21 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

“9 festival consigliati ad agosto e settembre”

Fino al – 1° settembre | Locorotondo (BA) / Bari / Trani / Fasano

Uno dei simboli per eccellenza dell’estate in Puglia e tra le colonne portanti della stagione musicale italiana, la XIX edizione “Music of many colours” conferma la versatilità del Locus festival, da sempre attento alle tendenze del jazz e della black music mondiale, ma anche all’elettronica così come alla canzone d’autore e al pop di qualità, un percorso senza confini che abbraccia suoni dall’Italia e dal mondo. Dopo aver concluso con grande successo la prima parte del suo percorso lungo la costa adriatica, con i tre indimenticabili live sold out di Simply Red, Sigur Ros e Herbie Hancock, il Locus Festival 2023 entra nel vivo in Valle d’Itria.

Dal 29 luglio il festival si è spostato infatti in uno dei borghi più belli d’Italia, aLocorotondo, con un programma ricco di concerti, incontri e cinema all’aperto, diviso tra i grandi live nella splendida Masseria Ferragnano, immersa nella campagna della Valle d’Itria a due passi dal centro urbano (cominciati il 29 luglio con il concerto dei Fat Freddy’s Drop e poi dal 10 al 14 agosto), e gli eventi gratuiti in piazza Moro (dall’8 al 13 agosto).

In programma i concerti di Baustelle, Verdena, Jeff Mills, The Comet is Coming, Ezra Collective, Fatoumata Diawara, Lady Blackbird, Makaya McCraven, Louie Vega, Seun Kuti & Egypt 80, Sun Ra Arkestra, Gianluca Petrella Cosmic Renaissance, Catu Diosis, Bud Spencer Blues Explosion, Wu -Lu, Ninos Du Brasil, Ada Oda, Tonico 70, Banda Maj, LA NIÑA, 2 Many DJs. Chiude l’edizione il 1° settembre a Bari Robert Plant live con il suo progetto musicale Saving Grace insieme a Suzi Dian.

SEGESTA TEATRO FESTIVAL

Fino al – 27 agosto | Parco Archeologico di Segesta

Dopo il successo della prima edizione, torna il Segesta Teatro Festival, sotto la direzione artistica di Claudio Collovà che quest’anno si svolgerà dal 28 luglio al 27 agosto, nello straordinario scenario del Parco Archeologico di Segesta diretto da Luigi Biondo.
Un mese denso di programmazione artistica contemporanea, fra teatro, danza, musica, spettacoli all’alba e osservazioni astronomiche nel cuore della notte, per immergersi in una natura di emozionante bellezza che avvolge il Teatro Antico e il Tempio, che ospiteranno le creazioni di una molteplicità di artisti di rilevanza nazionale e internazionale – da Alice che celebra Franco Battiato a Sonia Bergamasco diretta dall’artista visivo e regista fiammingo Jan Fabre –, pronti a condividere il loro sguardo con il pubblico del festival, a farsi comunità.

ARIANO FOLKFESTIVAL

XXVII edizione

Dal 16 al 20 agosto 2023 |Ariano Irpino (AV)

Ritorna dal 16 al 20 agosto ad Ariano Irpino (AV), con la sua XXVII edizione, Ariano Folkfestival, l’attesissimo appuntamento annuale con il meglio della musica e dei suoni di tutto il mondo. Un simbolo per eccellenza dell’estate in Irpinia e una delle colonne portanti degli eventi dedicati alla musica world e folk internazionale.

Ariano folkfestival 2023 prosegue anche quest’anno il suo viaggio sonoro senza confini e senza limiti, invitando artisti da Colombia, Brasile, Costa D’Avorio, Angola, Ghana, Capo Verde e molti paesi europei, con un programma di cinque giorni di eventi diurni e notturni, concerti, dj set e live performance che presentano una miscela originale di generi e stili. Dal reggae con influenze ska, dub e dancehall dei Dub Inc, al natural trance degli Hilight Tribe; dai suoni del Sud Italia di Maria Mazzotta, a Pongo, la regina indiscussa del kuduro angolese; fino allo psych-pop anatolico della cantante turca Derya Yıldırım con la band Grup Şimşek.

Insieme ai concerti quest’anno arriva una novità: una sezione PRO che ospiterà tra il 18 e il 20 agosto una serie di incontri tra professionisti dell’industria musicale culturale. E torna anche il ricco programma di attività collaterali che intende offrire un’esperienza unica e onnicomprensiva tra la musica, gli eventi e la natura.

