21 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

A MANTOVA L’ASSEMBLEA NAZIONALE U.N.A.S.C.I. 2023

ALLA CANOTTIERI MINCIO L’ONORE DI OSPITARE U.N.A.S.C.I.

La città di Virgilio sarà la sede del 24^ Assemblea Nazionale Annuale Ordinaria e Straordinaria U.N.A.S.C.I. 2023, l’Unione Nazionale delle Associazioni Sportive Centenarie d’Italia, Associazione benemerita riconosciuta dal C.O.N.I. Ospite della nostra ultracentenaria Canottieri Mincio 1883, l’Associazione presieduta dall’Avvocato Bruno Gozzelino, porterà a Mantova delegati da tutta la Nazione in rappresentanza della base storica dello sport italiano.

Nata l’11 novembre 2000, UNASCI annovera annualmente oltre 200 società iscritte che rappresentano circa 200.000 tesserati e si prefigge lo scopo di promuovere, diffondere e valorizzare l’attività sportiva quale elemento determinante per la crescita fisica, morale, civile e sociale dei giovani. Altro obiettivo è quello di salvaguardare ed incrementare il patrimonio storico-culturale-sportivo delle Società e delle tradizioni dello Sport in Italia, come memoria del passato per una vita migliore delle società sportive nel presente ed in prospettiva futura.

Dal 2008 è stato inoltre creato un Museo Virtuale che raccoglie memorie delle società affiliate. Vanta anche una collana editoriale nell’ambito della quale pubblici libri con attinenza al mondo dello sport. UNASCI, inoltre, cura annualmente specifici progetto a favore delle società affiliale nell’ambito dei quali le stesse ricevono dei rimborsi spese di natura economica.

Ripercorrendo la vita di queste Società pare di sfogliare la vita dell’Italia, passata dall’Unità ai primi cimenti sportivi, al bianco e nero di trionfi storici nelle più svariate discipline, dove migliaia di atleti sono cresciuti, divenuti adulti portando avanti gli ideali dello sport, attraverso due guerre, la ricostruzione, il boom economico fino ad arrivare ai giorni nostri. Oggi UNASCI rappresenta un punto di riferimento non solo nel preservare la memoria storica ma anche un forte veicolo perché lo sport in Italia possa sopravvivere alla luce delle nuove esigenze, delle nuove generazioni e delle mutate normative.

Non a caso il tema trattato nel Convegno Nazionale avrà come filo conduttore “Sport e legislazione: le nuove Società Sportive alla luce della riforma”. Sono previsti diversi interventi con relatori qualificati come l’Avvocato Guido Martinelli di Bologna (“il lavoro sportivo”), l’Avvocato Fabio Pennisi di Roma (“Il vincolo sportivo post-riforma”) e il Dott. Luca Caramaschi di Mantova (Attività sportiva principale e le attività secondarie – riflessi fiscali).

Nel corso della cena d’Onore verranno festeggiati i 140 anni della Canottieri Mincio, Società presieduta dal Dott. Gianni Mistrorigo.

Per tutte le informazioni https://www.unasci.com/web/index.php

L’evento filatelico

Tra le tante attività di UNASCI giunge alla 16^ edizione anche l’iniziativa filatelica, una bellissima tradizione nata dall’idea del cadorino Glauco Granatelli, rappresenta del CAI Auronzo di Cadore (anno 1874 ed ora curata dal consigliere nazionale Unasci Marco Antonio Tieghi (CAI di Fiume anno 1885). Si tratta di un folder filatelico contenente 9 cartoline che festeggiano altrettante società affiliate. Quest’anno saranno ricordate ovviamente la Canottieri Mincio 1883, il Tiro a Segno Como 1862, il Tiro a Segno Livorno 1892, lo Sci Club Cortina 1903, la Canottieri Bissolati di Cremona 1921, la Romulea Calcio 1922 di Roma, l’Aurora Desio Ciclismo 1922, Giglio Rosso 1922 di Firenze ed il Pedale Bolognese 1922.

Entro pochi anni tutte le Società affiliate avranno una loro cartolina con un cartoncino che riporterà anche brevemente la loro storia. Ad oggi già quasi 150 società hanno avuto una cartolina dedicata (visibili al link www.unasci.com)

Grazie alla consolidata collaborazione con Poste Italiane, le cartoline saranno obliterate con uno speciale annullo filatelico che sarà disponibile grazie al servizio temporaneo (con libero accesso) presso l’Hotel La Favorita di Via Salvatore Cognetti De Martiis, 1, a cura dello sportello filatelico di Mantova Centro. Gli orari del servizio saranno il giorno 25 marzo dalle ore 14,30 alle ore 18,30

L’annullo

L’annullo, in formato ovale, riproduce il logo dell’UNASCI, nella sua versione non stilizzata composta dal numero “100 UNASCI” e per estero il significato della sigla.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è francobollo.jpg
Il francobollo scelto

Significativa anche la scelta del francobollo che verrà apposto sulle cartoline. Si tratta del valore emesso il 31 marzo 2008 che storicizzò 120 anni della Federazione Italiana Canottaggio. Un delicato e puntuale omaggio alla Canottieri Mincio, che renderà ancora più attuale l’evento filatelico mantovano.

L’annullo sarà poi disponibile, a partire da lunedì 27 marzo, presso lo sportello filatelico dell’Ufficio di Mantova Centro (Piazza Martiri di Belfiore, 15) per i successivi 60 giorni, al termine dei quali sarà depositato presso il Museo della Comunicazione di Roma per entrare a far parte della collezione postale.

L’intervista

Abbiamo incontrato i Presidenti di UNASCI e della Canottieri Mincio 1883 per raccogliere le loro sensazioni.

