1 Dicembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Le mille e una Bruna

Da martedì 23 a domenica 28 novembre, giorni feriali ore 21.00, domenica ore 16.30

“Le mille e una Bruna”, le nuove storie della Signora di San Frediano: Alessandro Riccio in prima nazionale al Teatro di Rifredi

Al debutto lo spettacolo scritto e interpretato dall’attore fiorentino insieme a Alberto Becucci, un inno alla fiorentinità più genuina tra musica, canzoni e poesia

Alessandro Riccio: “La mia Bruna: un po’ Alda Merini, un po’ Monicelli, un po’ Carlo Monni”

Bruna e Franchino, una vecchia cantante dal passato turbolento e il suo timido e riservato pianista, in un concerto teatrale che è un omaggio alla fiorentinità più genuina, tra canzoni e poesia. Questo è “Le mille e una Bruna”il nuovo spettacolo di e con Alessandro Riccio e Alberto Becucci che debutterà al Teatro di Rifredi martedì 23 novembre alle 21.00, in replica fino a domenica 28 (giorni feriali ore 21.00, domenica ore 16.30). Un impresario è interessato alla Signora di San Frediano, vuole scritturarla per degli spettacoli. Riuscirà la debordante Bruna a contenere la sua vitalità esplosiva e non spaventarlo troppo? E sarà vero che un tempo calcava, da vera diva, gli scintillanti palchi della Versilia, e che usciva con Domenico Modugno e cantava con Aretha Franklin? Una commedia lirica e sboccata, amara e leggera, un viaggio nella turbinosa vita di una donna che incarna lo spirito popolare tra barzellette e versi immortali, piena di semplicità e saggezza ma soprattutto di musica, dai Platters a Gabriella Ferri  (info e prenotazioni: 055/422.03.61 – www.toscanateatro.it).

Bruna nasce nel 2014, dal sodalizio artistico tra Riccio e Becucci con lo spettacolo “Bruna e la notte”. Da allora è andata in scena ininterrottamente finché, per rispondere alle richieste di chi voleva saperne di più su questa donna inusuale, scorbutica e fragile, non arriva l’idea di avventurarsi in un secondo capitolo della sua storia, con la produzione di Tedavì 98. “Bruna non è un personaggio, è una persona vera – racconta Riccio – è un coacervo di dettagli di persone che ho conosciuto, da mia nonna a Carlo Monni. È una fiorentina vera, volgare, spesso grezza nelle sue manifestazioni più delicate. Ha quella tendenza a bubare e la genuinità caustica che era caratteristica di Monicelli e che è nel DNA della fiorentinità. E tuttavia c’è un’ambivalenza in lei, perché è in fondo anche dolce, intelligente, lucidissima quando meno ce lo aspetteremmo, e per questo stupisce sempre, in una spiazzante alternanza di registri. Franchino al contrario è timido e silenziosissimo, Bruna lo prende in giro definendolo pissero, insomma sono una coppia comica perfetta, divertentissima”.

Come Bruna e Franchino trovano l’uno nell’altro il proprio complemento, lei il caos e lui l’ordine, così è anche la collaborazione tra di due autori e attori dello spettacolo. “Ci conosciamo da 20 anni e lavoriamo insieme da sempre – racconta Riccio – Alberto non è solo un ottimo musicista, ha anche un grande occhio per il discorso scenico ma soprattutto i nostri caratteri si incastrano alla perfezione. Lui è un tornado e io sono quello posato, proprio come i nostri personaggi, e nello spettacolo portiamo tantissime delle nostre dinamiche, solo che sul palco ci invertiamo e io divento Bruna l’incontenibile e lui il silenzioso Franchino”. E cosa direbbe la Signora di San Frediano su come è cambiato il quartiere negli ultimi anni, con la scomparsa delle botteghe e il proliferare degli alloggi turistici? “Probabilmente lo criticherebbe, ma sarebbe anche consapevole che i tempi cambiano, e che ogni cosa ha il suo perché. In molti hanno paragonato Bruna ad Alda Merini, e alla Merini mi sono ispirato sia per la sua personalità che per la sua fisicità. Come lei, Bruna è una donna acuta e sensibile, e chi possiede queste doti non si ferma mai alla pura critica, ma cerca sempre di andare più a fondo”.

LE MILLE E UNA BRUNA

con Alessandro Riccio e Alberto Becucci

costumi Daniela Ortolani

trucco Danilo Carignola per Creafx

produzione Tedavì ‘98

L’attività del Centro di Produzione Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi è realizzata con il contributo del Ministero della CulturaRegione Toscana Comune di Firenze, con il sostegno di Fondazione CR Firenze e Unicoop Firenze e con la collaborazione di Libreria Florida e Hotel Raffaello.

PER INFORMAZIONI

055/422.03.61 –  www.toscanateatro.it 

Teatro di Rifredi via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61

Misure anti-Covid 19

Le poltrone in sala saranno disposte in modo tale da garantire il distanziamento
Per l’accesso in teatro verranno applicate le seguenti procedure:

– mascherina obbligatoria

– green pass

– misurazione febbre

– igienizzazione mani

– solo posto assegnato

PREZZI

Ingresso intero € 16,00 – ridotto € 14,00

“Gruppi a Rifredi” se pensi di venire a teatro in gruppo tel. 055/422.03.61 oppure

biglietteria@toscanateatro.it

PREVENDITA

Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16:00 – 19:00) | biglietteria@toscanateatro.it

Punti Vendita nei Circuiti Online BoxOfficeToscana e Ticketone

on line www.boxofficetoscana.it – www.ticketone.it