20 Giugno 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

Lancio della campagna Signal for Help per aiutare le persone che subiscono violenze di genere durante l’isolamento domestico

Il segnale con la mano “Segnale di aiuto” fornisce a coloro che subiscono violenza in isolamento domestico un modo per comunicare con discrezione quando hanno bisogno di aiuto.

TORONTO- La Canadian Women’s Foundation è orgogliosa di annunciare il proprio sostegno a Signal for Help, un’iniziativa online per assistere coloro che subiscono violenze a causa dell’isolamento domestico durante la pandemia. Rigorose misure di isolamento hanno portato le persone in Canada a ricorrere sempre più alle videochiamate per rimanere in contatto. Signal for Help è un semplice gesto di una mano che può essere visualizzato visivamente e in silenzio durante le videochiamate, per avvisare familiari, amici o colleghi che una persona ha bisogno di aiuto e che vorrebbe che qualcuno si registrasse in sicurezza con loro.

Ci sono ampie prove che le situazioni di disastro spesso portano a un’ondata di violenza che le donne, le ragazze e le persone trans e non binarie sono a più alto rischio di subire. Ciò include violenza da parte del partner, abuso emotivo e violenza sessuale. La pandemia COVID-19 non è diversa: altri paesi hanno già assistito a un drammatico aumento della violenza di genere e il Canada si prepara a un’impennata nelle prossime settimane e mesi.

“Le direttive di salute pubblica sull’isolamento domestico aumentano il pericolo per coloro che vivono in situazioni di abuso e gli abusatori possono monitorare i loro dispositivi per garantire che ciò che accade all’interno della casa non sia condiviso”, ha affermato Paulette Senior, Presidente e CEO della Canadian Women’s Foundation . “Questa nuova realtà richiede nuovi metodi di comunicazione per aiutare coloro che affrontano la violenza di genere. Sappiamo che Internet e le videochiamate non sono facilmente accessibili ad alcuni. I rifugi e i servizi di supporto stanno facendo tutto il possibile per rispondere all’ondata di violenza. Signal for Help cerca di contribuire a questi sforzi “.

La Canadian Women’s Foundation chiede ad altre organizzazioni di contribuire a diffondere la consapevolezza di Signal for Help. La loro speranza è che i servizi e le organizzazioni di supporto incoraggino l’uso di questo gesto per far sapere a donne, ragazze e persone trans e non binarie che non hanno bisogno di soffrire in silenzio.

Per saperne di più su cosa puoi fare se vedi qualcuno usare il segnale, per favore, o per scaricare e condividere il segnale, visita: canadianwomen.org/signal-for-help. Qui troverai suggerimenti su come effettuare il check-in in sicurezza e modi per trovare risorse di supporto nella tua comunità e un toolkit scaricabile di post sui social media.

Se tu o qualcuno che conosci si trova in pericolo immediato, chiama il 911 oi servizi di emergenza locali (polizia, vigili del fuoco, ambulanza).

Informazioni sulla Canadian Women’s Foundation

La Canadian Women’s Foundation è leader nazionale nel movimento per l’uguaglianza di genere in Canada. Attraverso finanziamenti, ricerca, sostegno e condivisione delle conoscenze, la Fondazione lavora per ottenere un cambiamento sistemico che includa tutte le donne. Sostenendo i programmi comunitari, la Fondazione autorizza le donne e le ragazze a uscire dalla violenza, dalla povertà e verso la fiducia e la leadership.

Lanciata nel 1991 per rispondere a un’esigenza fondamentale di filantropia incentrata sulle donne, la Canadian Women’s Foundation è una delle più grandi fondazioni femminili al mondo. Con il sostegno dei donatori, la Fondazione ha raccolto più di 100 milioni di dollari e finanziato oltre 1.950 programmi in tutto il paese. Questi programmi si concentrano sull’affrontare le cause profonde dei problemi più critici e aiutare le donne e le ragazze che affrontano le maggiori barriere.

La Canadian Women’s Foundation mira a includere persone diverse negli spettri di genere e sessualità. Concentriamo i nostri sforzi sul sostegno di coloro che affrontano le maggiori barriere e hanno il minor accesso ai servizi pertinenti. Ciò include le persone che si identificano come donne, ragazze, trans, genderqueer, non binarie e 2SLGBTQI +.