8 Dicembre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Palermo Adagio

PALERMO ADAGIO. Pietre e voci di una città crocevia. Dialoga con l’autore Pif, modera Lia Vicari

 Il racconto di una città d’acqua e di pietre, di fontane e di stucchi, aristocratica come i suoi palazzi e popolare come i suoi mercati

Raccontare Palermo non è un compito facile. Più di duemila anni di storia convergono in una cultura “cumulativa”, dove il nuovo non cancella ti, poi, è ancora più difficile: dopo secoli di dominazioni, Palermo continua a essere un crocevia di popoli che vive di integrazione. Giovanni Rizzo

Palermo adagio è una passeggiata tra luoghi di devozione e di folklore, tra botteghe, angoli di quiete e cultura; è un invito a soffermarsi sugli odori, i sapori e le voci di questa città, da sempre punto di incontro di popoli, storie e tradizioni. Palermo Adagio suggerisce percorsi per esplorare la città a passo lento, vivendo il viaggio come un’esperienza del cuore e della mente. Una guida per tutti: per i palermitani che desiderano osservare la città da nuove prospettive e per i forestieri in cerca di itinerari alternativi, per guardarsi intorno adagio e cogliere tutta l’armonia di questa città multietnica e multiculturale. Oltre ai suggerimenti di Giovanni Rizzo, nel libro si possono trovare sette ospiti, sette voci a cui l’autore affida il compito di raccontare luoghi, aneddoti e iniziative di Palermo, rendendo questa guida un viaggio assolutamente originale nel tempo e nella tradizione. La presentazione organizzata da Enrico Damiani editore con il Museo archeologico Salinas e CoopCulture.

Giovanni Rizzo (Palermo, 1948) è ingegnere chimico, già professore ordinario di Scienza e Tecnologia dei Materiali all’Università di Palermo, presso la quale ha fondato il La.Ma.R.C., Laboratorio dei Materiali per il Restauro e la Conservazione. È stato consulente scientifico per importanti interventi di restauro, dalla Villa del Casale di Piazza Armerina al Duomo di Cefalù, dal Teatro greco-romano di Taormina al Grande Cretto di Alberto Burri a Gibellina. A Palermo, la sua città, ha seguito tra l’altro il restauro della Fontana Pretoria, dei dipinti del soffitto ligneo trecentesco della Sala Magna allo Steri e degli stucchi di Giacomo Serpotta.

Palermo Adagio è il quinto libro nella collana gli adagi, nata dall’idea dell’Adagio Urbano che ha ispirato le lente passeggiate di Teresa Monestiroli a Milano.

L’Adagio è uno stile di vita: un incedere lento per le strade dell’esistenza che diventa un’occasione per scoprire qualcosa di nuovo dentro e fuori di sé, riordinare i pensieri e tornare a stupirsi di fronte a luoghi che spesso abitiamo distrattamente.Teresa Monestiroli, curatrice della collana.

Della stessa collana:

Milano adagiodi Teresa Monestiroli

Venezia adagiodi Paola Zatti

Napoli adagiodi Francesca Amirante

Brescia adagiodi Massimo Tedeschi