21 Aprile 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Tesmec S.p.A.: il Bilancio Consolidato 2022 registra un forte incremento dei ricavi e del portafoglio ordini ed una decisa crescita dell’utile netto

Principali Risultati Consolidati relativi all’esercizio 2022:

  • Ricavi: 245,2 milioni di euro, in forte incremento rispetto ai 194,3 milioni di euro al 31 dicembre 2021;
  • EBITDA[1]: 35,2 milioni di euro,in crescita rispetto ai 28,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021, anche grazie all’importante contributo dei Business sviluppati, Ferroviario ed Energy Automation;
  • EBIT: 13,1 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai 5,7 milioni di euro al 31 dicembre 2021;
  • Utile Netto: 7,9 milioni di euro, in forte aumento rispetto agli 1,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021;
  • Indebitamento Finanziario Netto[2]: 128,4 milioni di euro, rispetto ai 125,8 milioni di euro al 30 settembre 2022 e rispetto ai 121,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021, per l’assorbimento di cassa generato dalla variazione del capitale circolante e dal cambio di perimetro di consolidamento per l’ingresso di Saudi Tesmec e Tesmec Peninsula;
  • Portafoglio Ordini Totale: 406,2 milioni di euro, in deciso aumento sia rispetto ai 309,9 milioni di euro al 30 settembre 2022, sia rispetto ai 284,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021;
  • Sostenibilità: in linea con quanto previsto dal Regolamento (UE) 2020/852 c.d. Regolamento Tassonomia, Tesmec rende pubblica la quota dei ricavi, delle spese in conto capitale (Capex) e delle spese operative (Opex) “taxonomy-aligned”[3], ovvero quelle attività sostenibili, che rientrano nella lista di attività elencate dalla Tassonomia all’interno degli Atti Delegati e che rispettano i criteri di vaglio tecnico. Tali KPI ammontano a circa 43,6% dei Ricavi, circa 30,3% del Capex, circa 34,1% del Opex.

Altre delibere:

  • Il Consiglio di Amministrazione approva inoltre la Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario 2022 ai sensi del D. Lgs. 254/2016.
  • L’Assemblea degli Azionisti si terrà il 20 aprile 2023 in modalità telematica.

Grassobbio (Bergamo), 10 marzo 2023 – Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec S.p.A. (EURONEXT STAR MILAN: TES) (“Tesmec” o la “Società”), società a capo di un gruppo leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree, interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di dati e di materiali (petrolio e derivati, gas e acqua), nonché di tecnologie per la coltivazione di cave e miniere di superficie, riunitosi in data odierna sotto la Presidenza di Ambrogio Caccia Dominioni, ha esaminato e approvato il Progetto di Bilancio d’Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2022, che conferma il trend di crescita dei ricavi (+26,2% rispetto all’esercizio 2021), grazie alla performance del settore Ferroviario, al recupero del settore Trencher sul mercato americano e ad un miglior mix del settore Energy; la marginalità del periodo è aumentata in termini assoluti grazie al supporto del settore Ferroviario e del segmento Energy Automation e risulta in linea in termini percentuali con l’esercizio 2021 pur scontando le criticità collegate alla volatilità dei costi delle materie prime e dell’energia che hanno impattato maggiormente sul settore Trencher e sul segmento Tesatura; nonché gli accantonamenti del periodo e costi commerciali e di promozione necessarie a supportare la crescita di aree geografiche come Qatar ed Arabia Saudita. L’Indebitamento Finanziario Netto, infine, risulta pari a 128,4 milioni di euro ed in leggero aumento rispetto ai 125,8 milioni di euro al 30 settembre 2022 ed ai 121,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021; un incremento legato all’assorbimento di cassa generato dalla variazione del capitale circolante sia per l’aumento dei crediti commerciali sia per le variazioni di magazzino. Si segnala, inoltre, che l’acquisizione del controllo della società Saudi Tesmec e la variazione di consolidamento della società Tesmec Peninsula hanno impattato l’Indebitamento Finanziario Netto per circa 5,5 milioni di euro senza generare impatti significativi né a livello di EBITDA né a livello di risultato netto; investimenti che genereranno un ritorno già a partire dall’esercizio 2023 a seguito delle importanti iniziative avviate nell’aree mediorientale.