Presidente Gozzelino, vi avvicinate ai 25 anni dalla fondazione ma lo spirito è quello del primo giorno. Un progetto che ha preso forma ed ora rappresenta una splendida realtà. Con quali sentimenti si appresta a questa “due giorni” virgiliana?

G. Assolutamente sì. L’entusiasmo è sempre invariato e non è mai diminuito in questi 20 anni (quasi 25 anni) di attività, anzi posso dire che è cresciuto di giorno in giorno dal primo giorno in cui una settantina di società sportive si presentarono a Torino.  Vedere oggi che da oltre 10 anni più di 200 società ogni anno versano la quota associativa e partecipano alle nostre attività e alle nostre iniziative è qualcosa che ci rende assolutamente orgogliosi. Crediamo che anche il CONI e tutte le persone che operano nel mondo sportivo abbiano apprezzato questa nostra Associazione, che a differenza delle altre associazioni benemerite, è praticamente l’unica che ha la caratteristica di avere solo soggetti che sono società sportive e non singole persone.  

Credo che anche l’assemblea ed il convegno di Mantova rappresentino una testimonianza di quanto l’Associazione è più viva che mai: c’è bisogno di aggregazione di amicizia, di riconoscimento del valore del volontariato nel mondo dello sport, cosa che attualmente al giorno d’oggi sembra venire a mancare. Un ringraziamento particolare al Presidente del CONI Giovanni Malagò che ha sempre dimostrato grande attenzione per la nostra Associazione.

Lo sport, come tutta la società, è in continua evoluzione. Quanto ritiene sia importante assistere le Società Sportive di fronte al mutare delle legislazioni e del quadro economico complesso come quello attuale?

G. È un momento storico fondamentale per lo sport che sta correndo dei rischi enormi di essere da un lato incensato e lodato e dall’altro invece reso estremamente difficile da praticare e da svolgere. In effetti forse qualche modifica nel mondo dello sport andava fatta, ma non sono certo le leggi e le modifiche recentemente introdotte quelle idonee a migliorare lo sport. Equiparare il mondo sportivo a quello della sanità, dell’assistenzialismo o delle organizzazioni non lucrative a mio giudizio è un errore: lo sport è diverso da terzo o quarto settore e meriterebbe leggi specifiche per questo settore. Per esempio, i dirigenti sportivi, che sono tutti volontari, non percepiscono stipendi ma in capo a loro sono stati attribuiti mille adempimenti.

Presidente, nelle tante attività che organizzate quella filatelica con le cartoline dedicate alle Società Affiliate rappresenta un unicum a livello nazionale. Abbiamo citato Glauco Granatelli ma arrivare a 16 edizioni significa che le Società apprezzano. È diventato ormai un vero e proprio archivio di storico-sportivo senza eguali non solo per i collezionisti. Filatelia è cultura come lo è lo sport. Concorda?

G. Grazie perché non sapevo che questa iniziativa è un unicum a livello nazionale e ci fa piacere. Quando partimmo l’idea venne lanciata da Glauco Granatelli e da altre persone. Il consiglio direttivo accolse immediatamente questa proposta, con l’idea appunto di dare visibilità ancor di più alle società. Le cartoline vengono oggi utilizzate anche in occasioni sociali o festeggiamenti o per propagandare la loro attività.

Ci fa piacere che un’altra delle associazioni benemerite del Coni con la quale c’è un ottimo rapporto di amicizia di collaborazione (l’U.I.C.O.S. – Unione Italiana Collezionisti Olimpici e Sportivi) presieduta dall’amico del Dott. Pierangelo Brivio, pubblicizzi le nostre cartoline che vengono spesso utilizzate nelle loro mostre insieme ad altri cimeli sportivi.  Tutto questo ci inorgoglisce e ci spinge a proseguire.

Al Presidente Mistrorigo chiediamo invece cosa rappresenta guidare una società sportiva che vanta 140 anni di vita.

M. Si tratta di un’immersione nella storia e nella attualità della vita sportiva e non solo, di questa bellissima città. Il senso di appartenenza alla Società e la passione per i valori dello sport costituiscono il patrimonio che porto caparbiamente avanti, nel pieno rispetto della cosiddetta modernità.

Il 2023 è un anno importante per voi e ospitare UNASCI è un primo e significativo momento di celebrazione. Avrete la possibilità di confrontarvi con tante Società di diverse discipline ma anche celebrare con orgoglio il vostro mondo, nella nostra Mantova.

M. Certamente sì! L’opportunità di celebrare insieme a UNASCI questo compleanno storico è un valore aggiunto di grande pregio e un momento di condivisione di temi importanti per l’universo dell’associazionismo, alla vigilia di una riforma dello sport che non può e non deve considerarci meri spettatori.

Possiamo affermare che il bellissimo motto dannunziano “Perseverando arrivi” ancora oggi rappresenta il vostro stile di conduzione della Canottieri Mincio?

M. Più che mai sarà necessario ritrovarsi in questo motto poiché siamo dentro anni in cui abbiamo affrontato difficoltà che ritenevamo impensabili. La pandemia, la guerra, la crisi energetica hanno messo a durissima prova la sopravvivenza delle Società sportive. Perseverando tuttavia stiamo portando in porto una barca di cui ci sentiamo orgogliosamente equipaggio.  

Mantova dunque sarà, nel prossimo week end, Capitale dello Sport che sa di storia, che sa di passione, che sa di tradizione, che sa di sudore, che sa di regole e, mutuando quanto affermò il grande D’Annunzio, che sa di perseveranza, perché lo sport è vita ed è regola di vita, oggi ancor di più. Pensare alle cartoline che dal nostro Mincio partiranno per tutta l’Italia è motivo di vanto e di speranza perché queste regole continuino a vivere, per le generazioni future. 

Giuseppe De Carli