5 Marzo 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

“CONSECUTIO”: Il Nuovo Album di Pietro Ciancaglini

“Consecutio” è il titolo del nuovo lavoro discografico del contrabbassista Pietro Ciancaglini e da venerdì 8 settembre l’intero album, anticipato dal singolo “Big Souls”, sarà disponibile, distribuito da Believe Music, in digital download & streaming sui migliori stores digitali, e in formato fisico, distribuito da IRD International, nei migliori negozi di dischi.

L’album “Consecutio” è un disco interamente costituito da brani originali e rappresenta la realizzazione e il compimento del lungo lavoro di introspezione e ricerca dell’artista. Un percorso artistico nel quale Pietro ha perfezionato e raffinato il suo approccio strumentale, compositivo e di arrangiamento, sperimentando diverse sonorità timbriche e particolari combinazioni strumentali.

Un lavoro approfondito che, oltre al grande spessore delle composizioni e degli arrangiamenti, mette in evidenza la raffinata ecletticità dell’autore nell’assumere la doppia veste di contrabbassista e bassista elettrico, dove il basso elettrico viene adoperato simultaneamente come strumento d’accompagnamento e come strumento solista, creare situazioni inedite e innovative: dai temi articolati su strutture armonico-ritmiche originali e non convenzionali, a momenti di spiccata melodia, ad altri di improvvisazione totale. Le sonorità elettriche ed acustiche si compenetrano a vicenda creando un “sound” unico e originale.

Nelle note di copertina il critico Vincenzo Martorella scrive: “Abbandonato – solo per il momento! – l’amato contrabbasso, Pietro Ciancaglini imbraccia il basso elettrico per firmare uno dei dischi più interessanti di questi primi anni venti. Un lavoro sorprendente, maturo, stilisticamente fluido e affascinante; soprattutto, un  disco esemplare per ideazione, arrangiamenti, esecuzione e prospettiva …”.

Per la realizzazione del disco Pietro Ciancaglini sì è affidato ad alcuni suoi fedeli compagni d’arte: Pietro Lussu al fender rhodes e al pianoforte, Armando Sciommeri alla batteria e alla voce di Chiara Orlando per alcune delle composizione dell’album.

Il disco è prodotto da GleAM Records di Angelo Mastronardi.

“Consecutio” sarà presentato dal vivo a Roma il prossimo 13 settembre a “Jazz & Image” la rassegna firmata Alexanderplatz Jazz Club.

Pietro Ciancaglini Quartet

PIETRO CIANCAGLINI

Nato a Roma nel 1975, contrabbassista, bassista elettrico, compositore, arrangiatore e insegnante. Diplomato al Conservatorio di Frosinone in Contrabbasso e al Conservatorio di Campobasso in Discipline musicali jazz/indirizzo interpretativo-compositivo.

Ha suonato, tra i tanti, con Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Paolo Fresu, Javier Girotto, Dado Moroni, Emanuele Cisi, Antonio Farao, Flavio Boltro, Pietro Tonolo, Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Rosario Giuliani, Nicola Stilo, Rita Marcotulli, Franco D’Andrea, Francesco Cafiso, Joe Lovano, Steve Grossmann, George Garzone, George Cables, Joe Chambers, Eliot Zigmund, Bill Smith, Lee Konitz, Gil Goldstein, Toninho Horta, Michele Hendricks, Joanne Brackeen, Mark Turner, Randy Brecker, Greg Osby, Bob Mintzer, Peter Bernstein, Alex Sipiagin, Nasheet Waits, David Kikoski, Ferenc Nemeth, Eric Alexander, Grant Stewart.

È stato co-leader del gruppo High Five Quintet considerata la migliore formazione jazz degli ultimi anni e ribattezzati “i Beatles del jazz” e del trio LTC. Ha suonato inoltre con il cantante Mario Biondi e con il DJ Nicola Conte, effettuando con loro diversi tour in Italia e all’estero.

Sono stati pubblicati a suo nome gli album “Italian Jazz graffiti”, “Reincarnation of a lovebird” e “Second Phase”. È stato co-arrangiatore del pluripremiato album del cantante Mario Biondi “Handful of Soul” e arrangiatore dell’album del cantante Andrea Balducci “Bloom” oltre ad esserne stato esecutore delle musiche.

Nel 2010 e apparso sulla rivista “Musica Jazz” nella “top 10” della categoria migliori nuovi talenti. Ha insegnato contrabbasso, basso elettrico e musica d’insieme in diversi Conservatori italiani e attualmente insegna al Conservatorio di Perugia.

Ha suonato in numerosi festival tra cui: Umbria Jazz, Veneto Jazz, Fano Jazz, Atina Jazz, Bergamo Jazz, Terni in Jazz, Clusone Jazz, Crossroads Jazz Festival, Jazz al Filarmonico di Verona, Garda Jazz Festival, Brianza Open Jazz Festival, Siena Jazz, Paris Jazz Festival, Montreaux Jazz Festival, North Sea Jazz Festival, Blue Note Festival di Gent, Beograd Jazz Festival, Blue Note di Osaka, Nagoya e Tokyo, Jazz Festival de Saint-Jean-De Luz, Leverkusener Jazztage, Cheltenham Festivals, Usad’ba Festival di Mosca.