FESTIVAL SPONZ 2023

COME LI PACCI

dal 20 al 27 agosto in Alta Irpinia

Il decennale del Fest ideato e diretto da Vinicio Capossela

Come li pacci: è questo il titolo della nuova e speciale edizione dello Sponz Fest 2023, ideato e diretto da Vinicio Capossela, che quest’anno festeggia il decennale dalla sua creazione, e si svolgerà dal 20 al 27 agosto in Alta Irpinia.
Numerosi gli artisti e gli intellettuali che attraverso i concerti, le performance, gli incontri della Libera Università per ripetenti, le danze, i laboratori e tanto altro animeranno e declineranno il tema di quest’anno. I primi ospiti confermati sono Nino Frassica & Los Plaggers Band, Skiantos, Nichi Vendola, Bobo Rondelli, Ermanno Cavazzoni, Daniela Pes, Marco Rovelli, FILOQ, Ray Gelato & The Giants, Banda della Posta, Fan Fath Al, l’Orchestrina di molto agevole, Paolo Speranza, A Cun’vrsazion, Tonuccio Corona e Cicc’ Bennett.

Il tradizionale concerto di Vinicio Capossela e ospiti chiuderà il Fest nella serata di sabato 26 agosto a Calitri. Tra gli ospiti Margherita Vicario, Sir Oliver Skardy e Paolo Rossi, con la partecipazione di Samuele Bersani, oltre a tutto il gruppo di musicisti e amici di quella che si è andata nominando Rolling Sponz Review e al grande ritorno del mago punk burlesque losangelino Christopher Wonder stretto nella sua “pazzo jacket”.

“Come li pacci” è inteso nella duplice accezione di pazzia dissipatrice della Festa, ma anche di affaccio al disagio mentale, tema affrontato soprattutto dallo speciale “Padiglione Irpinia” curato da Mariangela Capossela. Questo luogo mentale più che fisico, così chiamato in omaggio allo psichiatra campano Sergio Piro che introdusse nello spazio ospedaliero un luogo di socializzazione e ricreazione, sarà abitato da incontri e azioni interattive sulla psichiatria e la cura in senso ampio.

CAMPO BASE FESTIVAL
III edizione1 – 3 settembre | Oira Crevoladossola (VCO)

Il festival dedicato alla cultura della montagna,
alle attività outdoor e alla relazione fra essere umano e ambiente.
Scienza, filosofia, sport, musica, arte, cucina, natura, esplorazione.

Dopo il grande successo delle prime due edizioni, torna dall’1 al 3 settembre in Val D’Ossola Campo Base, il festival dedicato alla cultura della montagna, agli sport e alle attività outdoor e alla relazione fra essere umano e ambiente. Una programmazione densa e articolata tra installazioni, performance, appuntamenti con scienziati, filosofi, protagonisti dello sport, esploratori, attività sportive all’aria aperta, performance musicali, dj set, laboratori, forest bathing e le particolarità della cucina di montagna Prodotto dalla Fondazione Tones on the Stones nell’ambito di Tones Teatro Natura, con la direzione artistica di Nicola Giuliani, Campo Base è un festival davvero unico in Italia, che si prepara ad accogliere, nello scorcio di fine estate e in un campeggio immerso nella natura, una vera e propria comunità temporanea pronta a condividere esperienze e riflessioni, visioni e progetti. Due i macro temi di questa edizione: Habitat e Comunità. Fra i protagonisti di Campo Base 2023 il musicista e producer Venerus, l’esploratore Franco Michieli, la scrittrice, divulgatrice e attivista ambientale Sara Segantin, la visual artist Ilaria Turba.

Grande novità di questa edizione, la prima assemblea degli Stati Generali del Clima: una piattaforma di incontro e dialogo tra tutte le realtà dell’attivismo ambientale italiano, al fine di analizzare quanto fatto in passato e strutturare delle linee di azione incisive per il futuro. Il festival verrà anticipato da una speciale installazione audio-visiva dell’artista milanese Nicola Ratti che dal 23 agosto al 3 settembre trasformerà il campanile di Montecrestese, il più alto della Val D’Ossola.

SHORT THEATRE 2023 Radical Sympathy

XVIII edizione

3–17 settembre | ROMA (e altrove)

(Theo Mercier_Radio Vinci Park ©Erwan Fichou)

Giunto alla sua XVIII edizione, torna dal 3 al 17 settembre Short Theatre, il festival internazionale dedicato alla creazione contemporanea e alle performing arts con la direzione artistica di Piersandra Di Matteo, che attraversa il territorio della città di Roma. Radical Sympathy è il titolo di un’edizione che si pone in ascolto del movimento di dipendenze e interdipendenze che sintonizzano le materie del mondo, mettendo in moto una corrente inarrestabile che trasporta, illuminando lo spazio percepibile tra i corpi – umani e non umani, visibili e invisibili – in cui avviene la frizione, l’attrazione, la commozione. Accessibilità, attraversabilità, decolonialità, teoria e pensiero critico contemporaneo sono gli assi di lavoro che Short Theatre 2023 rinnova, eleggendo come proprio campo di azione l’arte performativa, nel tentativo di offrire alla città un contesto vivo e sensibile in cui sperimentare, collettivamente.