Il Presidente e Amministratore Delegato Ambrogio Caccia Dominioni ha commentato: “L’esercizio 2022 ha evidenziato le capacità di Tesmec, che pur in un contesto caratterizzato da volatilità ed incertezza, ha rafforzato la propria crescita in termini di ricavi ed acquisizioni ordini, superando i 406 milioni di euro di backlog e confermando così il percorso intrapreso negli ultimi anni di diversificazione settoriale e geografica. La redditività si è mantenuta percentualmente in linea rispetto a quella dell’esercizio 2021 grazie alla ottima performance dei settori Rail ed Energy Automation. L’Indebitamento finanziario risulta in leggera crescita ma reputiamo tale variazione temporanea, in quanto legata all’andamento del capitale circolante ed al rafforzamento societario nell’area mediorientale che porterà i suoi benefici già a partire dall’esercizio in corso. Il 2023 è iniziato in un contesto macroeconomico ancora incerto, contesto che non impatterà sul percorso di crescita di Tesmec sia in termini di ricavi e sia in termini di marginalità. In un mercato come quello attuale Tesmec propone, infatti, soluzioni ad alto contenuto tecnologico e di efficientamento e prosegue nella propria sfida alla decarbonizzazione ed all’elettrificazione. Le infrastrutture energetiche stanno diventando sempre più un fondamentale fattore di sviluppo sostenibile e Tesmec conferma la propria volontà ad essere tra gli abilitatori di quest’era di transizione green e digitale. In termini di profittabilità il Gruppo sta implementando le azioni necessarie per recuperare ulteriormente marginalità pur in un quadro di aumento generale dei costi. In conclusione, Tesmec continua nel suo piano di consolidamento e rafforzamento proiettando per l’esercizio 2023 ricavi nella fascia alta del range comunicato nel Piano 2021-2023 tra 280 – 290 milioni di euro, con un EBITDA in miglioramento rispetto alla chiusura del 2022 ed una riduzione dell’Indebitamento Finanziario Netto rispetto alla chiusura dell’esercizio 2022.”

PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2022

Al 31 dicembre 2022, il Gruppo Tesmec ha realizzato Ricavi consolidati pari a 245,2 milioni di euro, in forte incremento rispetto ai 194,3 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Tale variazione è principalmente riconducibile alla performance del settore Ferroviario, al recupero del settore Trencher sul mercato americano e ad un miglior mix del settore Energy. In particolare, al 31 dicembre 2022 sono stati registrati ricavi da vendite di prodotti per 182,6 milioni di euro, in aumento rispetto ai 141,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021, e ricavi per prestazioni di servizi e per i lavori in corso pari a 62,7 milioni di euro, in aumento rispetto ai 53,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

In dettaglio, i Ricavi del settore Trencher al 31 dicembre 2022 ammontano a 134,0 milioni di euro, in crescita rispetto ai 110,3 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Tale incremento è principalmente riconducibile alla ripresa del mercato americano e più in generale all’avvio dei piani di sviluppo e ripresa nei Paesi in cui opera il Gruppo, nonostante uno scenario economico caratterizzato dalle difficoltà nel reperimento dei materiali e dall’incremento dei prezzi di acquisto. Al 31 dicembre 2022 il portafoglio ordini del settore Trencher risulta pari a 82,2 milioni di euro (in aumento rispetto ai 75,4 milioni di euro al 31 dicembre 2021).

Il settore Ferroviario registra Ricavi al 31 dicembre 2022 pari a 53,0 milioni di euro, in forte sviluppo rispetto ai 32,9 milioni di euro registrati al 31 dicembre 2021. La crescita conferma il trend di rafforzamento del business generato da progetti a più alto valore aggiunto legati ai prodotti di diagnostica e fuori dal perimetro nazionale. Nel settore ferroviario il portafoglio ordini confermato al 31 dicembre 2022 risulta pari a 223,4 milioni di euro (in deciso aumento rispetto ai 109,9 milioni di euro al 31 dicembre 2021).

