno in tutto 650 tra ragazzi e ragazze

OTB Foundation e la Fondazione Agostiniani nel Mondo annunciano la partnership volta al potenziamento del Centro Residenziale JUVENAT nella città di Dungu, Repubblica Democratica del Congo, un progetto finalizzato all’accoglienza e al reinserimento sociale ed economico di ex bambini-soldato – di sesso sia maschile che femminile – e di giovani emarginati.

Falegnameria, programmatore PC, sartoria e agro pastorizia sono alcune delle attività in essere, tutte improntate sulla formazione e sulla produzione stessa, oltre che un programma di reinserimento scolastico in accordo con le scuole della città. Con il nuovo progetto si punta, infatti, ad aumentare il numero degli inserimenti scolastici del 30%. Attraverso il settore produttivo si garantirà un introito economico per i beneficiari e si contribuirà in modo importante alla sostenibilità dell’intero centro.

Arianna Alessi Vicepresidente OTB Foundation

In sintesi, il programma del Progetto JUVENAT è costituito da due sezioni: formativo e di produzione”,chiarisce Arianna Alessi, vicepresidente di OTB Foundation. “Grazie al percorso formativo verranno coinvolti circa 200 giovani all’anno in più,a partire dal secondo anno di progetto; di questi, molti ex-ragazzi soldato. Alcuni di questi giovani rimarranno a lavorare per l’azienda agricola, nei vari settori, e diventeranno loro stessi formatori per i nuovi beneficiari. E’ anche previsto un programma di reinserimento scolastico grazie ad alcuni accordi presi con le scuole della città. Con il nuovo progetto si punta ad aumentare il numero degli inserimenti scolastici del 30%. Attraverso il settore produttivo si garantirà un introito economico per i beneficiarie si contribuirà in modo importante alla sostenibilità dell’intero centro. Abbiamo abbracciato questo progetto anche perché viene data una grande importanza alla questione di genere, che da sempre costituisce una priorità per OTB FOUNDATION: il 50% dei beneficiari sono ragazze ed è inoltre stato deciso che la responsabile del programma di agro-pastorizia sarà una donna esperta in agro-ecologia. Le selezioni sono già iniziate”.