17 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Potere, complotti e passioni alla corte di Ankhesenamon: Annamaria Zizza torna a parlare della XVIII dinastia nel suo nuovo romanzo, “La regina di Tebe”, edito da Marlin editore.

Sabato 25 marzo alle ore 17.30, la scrittrice catanese presenterà ufficialmente alla libreria Cavallotto Ubik di Corso Sicilia, 91, il suo secondo libro incentrato sulla figura di Ankhesenamon, la vedova del faraone Tutankhamon. A dialogare con lei la scrittrice Costanza Di Quattro mentre l’attore Pippo Pattavina, darà vita ai numerosi personaggi presenti nell’opera.

Annamaria Zizza

CATANIA- All’ombra delle piramidi, intrighi e morte per conquistare l’amore della ribelle Ankhesenamon, la vedova del faraone Tutankhamon. A cento anni esatti dall’apertura del sacrario del faraone bambino, salito al trono a soli nove anni e morto appena diciottenne, Annamaria Zizza torna a parlare della XVIII dinastia e lo fa attraverso le pagine del suo nuovo romanzo “La regina di Tebe”, che inaugura la collana “Vulcano” della Marlin Editore. «La nostra vocazione è sempre stata quella di privilegiare storie che avessero per protagonisti personaggi e vicende realmente vissuti e fatti realmente accaduti. – spiega l’editore, Sante Avagliano – La collana ‘Vulcano’ vuole rappresentare la potenza, l’esplosione, la ricchezza, la fertilità che, in potenza e in atto, sono fornite dalla narrativa storica, capace di risalire al passato riscoprendo argomenti e personaggi dimenticati». Il libro, che verrà presentato ufficialmente a Cataniasabato 25 marzo alle ore 17.30 alla libreria Cavallotto Ubik di Corso Sicilia al numero 91, vedrà la partecipazione dell’autrice e della scrittrice Costanza Di Quattro, che ripercorreranno insieme i nuclei tematici dell’opera. A dare voce ai personaggi, poi, uno dei capisaldi del teatro siciliano, l’attore Pippo Pattavina. «“La regina di Tebe” – evidenzia l’autrice – non è solo un romanzo storico: indubbiamente dietro c’è una documentazione e uno studio delle fonti, però mi sono anche voluta concentrare su elementi psicologici, approfondendo le dinamiche dei singoli personaggi. Si possono poi rintracciare elementi legato alla narrativa gotica, di cui sono una grande appassionata, ed erotica, funzionale allo sviluppo della trama». La storia inizia a Tebe, capitale dell’Egitto, nel XIV secolo a.C.. La giovane regina Ankhesenamon, nel tentativo di riportare la pace nel suo Paese e di dare un erede al suo regno, ordina allo scriba Menthuotep, un personaggio nato interamente dalla penna dell’autrice e legato al suo primo romanzo “Lo scriba e il faraone”, edito da Algra, di inviare una lettera al re degli ittiti, affinché possa sposare uno dei suoi figli. Dell’iniziativa vengono lasciati all’oscuro sia il potente visir Ay, che il generale Horemheb, dal momento che entrambi ambiscono al trono. Gli ittiti sono sorpresi dal contenuto della lettera: pensano a una trappola da parte degli egizi e temporeggiano, ma alla fine, convinti da Menthuotep, inviato in qualità di ambasciatore dalla regina, accettano la proposta. Ma la storia prenderà ben presto una piega inaspettata fra colpi di scena, battaglie e intrighi. 

«Una narrazione suggestiva che si avvale di dialoghi serrati nei quali si delineano i personaggi con mano sicura e tagliente. Un romanzo singolare sulla storia di due imperi e di due donne, Ankhesenamon e Malnigal, storicamente lontane da noi, ma vicine per coraggio e determinazione». L’ha definito così Dacia Maraini, che firma la quarta di copertina

«Il romanzo pone al centro le donne – sottolinea ancora Zizza -, la loro forza e la loro determinazione. Al suo interno se ne contano addirittura quattro. La prima è Ankhesenamon ed è una portatrice di pace; l’altra, Malnigal, è figura oscura e ambigua. Le due donne incarnano in parte due topoi della letteratura: la donna Angelo e la Femme fatale, seppure con diverse sfumature. Poi abbiamo Baketamon e Miriam, che indagano altri aspetti dell’animo femminile. Non solo: nell’opera è possibile trovare riferimenti alla vita militare, alla gestione del potere, a usi e costumi dell’Antico Egitto e delle civiltà coeve. Spero possa essere un modo per conoscere un po’ meglio questo mondo, che mi ha sempre affascinata sin dalla più tenera età».