Per quanto riguarda il settore Energy, i Ricavi al 31 dicembre 2022 ammontano a 58,2 milioni di euro, in incremento rispetto ai 51,1 milioni di euro realizzati al 31 dicembre 2021. In particolare, il segmento Tesatura registra ricavi per 37,8 milioni di euro, in incremento rispetto ai 34,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021, mentre il segmento Energy-Automation consegue ricavi pari a 20,4 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai 17,0 milioni di euro al 31 dicembre 2021, nonostante le difficoltà registrate nel reperimento dal Far East della componentistica elettronica e dei semiconduttori. Le attività commerciali del settore hanno registrato una forte accelerazione con un portafoglio ordini confermato che al 31 dicembre 2022 che risulta pari a 106,0 milioni di euro (in aumento rispetto ai 98,9 milioni di euro al 31 dicembre 2021), di cui 81,9 milioni di euro riferibili al segmento Energy-Automation e 18,7 milioni di euro riferibili al segmento Tesatura.

A livello geografico, il Gruppo Tesmec registra una crescita nella contribuzione delle vendite in Italia guidate dai settori Ferroviario ed Energy, una conferma del ruolo primario del mercato europeo ed una decisa ripresa del mercato americano. L’area medio-orientale migliora la sua performance nel periodo e dovrebbe confermare un ulteriore rafforzamento durante il prossimo esercizio.

L’EBITDA risulta pari a 35,2 milioni di euro, in aumento rispetto ai 28,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021. In particolare, il settore Ferroviario concorre in maniera rilevante la formazione del margine grazie al miglior mix generato da progetti a più alto valore aggiunto ed alla diversificazione geografica. Il settore Trencher risulta invece impattato dalla variazione dei costi delle materie prime, dei trasporti e dell’energia e da maggiori oneri legati ad accantonamenti e spese commerciali, nonché dagli oneri legati alla consociata saudita. Il settore Energy, infine, ha risentito maggiormente delle criticità relative alla catena di fornitura, ma registra una migliore performance nel segmento Energy Automation rispetto al segmento Tesatura.

Il Risultato Operativo (EBIT) al 31 dicembre 2022 è pari a 13,1 milioni di euro, in forte miglioramento rispetto ai 5,7 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

Gli oneri finanziari netti del Gruppo Tesmec al 31 dicembre 2022 sono pari a 1,5 milioni di euro, in diminuzione rispetto ai 3,0 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Nel periodo, il Gruppo ha registrato utili su cambi per circa 4,2 milioni di euro, principalmente non realizzati, generati dal rafforzamento del dollaro e delle valute ad esso correlate. In particolare, gli oneri finanziari netti, escluse le variazioni cambiarie, sono pari a 5,7 milioni di euro al 31 dicembre 2022 in diminuzione rispetto ai 6,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

L’Utile Netto al 31 dicembre 2022 è pari a 7,9 milioni di euro, in forte aumento rispetto agli 1,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

L’Indebitamento Finanziario Netto al 31 dicembre 2022 è pari a 128,4 milioni di euro, rispetto ai 125,8 milioni di euro al 30 settembre 2022 e rispetto ai 121,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021, in aumento a causa dell’assorbimento di cassa generato dalla variazione del capitale circolante e dalla variazione del perimetro di consolidamento. Si ricorda che tale valore include, tra le altre passività finanziarie, diritti d’uso (IFRS 16) per circa 24,1 milioni di euro, principalmente legati all’immobile di Grassobbio e alla flotta Trencher utilizzata per i noleggi.