Fred Moten, tra le voci più importanti nel panorama dei Black Studies; Ligia Lewis, coreografa e artista visiva originaria della Repubblica Dominicana cui il festival dedica la seconda edizione di PRISMA; le due co-realizzazioni con il Teatro dell’Opera su due progetti che interrogano il linguaggio e il suo potere: Echolalias, On The Amnesia of Forgotten Sounds, performance vocale della cantante sperimentale e compositrice svedese di origini etiopi Sofia Jernberg, e Il Terzo Reich, ipnotica video-installazione di Romeo Castellucci. Il debutto del nuovo spettacolo di Daria Deflorian. DREAM, l’ultima produzione del Leone d’Oro alla Biennale Danza 2019 Alessandro Sciarroni e la sensuale e infernale relazione corpo/macchina di Radio Vinci Park del regista e artista visivo Théo Mercier, performance interpretata da François Chaignaud sono i principali progetti al centro di questa edizione.

FERRARA SOTTO LE STELLE

7 – 8- 9- 28 settembre | Cortile del Castello Estense – Ferrara

Torna Ferrara Sotto le Stelle per la sua ventisettesima edizione, confermandosi una rassegna tra le più longeve in Italia ma sempre fresca e in continuo movimento, capace di rinnovarsi ed evolversi ogni anno offrendo una proposta musicale varia, polimorfa e mai banale. Una rassegna di qualità che intercetta la migliore musica in circolazione per portarla a un pubblico sempre più ampio e vario. Dal 7 al 9 settembre il suggestivo Cortile del Castello Estense di Ferrara, nel cuore della città, ospiterà i concerti di Fatoumata Diawara (7 settembre), Trentemøller (8 settembre), e Arab Strap (9 settembre). Tre artisti che, incorniciati in una location prestigiosa ed esclusiva, evidenziano quella vocazione internazionale che da sempre caratterizza l’anima del festival e che quest’anno ritrova grande vigore, senza mai dimenticare di volgere lo sguardo a talenti e suoni nostrani: i live saranno infatti aperti rispettivamente da Emma Nolde, il duo Bono/Burattini e Daniela Pes.

Il festival arriva dopo le due anteprime di giugno, con il ritorno di Vasco Brondi nella sua Ferrara in un doppio live sold out (12 e 13 giugno) in cui riaccende Le Luci della Centrale Elettrica e il concerto del raffinato cantautore statunitense Kevin Morby (14 giugno), e dopo il concerto gratuito di Giovanni Truppi ad Argenta (FE) il 20 giugno in occasione della Giornata Internazionale del Rifugiato promossa da CIDAS.

Si rinnova infine la collaborazione con Internazionale a Ferrara per il concerto di anteprima della nuova edizione del festival di giornalismo: il 28 settembre il Teatro Comunale della città ospiterà il live degli ultimi grandi eretici del rock britannico, i Kula Shaker.

FESTIVAL ROMAEUROPA

6 settembre – 19 novembre | Roma

La trentottesima edizione del Romaeuropa Festival torna a Roma dal 6 settembre al 19 novembre con una delle edizioni più ricche di sempre tra musica, danza, teatro, nuovo circo, creazione per l’infanzia e arti digitali: 90 spettacoli, 300 aperture di palcoscenico, più di 500 artisti provenienti da 34 paesi, per oltre due mesi di programmazione in 13 spazi della capitale.

La sezione musicale sarà aperta il 12 settembre dalla leggenda della techno Jeff Mills che nella Cavea dell’Auditorium PDM Ennio Morricone sarà al fianco dei musicisti Jean-Phi Dary e Prabhu Edouard. Curata da Giulia Di Giovanni e Matteo Antonaci, LineUp! Dal 20 al 23 settembre al Mattatoio fotografa in tre giornate l’attuale panorama pop italiano a partire dalla riappropriazione della tradizione nei suoni delle nuove generazioni di artiste e artisti: La Niña fonde lingua e tradizione napoletana con sonorità pop e urban; echi di Sardegna attraversano i live di Vieri Cervelli Montel e Daniela Pes per il Tanca Records Showcase dedicato all’etichetta fondata da IOSONOUNCANE, elettronica, derive trap e hyper-pop convivono nelle scritture della bresciana Miglio e del cantautore di origini rumene Rareș; voci soul colorate e travolgenti, dagli svariati richiami ad atmosfere tropicali, caratterizzano il sound del giovane Ethan presentato in collaborazione con Alcazar live (partner dell’intera rassegna) mentre sintetizzatori analogici e atmosfere techno segnano i concerti finali di Marta Tenaglia e della romana Whitemary. Completano la sezione i Djset a cura di Fischio e il programma de Le Parole delle Canzoni presentato da Treccani che, dopo i tour negli istituti italiani di cultura all’estero (grazie alla collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale), torna all’interno del Mattatoio con i suoi incontri tra musicisti e scrittori.

