17 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

PALAZZO COMUNALE, VISITA GUIDATA ALLE SALE STORICHE

Domenica 5 febbraio, alle 18, il percorso dedicato al pittore rinascimentale Nicolò dell’Abate. Su prenotazione, per un gruppo di massimo 25 persone
È dedicata al grande artista modenese del Cinquecento Nicolò dell’Abate la visita guidata in programma nelle Sale storiche di Palazzo comunale domenica 5 febbraio alle 18.

L’appuntamento, che si ripete ogni prima domenica del mese con un tema diverso per scoprire i tesori custoditi nel Palazzo, è curato da Ar/s Archeosistemi con il servizio comunale Promozione della città e Turismo. Il ritrovo è alle 17.50, al primo piano del Palazzo comunale, salendo lo scalone da piazza Grande 16. La visita dura circa 45 minuti ed è aperta a un massimo di 25 persone; per partecipare è necessario prenotarsi dal sito visitmodena.it (www.visitmodena.it/it/esperienze/esperienze-artecultura/visite-tematiche-alle-sale-storiche-del-palazzo-comunale) o allo Iat di piazza Grande 14 (tel 059 203 2660). Il biglietto costa 2 euro a persona (gratuito per bambini fino a 5 anni, guide turistiche, giornalisti, persone con disabilità e accompagnatori) e si paga direttamente il giorno della visita.

Nicolò dell’Abate, per volere dei Conservatori di Modena, nel 1546 rappresentò nella Sala del Fuoco del Palazzo Comunale, quella dove allora si riuniva il Consiglio, avvenimenti di storia romana che riguardavano la Guerra di Modena e la formazione, nel 43 a.C., del secondo Triumvirato, quello tra Antonio, Ottaviano e Lepido. L’artista lavorò anche nella Rocca di Scandiano, nella rocca Meli Lupi di Soragna, a Busseto e in palazzi bolognesi. Visse l’ultimo periodo della sua vita in Francia, dove era stato chiamato da re Enrico II nel 1552. Morì a Fontainbleau nel 1571.

Le Sale storiche di Palazzo Comunale in piazza Grande sono visitabili con guide nei pomeriggi di domenica e festivi, nell’ambito delle attività di valorizzazione del sito Unesco di Modena, con Duomo e Ghirlandina patrimonio dell’Umanità.

A queste visite, che partono ogni 45 minuti dalle 15.15 alle 18.15, si aggiungono ogni prima domenica del mese i percorsi tematici di approfondimento (che sostituiscono l’ultimo ingresso).