24 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Al ritmo della natura: viaggi responsabili in camper alla scoperta dei parchi del Friuli Venezia Giulia

White camper van with solar panels drive through green forest. Aerial top down view. Travel concept.


Per la Giornata Europea dei Parchi, la piattaforma di camper sharing Yescapa propone itinerari
slow per ammirare il cuore verde di questa regione votata al contatto con la natura
Milano, maggio 2023 – Si può imparare di più nei boschi che dai libri: gli alberi, i sentieri, le rocce
sono custodi di un’antica saggezza che affonda le radici nei secoli passati, con i rami protesi
verso il futuro. Un valore inestimabile racchiuso soprattutto nei parchi naturali, paradisi della
biodiversità: è a questi monumenti viventi che il 24 maggio è dedicata la Giornata Europea
dei parchi, per ricordare il giorno in cui nel 1909 venne istituito in Svezia il primo parco nazionale
del vecchio continente.
E se la natura ha tanto da insegnare a chi sa mettersi in ascolto, è fondamentale farlo in modo
rispettoso e a ritmo lento: entrando nei parchi naturali ci si rende conto di non essere protagonisti,
ma piuttosto ospiti di passaggio. Sono questi i valori dello slow travel promossi dalla
piattaforma di camper sharing Yescapa, che in vista di questa importante celebrazione
propone itinerari alla scoperta dei parchi e delle riserve del Friuli Venezia Giulia: una regione
da vivere a 360° all’aria aperta, spaziando dalle alte vette alla costa, spostandosi tra le diverse
aree sosta per i camper che la punteggiano.
Per godere al massimo del viaggio, instaurando un circolo virtuoso con la destinazione stessa, è
fondamentale essere consapevoli del proprio impatto individuale, soprattutto quando si
attraversa o ci si avvicina alle aree naturali: come per ogni viaggio in camper, è importante
parcheggiare in luoghi adatti e attrezzati, smaltire in modo corretto i propri rifiuti e adottare piccoli
grandi accorgimenti come rallentare per risparmiare emissioni e allo stesso tempo assaporare
appieno l’avventura on the road.
Seguendo queste utili dritte, ecco gli itinerari proposti da Yescapa, che abbracciano l’arco alpino
friulano da ovest a est per poi scendere lungo la pianura fino alle riserve costiere al sapore di
salsedine.
PARCO DELLE DOLOMITI FRIULANE: IL PARADISO DELL’ESCURSIONISMO
Il percorso in camper con Yescapa alla scoperta dei
parchi della regione parte dal confine nord est del Friuli
Venezia Giulia, col Parco Naturale delle Dolomiti
Friulane, il più vasto della regione e istituito nel 1996.
Considerato di grande interesse geologico, ambientale
e naturalistico, il territorio è caratterizzato da un’anima
selvaggia, particolarmente percettibile grazie
all’assenza di strade asfaltate e di centri abitati. È facile
incontrare gruppi di caprioli, camosci e cervi, vedere
galli forcelli e galli cedroni o osservare giovani marmotte
rincorrersi. Per questi motivi, il parco è un paradiso per
l’escursionismo e il trekking, grazie anche alla rete di
sentieri che si inerpicano sulle vette dolomitiche,
patrimonio dell’UNESCO.
Interessanti tappe all’interno del parco sono le impronte fossili di dinosauro a Casera Casavento,
il curioso fenomeno erosivo dei libri di S. Daniele sul Monte Borgà che sembra composto da
cataste di lastroni rocciosi sovrapposti, e la visita al Coronamento della Diga del Vajont,
un’esperienza da vivere con rispetto.
PARCO DELLE PREALPI GIULIE: UN GIOIELLO AD ALTA QUOTA
Spostandosi verso est, prendendosi il proprio tempo per
attraversare l’ampio pianoro solcato dal fiume
Tagliamento, Yescapa consiglia di proseguire il viaggio
itinerante verso il Parco naturale regionale delle Prealpi
Giulie. Esteso poco meno di 100 km², il parco include le
parti più elevate delle catene del Monte Plauris (m 1958),
dei Monti Musi (m 1869) e del Monte Canin (m 2587), in
una zona dove entrano in contatto aree biogeografiche
diverse che danno vita a una straordinaria biodiversità.
Oltre che da un punto di vista naturalistico, l’area del
Parco riveste un grande interesse geologico,
paesaggistico, con rocce scavate in giardini carsici e grotte, acque impetuose di forre e cascate,
conche glaciali e faglie tettoniche, e storico culturale, grazie ai borghi rurali e al folklore delle
comunità locali.
In occasione della Giornata Europea dei Parchi, il Parco delle Prealpi Giulie il 20 e il 21 maggio
ospiterà il Parkfest, momento di presentazione dei Parchi dell’Arco Alpino Orientale, delle loro
caratteristiche e proposte con numerosi eventi dedicati a tutta la famiglia.
RISERVE NATURALI LUNGO LA COSTA: SALSEDINE E LAGUNA
Rotta poi verso sud per esplorare la lunga costa
della regione. Passando da Udine, dal centro
elegante e a misura d’uomo, da Palmanova, città
fortezza a forma di stella a 9 punte, si percorre a
bordo camper in direzione Trieste. Alle porte di
questa città di frontiera e ai piedi del Castello di
Miramare, si trova l’Area Marina Protetta di
Miramare, cuore di una Riserva di Biosfera
riconosciuta dall’UNESCO e prima area marina
protetta ad essere istituita in Italia insieme a quella di Ustica nel 1986. Una tappa per immergersi
letteralmente alla scoperta della biodiversità marino-costiera, grazie a diverse attività proposte
come lo snorkeling e le gite in barca elettrica.
Si torna al volante risalendo il Golfo di Trieste verso la Riserva naturale Foce dell’Isonzo e Isola
della Cona a Grado, caratterizzata da una zona palustre e depositi sabbiosi con numerosi habitat
d’acqua salata, salmastra e dolce. Una commistione fertile per la fauna legata agli ambienti umidi,
soprattutto per gli uccelli, con oltre 320 specie di migratori, svernanti e stazionari. Oltre al
birdwatching, si può partecipare ad attività con i cavalli che vivono nella riserva, per esplorarla
sperimentando un contatto ancora maggiore con la natura.
Spostandosi di qualche chilometro verso ovest e
arrivando a Lignano Sabbiadoro, la maggiore
destinazione balneare della regione, si possono
prevedere alcune escursioni in barca alla scoperta di
riserve naturali incontaminate: imbarcandosi dalla
darsena lignanese, si potrà navigare sulle acque
salmastre della laguna di Marano per scoprire oasi di
biodiversità come la Riserva naturale Foci dello
Stella, col suo microcosmo eccezionale dove acqua
dolce, salmastra e marina si uniscono, e la Riserva Naturale Valle Canal Novo, paradiso del
birdwatching dove si può camminare su passerelle di legno a filo d’acqua e avvistare specie come
l’elegante cavaliere d’Italia e l’airone rosso.