A ottobre prende forma un vero e proprio focus dedicato al panorama della sperimentazione elettronica con la presenza di alcuni tra i più acclamati artisti internazionali: Ben Frost, Caterina Barbieri, i Plaid, Tovel (aka Matteo Franceschini).

Una mappa delle culture digitali è quella proposta dalla sezione Digitalive, curata da Federica Patti, che dal 6 all’8 ottobre incrocia percorsi musicali, coreografici e virtuali: ne sono protagonisti il nuovo spettacolo multimediale del collettivo romano NONE, il live dell’outsider della techno Cosimo Damiano, il percussionista, sound artist e curatore modenese Riccardo La Foresta, l’esperienza immersiva audio-video proposta dal collettivo SPIME.IM e il sofisticato hyper-pop del romano Arssalendo con un live speciale realizzato appositamente per la rassegna.

IL GRAN FINALE | Nel segno della festa, il 19 novembre, il Gran Finale del Romaeuropa Festival 2023 occupa, in corealizzazione con Fondazione Musica Per Roma, tutte le sale dell’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” in una giornata dedicata alla contaminazione e alle nuove sonorità del continente africano di cui sono protagonisti, oltre al già citato Onikeku, Ballaké Sissoko in dialogo con l’acclamato compositore e sound artist Lorenzo Bianchi, la stella luminosa del “desert blues” Bombino, e l’icona Fatoumata Diawara con il live del suo nuovo album London Ko prodotto da Damon Albarn, ponte tra i suoni delle metropoli occidentali e quelli della capitale del Mali Bamako.

ATTEGGIAMENTO PRIMAVERILE

23 e 24 settembre | Studi di Cinecittà, Roma

Da dodici anni un appuntamento oramai imperdibile nella Capitale che offre nomi imperdibili della scena elettronica e contemporanea, pop e indie. Dopo il tutto esaurito della scorsa edizione, con oltre 15.000 presenze, anche quest’anno Spring Attitude conferma la sua capacità di intercettare le tendenze del momento e allo stesso tempo di scoprirne di nuove, con un’attenzione alle contaminazioni tra generi e stili. Headliner dell’edizione 2023 che si svolgerà il 23 e 24 settembre a Roma negli Studi di Cinecittà sono: Moderat, il trio tedesco tra i più esaltanti della scena elettronica dell’ultimo decennio con il loro ultimo album di successo MORE D4TA; la dj sudcoreana di base a Berlino Peggy Gou, già incoronata tra le divinità dell’elettronica; e i Verdena, reduci dal trionfo del loro ultimo album Volevo Magia e un tour quasi tutto sold-out. A loro si aggiungono i ritmi acid house e le atmosfere mediorientali del duo francese Acid Arab, le sonorità magnetiche di BLUEM, il duo alto-rock Bud Spencer Blues Explosion, il dj e producer tedesco Christian Löeffler e la dj e producer parigina Chloé Caillet. E ancora i Fuera, il sound elettronico di HVOB, il ritorno di Meg, l’enfant prodige della nuova musica italiana Tutti Fenomeni (unica data estiva), Lucio Corsi, autore e musicista dalla cifra unica e dalla poetica altamente riconoscibile grazie al suo stile originale, Maria Chiara Argirò, tra i protagonisti della nuova scena jazz internazionale, i Parbleu con il loro groove, ed ELE A, classe 2002 – con il nuovo EP Globo.


Completano la line up del festival: la talentuosa ed eclettica cantautrice Anna Carol, Archivio Futuro progetto tra l’acustico e l’elettronico nato dall’incontro tra il producer e dj Lorenzo BITW, il batterista Danilo Menna e il sassofonista Vittorio Gervasi; il post cantautorato di Ibisco e il cantautorato sognante e sfacciato di Marco Fracasia. La giovane cantautrice romana Giin, nome d’arte di Ginevra De Tommasi classe 2003; gli Studio Murena con il brillante mix tra jazz e hip-hop; e Valentino, progetto del giovane cantante Michele De Vincenti nato dal sodalizio artistico con il producer e artista Arssalendo.