30 Maggio 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

CULTURA: ABACT, giovedì 13 aprile al Teatro Massimo Bellini il docufilm sullo storico Giarrizzo

Si intitola “Il Sud non ha bisogno di lacrime” ed è la prima produzione della Scuola di Cinema dell’Accademia di Belle Arti di Catania. Un omaggio allo storico preside della Facoltà di Lettere cui si deve il recupero e la restituzione nel 1993 del Monastero dei Benedettini con testimonianze e riflessioni sul Mezzogiorno e sulla Sicilia. La presentazione alla città giovedì 13 aprile al Bellini.

CATANIA – Si intitola “Il Sud non ha bisogno di lacrime” ed è il docufilm con cui l’Accademia di Belle Arti di Catania, presieduta da Lina Scalisi e diretta da Gianni Latino, rende omaggio alla memoria di Giuseppe Giarrizzo (Riposto 1928 – Catania 2015), storico per formazione e professione ma anche “storico” preside per quasi trent’anni della Facoltà di Lettere (oggi Disum) dell’Università di Catania. Giovedì 13 aprile, alle ore 21, la prima proiezione al Teatro Massimo Bellini nel corso di una serata organizzata dall’Accademia di Belle Arti e inserita nei lavori del Congresso Sisem (Societa italiana per la Storia dell’età moderna) che dal 13 al 15 aprile vedrà a Catania decine di studiosi e ricercatori dei maggiori atenei e istituti di ricerca italiani.

Animato da una profonda e lucida passione civile, ma anche intellettuale contrario a un Sud “piagnone” e che non volesse puntare sulle proprie forze, Giarrizzo ha legato il suo nome – insieme a quello dell’architetto urbanista Giancarlo De Carlo – al prodigioso e decennale progetto di recupero del complesso monumentale dei Benedettini del quale quest’anno ricorrono i trent’anni dalla restituzione alla comunità, avvenuta nel 1993. Il docufilm su Giarrizzo, diretto dalla regista Maria Arena su soggetto di Peppino Ortoleva, è il primo lavoro cinematografico realizzato, con la supervisione dei docenti, dagli allievi del Corso di Cinema dell’Accademia di Catania che ha preso il via lo scorso anno. La durata del docufilm è di 35 minuti e include preziosi contributi d’epoca delle Teche RAI.

La serata sarà condotta dal giornalista Giuseppe Di Fazio, numerose le autorità presenti. Per partecipare alla proiezione al Teatro Massimo Bellini, che sarà preceduta dalla consegna del Premio Giarrizzo da parte dell’omonima fondazione costituita dai familiari, è necessario prenotarsi registrandosi sul modulo pubblicato sul sito dell’Accademia (www.abacatania.if). Ingresso libero – previa prenotazione – fino a esaurimento posti.

Accademia di Belle Arti di Catania, notizie

Nata nel 1968, l’Accademia di Belle Arti di Catania (Abact) appartiene al sistema universitario statale del MUR (Ministero dell’Università e della Ricerca) all’interno del comparto AFAM – Alta Formazione Artistica e Musicale e coreutica.

Articolata in tre sedi (via del Bosco, via Barletta, via Franchetti) offre agli studenti un ciclo di studi quinquennale articolato in un primo e in un secondo livello (3+2). Venticinque i corsi erogati attraverso tre dipartimenti: Arti visive, Progettazione e arti applicate e Comunicazione e didattica dell’arte. Con oltre 2.000 iscritti Abact è la quarta accademia d’Italia dopo Milano, Napoli e Roma (Fonte Afam) Info www.abacatania.it

CATANIA 12/12/2005: Prof. Giuseppe Giarrizzo