Il Portafoglio ordini al 31 dicembre 2022 raggiunge i 406,1 milioni di euro – dei quali 223,4 milioni di euro riferiti al settore Ferroviario, 82,2 milioni di euro al settore Trencher e 100,6 milioni di euro al settore Energy (di cui 81,9 milioni di euro riferibili al segmento Energy-Automation e 18,7 milioni di euro riferibili al segmento Tesatura) in deciso aumento sia rispetto ai 309,9 milioni di euro al 30 settembre 2022, sia rispetto ai 284,2 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Tale risultato conferma la validità degli investimenti realizzati da Tesmec nel settore Ferroviario e nel segmento Energy Automation, che presentano soluzioni a più alto valore aggiunto e a più bassa volatilità.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Tesmec conferma la sua capacità di risposta alle sfide esterne adeguando la sua strategia sulla base dei cambiamenti esogeni grazie alla sua diversificazione settoriale e geografica.  Il Gruppo prevede un mantenimento ed un rafforzamento della crescita grazie alle opportunità generate dai piani nazionali a supporto dello sviluppo di progetti infrastrutturali, di transizione energetica e di digitalizzazione. Il business del Gruppo è concentrato in settori strategici che presentano estrema vivacità e significative prospettive di crescita. Nel settore Trencher sono previsti ingenti investimenti per la realizzazione delle reti di telecomunicazione e la digitalizzazione, oltre a quelli legati allo sviluppo del settore mining. Il mercato americano contribuirà alla performance dell’esercizio 2023 grazie anche al nuovo Piano americano IRA – Inflation Reduction Act, che dovrebbe favorire le produzioni americane. Il settore Ferroviario sta beneficiando di un importante incremento degli investimenti per ridurre la congestione della circolazione dei veicoli su gomma e per incrementare la mobilità sostenibile, oltre che per la manutenzione delle linee con l’obiettivo di garantire la sicurezza del trasporto ferroviario. Nel settore Energy si conferma il passaggio all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, con adeguamento delle reti elettriche alle nuove esigenze che ne derivano. Alla luce di quanto esposto, Tesmec prevede per l’esercizio 2023 ricavi nella fascia alta del range del Piano Industriale 2021-2023, ovvero tra i 280-290 milioni di euro, una marginalità tra il 16% ed il 17%, in miglioramento rispetto all’esercizio 2022, in riduzione rispetto alla previsioni del Piano ’21-’23, che non contemplava impatti inflazionistici come quelli registrati negli esercizi 2021 e 2022, ed un miglioramento dell’Indebitamento Finanziario Netto rispetto alla chiusura dell’esercizio 2022.

SOSTENIBILITÀ

Nella seduta odierna il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha approvato la Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario 2022 ai sensi del D. Lgs. 254/2016.

La strategia del Gruppo è focalizzata sull’integrazione dei principi ESG nel percorso di sviluppo e in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite, Tesmec mira all’incremento della quota di soluzioni tecnologiche “green & digital”, ponendo particolare attenzione alle questioni ambientali.

A tal proposito, in accordo con quanto previsto dal Regolamento (UE) 2020/852 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 giugno 2020 relativo all’istituzione di un quadro che favorisca gli investimenti sostenibili e recante modifica del regolamento (UE) 2019/2088, c.d. Regolamento Tassonomia, Tesmec, nella Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario rende pubblica la quota dei ricavi, delle spese in conto capitale (Capex) e delle spese operative (Opex) “taxonomy-aligned”[4], ovvero quelle attività sostenibili, che rientrano nella lista di attività elencate dalla Tassonomia all’interno degli Atti Delegati e che rispettano i criteri di vaglio tecnico.

Il Gruppo ha identificato che le proprie attività economiche contribuiscono al primo obiettivo individuato dalla Commissione Europea, ovvero quello della mitigazione dei cambiamenti climatici. Sono state prese in considerazione le attività economiche “3.1. Fabbricazione di tecnologie per le energie rinnovabili”, “3.3. Fabbricazione di tecnologie a basse emissioni di carbonio per i trasporti” e “3.6. Fabbricazione di altre tecnologie a basse emissioni di carbonio” dell’Allegato I del Regolamento.

In dettaglio, circa il 43,6% dei Ricavi, il 30,3% del Capex e il 34,1% dell’Opex sono allineati ai sensi della Tassonomia.

Per maggior informazioni si rimanda al relativo paragrafo della Dichiarazione Non Finanziaria consolidata che verrà pubblicata nei termini di legge.

Oltre a fornire soluzioni tecnologiche che agevolano una transizione verso un’economia più sostenibile, Tesmec proseguendo, inoltre, il percorso di continua valorizzazione delle risorse umane, la cui crescita professionale e la soddisfazione rappresentano obiettivi fondamentali.

Nel corso del 2022 è stato, inoltre, lanciato il “volontariato d’impresa”, attraverso cui il Gruppo si propone di creare occasioni di sensibilizzazione e condivisione sociale per i propri dipendenti tramite la partecipazione a progetti svolti in collaborazione con Organizzazioni No Profit.

