Giugno 23, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Salone Nautico: l’assessore Mar all’evento “Mare senza confini Arte senza barriere” promosso dal Rotary Club di Venezia

Venezia – L’assessore comunale alla Promozione del Territorio, Paola Mar, ha preso parte, questa mattina, all’Arsenale, nell’ambito del Salone Nautico, al percorso artistico e culturale “Mare senza confini Arte senza barriere”, promosso dal Rotary Club di Venezia in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Thetis e Vela, e dedicato ai non vedenti e agli ipovedenti. 

    Il progetto si colloca nella scia della precedente iniziativa realizzata per il primo Salone Nautico-Festa del Mare del 2019, ed in continuità con l’attività del Rotary Club di Venezia che, in accordo con il Presidente dell’UICI Alessandro Trovato, ha già realizzato alcuni service la cui finalità è stata quella dell’inclusione: ovvero eventi pensati sin da principio per tutti, e quindi a libero accesso, senza limiti. 

    “Anche in questa occasione – ha sottolineato l’assessore Mar – il Salone Nautico si conferma non solo fucina di idee, ma vetrina di innovazione e inclusione. Questa mattina il messaggio che viene lanciato è duplice: il mare non deve essere considerato ‘barriera’ o ‘limite’ ma qualcosa che unisce. Così come l’arte: che può essere vissuta, interpretata, capita, ‘vista’ da chiunque, in maniera, oltretutto, molto meno convenzionale.”  

    L’iniziativa prende spunto dalla grande scultura in bronzo “L’Astrolabio” di Gianmaria Potenza, che sarà futuro oggetto di donazione e che sarà custodita da quest’anno all’Arsenale. Un’opera di 220 cm di altezza, che, come tutte la serie di bronzi dell’artista, è stata ideata per essere non solo vista, ma anche “esplorata”, toccata e ruotata. E’ stato questa mattina lo stesso Potenza, assieme allo scultore Felice Tagliaferri a guidare alcuni ospiti alla scoperta di questa e altre sculture da lui realizzate, attraverso un suggestivo percorso culturale e tattile. 

    Altro significativo momento dell’evento è stata la visita “per tutti” al Salone nautico con la possibilità di accedere ad una imbarcazione anche per le persone affette da deficit visivo.