24 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Alberto Nacci “FRAMES”

“Ho l’animo del jazzista perché considero che il jazz sia uno stile di vita, un modo rigoroso e creativo di affrontare i problemi in modo ‘strutturato’, con la capacità di ‘cogliere l‘attimo’ grazie a quella magnifica risorsa che è l’improvvisazione.”

Una mostra tutta da vedere e da ascoltare nel segno della raffinata poetica narrativa e della capacità di tradurre il suono e la voce in immagini fotografiche.

ADI Design Museum di Milano presenta dal 3 maggio al 3 giugno la mostra del regista e produttore Alberto Naccidal titolo “Frames”, curata e organizzata da ajpstudios con la collaborazione culturale del Museo Italo Americano di San Francisco.

“Frames” è tratta da una serie di venti cortometraggi musicali in bianco e nero dal titolo “Body&Sound”, realizzati da Alberto Nacci tra il 2014 e il 2022 e pluripremiati nell’ambito di diversi festival internazionali.

“Frames” è il risultato di una sapiente ed armonica combinazione di musica, arti visive e arti performative e vuole restituire in venti fermi-immagine – una per ogni docufilm – la profonda relazione mentale e corporea che nasce fra il musicista e il suo strumento.

Ogni cortometraggio racconta lo “spartito interiore” dei musicisti con inquadrature ravvicinate sui dettagli delle mani, degli strumenti o dei volti degli interpreti.

I venti frames in mostra – immagini in bianco e nero riprodotte su formato di grandi dimensioni (cm 160×90), numerate e firmate dall’autore – restituiscono quegli “attimi” che sfuggono al racconto ma sono il diapason dell’essere musicisti.





“ I bianchi e neri infiniti sembrano attingere da una tavolozza di un sapiente pittore, ma realizzati con l’animo del jazzista che riesce a cogliere le sfumature dei ritmi e dell’estemporaneità” (Barbara Vincenzi, storica e critica dell’arte)

L’affidarsi al bianco e nero offre alle stesse immagini una valenza artistica maggiormente pregnante, toglie ogni alibi di distrazione che potrebbe derivare dall’insieme caotico dei colori e dà la possibilità all’autore di parlare direttamente con lo spettatore.

Proprio per questa scelta artistica dell’autore, le venti immagini esposte nel nuovo ADI Design Museum non solo evidenziano la forte relazione che si instaura tra l’uomo e il suono, tra musica e immagine, ma fanno trasparire come sia stretta la correlazione fra la composizione fotografica e la musica.

Andrea Cancellato, Direttore ADI Design Museum: “FRAMES è decisamente una proposta innovativa, una ‘nuova frontiera’ del Design dove ogni inquadratura dei corti della serie ‘Body&Sound’ è stata pensata come ‘matrice’ di nuove opere d’arte dove la matrice è fatta di luce.”

Ogni opera del percorso espositivo è associata ad un QRcode che permette di guardare online (con il proprio smartphone) l’opera video da cui è tratto quel frame, oltre a potersi sedere comodamente in uno “spazio multimediale” appositamente allestito e guardare con calma tutti i 20 film musicali della serie Body&Sound.

“Frames” traduce i suoni in immagine, rimodulando il “percepire soggettivo” di ognuno di noi.

“Frames” offre al visitatore la possibilità di cogliere l’oscillazione ritmica che svela la connessione quasi primitiva che ogni musicista instaura con il proprio strumento, quintessenza del concetto di libertà.

Un’esperienza multimediale unica, dove ogni frame in mostra non solo offre un racconto autentico della forza della musica, ma va oltre l’immagine stessa, riuscendo a stimolare l’inconscio e a ricondurci a suoni, odori, emozioni e colori del nostro passato.

Alberto Nacci / Nota biografica

Nato a Trapani nel 1957, vive e lavora a Bergamo dal 1982. Già docente di Progettazione Sonora alle Accademie di Belle Arti di Bergamo e Brescia.

Dopo una lunga attività di musicista jazz (sax tenore e contralto) con numerose composizioni originali, produzioni discografiche e una ricca attività concertistica, si é dedicato alle relazioni fra suono e immagine con la produzione di docufilm di arte e cultura e opere di videoarte.

Moltissimi i riconoscimenti in tutto il mondo: Hollywood, Los Angeles, New York, Philadelphia, Chicago, Bellingham, Londra, Parigi, Mosca, Madrid, Amburgo, Barcellona, Rotterdam, Amburgo, Milano, Roma, Torino, Melbourne, Calcutta, Osaka, Singapore.

Ha realizzato numerose opere filmiche in collaborazione con importanti artisti internazionali: pittori, scultori, fotografi, musicisti, architetti. Dal 1996 è titolare di ajpstudios specializzato nella produzione di docufilm di arte e cultura.