14 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Carmine Caputo di Roccanova “Trasparenze”

Pittore e scultore, ma anche performer e architetto, sperimentatore di registri operativi differenti. 

Il percorso espressivo-teorico di Carmine Caputo di Roccanova approda dall’11 maggio al 5 giugno allo Spazio d’Arte Scoglio di Quarto di Milano con la mostra “Trasparenze” dove presenta quattordici opere completamente inedite realizzate dal 2020 al 2023.

Il nuovo ciclo pittorico di Caputo si presenta come ulteriore sviluppo e ampiamento delle posizioni già espresse nel suo Manifesto sul “Manierismo geometrico” del 2005 dove l’evoluzione sintattico-geometrica della narrazione non si distoglie dalla convinzione che l’artista, per non cadere nell’errore di ripetere ciò che è già stato fatto, debba dare maggiore dignità alla propria arte:

“L’artista deve incominciare ad assumersi le proprie responsabilità e citare coloro ai quali si sono ispirati ponendo le note in calce alla propria arte, esattamente come accade in letteratura. Nessuno inventa nuove strade”.

Carmine Caputo espone a Milano opere tutte costruite nella rigida dimensione del quadrato, che contengono una componente architettonica che disciplina non solo la forma ma anche lo spazio, senza tuttavia contenerlo.

Il rigore cromatico e il linguaggio delle forme che si viene a creare in un continuo sovrapporsi di strutture geometriche che sembrano cerchino di incastrarsi l’una con le altre si rapporta con il fondo che appare come elemento di dialogo in un effetto tridimensionale.

La narrazione del ciclo delle “Trasparenze” si muove tutta su linee rette e figure geometriche triangolari nette e definite, che per l’artista e l’osservatore possono essere replicabili all’infinito, quindi oltre la stessa superfice della tela.

Opere astratte che sono evidenti espressioni di un racconto più ampio, dove ognuna di esse è naturale proseguimento dell’altra, caratterizzate da una finitura del quadro che si sviluppa per continui accavallamenti e intersezioni, senza tuttavia andare a perdere la brillantezza del dipinto e dei colori.

Il pensiero di Carmine Caputo di Roccanova, vicino alle istanze del Futurismo (suoi il Nuovo Manifesto di Cucina Futurista del 1996 e il Manifesto di Cucina Ultra-Futurista del 2020), è per molti versi avanguardista.

Temerario e dagli straordinari esiti innovatiti, le indicazioni artistico-culturali sottese al ciclo delle “Trasparenze”, valide  in pittura così come in scultura e nelle lettere, sono un ulteriore passaggio di questa presa di coscienza poetica e artistica, individuale e altresì collettiva, del bisogno di una nuova arte di qualità.

Orari di apertura

Da martedì a venerdì dalle 17 alle 19

Negli altri orari e sabato e domenica solo su appuntamento info@galleriascogliodiquarto.com

Inaugurazione

Giovedì 11 maggio dalle 18.00 alle 20.30