BILANCIO SEPARATO DELLA CAPOGRUPPO TESMEC S.P.A.

La capogruppo Tesmec S.p.A. chiude l’esercizio 2022 con Ricavi Netti pari a 110,8 milioni di euro, in incremento rispetto ai 91,1 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

L’EBITDA di Tesmec S.p.A. nell’esercizio 2022 è pari a 8,8 milioni di euro, in aumento rispetto ai 6,0 milioni di euro conseguiti al 31 dicembre 2021.

L’Utile Netto della Capogruppo al 31 dicembre 2022 è pari a 4,1 milioni di euro, rispetto ad un risultato negativo per 0,8 milioni di euro registrato al 31 dicembre 2021.

L’Indebitamento Finanziario Netto della Capogruppo al 31 dicembre 2022 è pari a 70,4 milioni di euro, rispetto ai 45,5 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Tale incremento è imputabile, per 20,5 milioni di USD, ad una mera riclassificazione di crediti finanziari concessi alla società controllata Tesmec USA da breve a medio-lungo. Per la parte rimanente, l’incremento del debito è dovuto alle variazioni del capitale circolante a supporto della crescita dei Ricavi. 

EVENTI DI RILIEVO AVVENUTI NEL QUARTO TRIMESTRE DELL’ESERCIZIO 2022

In data 6 ottobre 2022 Tesmec ha annunciato la firma di importanti aggiudicazioni, tramite la controllata Tesmec Rail, nel settore ferroviario sia nazionale che internazionale per un valore totale di circa 60 milioni di euro.

In data 23 novembre 2022 Tesmec ha comunicato l’avvio dei lavori per la realizzazione di un nuovo impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica di distribuzione presso la sede operativa di Grassobbio, che amplierà e potenzierà quello esistente.

In data 29 novembre 2022 Tesmec ha annunciato l’aggiudicazione provvisoria, tramite la propria controllata Tesmec Rail, di due lotti di gara da parte di RFI – Rete Ferroviaria Italiana, società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane responsabile della gestione complessiva della rete ferroviaria nazionale, per la fornitura di 44 autocarrelli per il settore Armamento in Full Maintenance Service per un valore totale di circa 109 milioni di euro.

Azioni proprie

Alla data del presente comunicato la Società detiene n. 4.711.879 azioni proprie, pari al 0,777% del Capitale Sociale. L’importo è invariato rispetto al 30 settembre 2022.

ALTRE DELIBERE

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato la Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari ed ha condotto la verifica periodica del possesso del requisito di indipendenza in capo ai componenti del Consiglio di Amministrazione, ritenendo che non si siano determinati mutamenti nella situazione già comunicata al mercato.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha, inoltre, approvato la politica di remunerazione degli amministratori e dei dirigenti con responsabilità strategiche e la Relazione annuale sulla Remunerazione che sarà presentata agli Azionisti.

Nella seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha valutato positivamente l’adeguatezza della dimensione, della composizione e del funzionamento del Consiglio e dei Comitati consiliari.

Il Consiglio di Amministrazione di Tesmec ha, infine, deliberato di convocare l’Assemblea Ordinaria degli Azionisti della Società in unica convocazione per il giorno 20 aprile 2023 alle ore 10:30.

Gli Azionisti saranno chiamati a deliberare su:


  1. Approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2022 e presentazione del bilancio consolidato del Gruppo Tesmec e delle relative relazioni, compresa la Dichiarazione Consolidata di Carattere Non Finanziario; destinazione del risultato dell’esercizio; deliberazioni inerenti e conseguenti.
    1. Approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2022 e della relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione;
    1. Destinazione del risultato di esercizio.
  2. Deliberazioni inerenti alla relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti ai sensi dell’articolo 123-ter del D. Lgs. 58/1998 e dell’art. 84-quater del Regolamento Consob n. 11971/1999; deliberazioni inerenti e conseguenti.
    1. Voto vincolante sulla politica in materia di remunerazione relativa all’esercizio 2023 illustrata nella prima sezione della relazione;
    1. Consultazione sulla seconda sezione della relazione avente ad oggetto i compensi corrisposti nell’esercizio 2022 o ad esso relativi.
  3. Autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie; deliberazioni inerenti e conseguenti.