23 Gennaio 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

OPEN STUDIO. Maria Cristina Carlini

Studio dell'artista Maria Cristina Carlini

Studio dell'artista Maria Cristina Carlini, ©Mimmo Capurso

Giornata del Contemporaneo – AMACI

La scultrice Maria Cristina Carlini partecipa alla Diciassettesima Giornata del Contemporaneo e per l’occasione apre il suo studio al pubblico sabato 11 dicembre dalle ore 10 alle 13.

La manifestazione di carattere nazionale e internazionale è promossa da AMACI esi avvale del sostegno della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, della collaborazione della Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del patrocinio di: Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Camera dei Deputati, Ministero della Cultura, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, UPI – Unione Province d’Italia, ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani e ICOM Italia.

Studio dell’artista Maria Cristina Carlini, ©Mimmo Capurso

L’open studio offre l’opportunità di incontrare la scultrice nella sua realtà quotidiana, di conoscere il suo percorso, approfondire la sua poetica strettamente legata alla natura e ai suoi elementi, alle origini e alla memoria oltre a entrare in contatto con i materiali da lei privilegiati quali grès, ferro, acciaio corten e legno di recupero.

L’atelier è luogo di ideazione e creazione in cui Maria Cristina Carlini trascorre le giornate immersa in un ambiente a lei caro e familiare, da sempre è sede d’incontro con importanti personalità del mondo dell’arte: artisti, critici, curatori, galleristi, direttori di musei e ha accolto in diverse occasioni classi di studenti e universitari.

L’edificio, appartenente all’ex area industriale della zona Tortona di Milano, è stato trasformato in un ampio loft con ai lati due giardini che ospitano in prevalenza potenti sculture monumentali, mentre all’interno sono conservati numerosi lavori di medie e piccole dimensioni oltre a carte, studi, bozzetti accanto ai due grandi forni per la cottura del grès e i più svariati strumenti e materiali di cui l’artista si serve per le sue sculture.

La visita offre la possibilità di approfondire l’opera di Maria Cristina Carlini grazie alla consultazione di numerose pubblicazioni che hanno accompagnato esposizioni nazionali e internazionali, dagli esordi ad oggi e alla visione in anteprima del docufilm “Maria Cristina Carlini. Geologie, memorie della terra”, realizzato nel 2020 da Storyville e di alcuni filmati con interventi di Martina Corgnati, Gino Di Maggio, Camillo Fornasieri, Philippe Daverio.

Studio dell’artista Maria Cristina Carlini, ©Mimmo Capurso

Cenni biografici. Maria Cristina Carlini inizia il suo percorso artistico nei primi anni Settanta a Palo Alto in California, successivamente prosegue la sua attività a Bruxelles e poi a Milano, dove si dedica esclusivamente alla scultura. Il suo percorso artistico comprende mostre personali e collettive in numerose sedi pubbliche e private nazionali e internazionali come Roma, Parigi, Madrid, Miami, Denver, Beijing, Hong Kong e Shanghai. Le sue opere sono presenti in permanenza in tre continenti Europa, America e Asia.

Attualmente vive e lavora a Milano.

www.mariacristinacarlini.com