23 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

CULTURA/SIENA: RICAVATO EVENTO ALLA LEGA CONTRO TUMORI

Alla Villa di Geggiano, nei dintorni di Siena

AL VIA UN FORMAT PER GIOVANI ARTISTI

E UNA INIZIATIVA DI PROMOZIONE TURISTICA

Luoghi storici di pregio, cultura enogastronomica e opere musicali eseguite da giovani artisti, per una rassegna destinata a durare tutto l’anno, all’aperto e al chiuso.
 

Il ricavato andrà a favore della LILT, Lega per la lotta contro i tumori,

impegnata nella prevenzione oncologica.

Prende il via dalla Villa di Geggiano, nel comune di Castelnuovo Berardenga, a pochi chilometri da Siena, un nuovo format che unisce luoghi storici di valore, cultura enogastronomica e opere musicali eseguite da giovani artisti. L’evento, patrocinato dal comune del senese, nelle intenzioni dei promotori dovrà dare seguito ad altre iniziative, per realizzare, in futuro, una rassegna destinata a durare tutto l’anno, all’aperto e al chiuso.

Il primo appuntamento è per martedì 31 agosto, a partire dalle ore 20.00, con “Orfeo Cantante in Villa – Evocazioni notturne di eroine, eroi, guerrieri e semidei”, uno spettacolo che mette insieme cultura, musica e degustazioni di prodotti locali e il cui ricavato andrà a favore della LILTLega per la lotta contro i tumori, impegnata nella prevenzione oncologica.

La serata avrà inizio con un aperitivo e la visita alla Villa di Geggiano, che ha ospitato, tra gli altri, i set cinematografici dei film Io ballo da sola, di Bernardo Bertolucci e di Al lupo al lupo di Carlo Verdone, oltre a personaggi illustri, fra cui Vittorio Alfieri, che provava le scene delle sue tragedie nel Teatro di Verzura ubicato di fronte alla villa.

Seguirà una cena-degustazione con specialità enogastronomiche del territorio servite nell’area adiacente la villa e uno spettacolo di teatro musicale in collaborazione con l’ISSM Conservatorio “Franci” di Siena che vedrà protagonisti allievi, ex allievi e docenti. Tra quest’ultimi, il mezzosoprano Laura Polverelli – grande interprete del teatro d’opera italiano – e il regista Paolo Miccichè, direttore artistico dell’evento ed esperto di proiezioni e visual show; sua la prima regia visiva italiana con scenografia virtuale (Madama Butterfly all’Arena di Verona 1999)

L’iniziativa – spiega Andrea Boscu Bianchi Bandinelli, altro promotore della serata insieme ai figli – è nata con il duplice obiettivo di favorire occasioni di lavoro per giovani artisti, affiancandoli a teste di serie affermate, e di promuovere la cultura italiana con il relativo indotto economico, elemento vitale per il turismo culturale. Quest’ultimo è, oltretutto, fondamentale per mantenere e far conoscere l’enorme patrimonio storico, artistico e architettonico del nostro Paese. Un’impresa altrimenti impossibile senza raccogliere le risorse necessarie”.

L’evento del 31 agosto – spiega il direttore artistico Paolo Miccichè – non sarà solo un semplice spettacolo, ma il primo passo per realizzare una messa a reddito del patrimonio culturale italiano, unico al mondo, utilizzando le competenze musicali di giovani artisti che, usciti dai nostri conservatori, devono iniziare un’attività remunerata se non vogliono perdere quanto acquisito in anni di studio finanziato da risorse pubbliche.

Dopo il numero zero alla Villa di Geggiano – conclude Andrea Boscu – nascerà un’associazione dedicata a questo progetto, con l’obiettivo di iniziare un vero e proprio percorso operativo per la costruzione di una programmazione più vasta e composta da una serie di eventi sul territorio”.