1 Ottobre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Costanza DiQuattro ospite di “Intemporanea” con il suo nuovo romanzo “Arrocco Siciliano”

Appuntamento con l’autrice domani martedì 20 settembre, alle ore 17, alla BiblioteCaNova dell’Isolotto

Per la prima volta a Firenze e in Toscana, la scrittrice presenterà il suo nuovo romanzo, appena edito a settembre da Baldini+Castoldi: racconta la storia coinvolgente di Antonio Fusco, giovane farmacista napoletano, che decide di andare a vivere e lavorare a Ibla, in Sicilia, e dei suoi incontri e tradimenti.

Firenze – Continua il viaggio di Intemporanea nei quartieri di Firenze: domani, martedì 20 settembre, ore 17 sarà il momento della scrittrice Costanza DiQuattro, ospite alla BiblioteCaNova dell’Isolotto (via Chiusi 4/3A). L’autrice presenta il suo romanzo “Arrocco siciliano” (Baldini+Castoldi), nelle librerie da pochi giorni, per la prima volta in Toscana. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti, l’evento è organizzato in collaborazione con BiblioteCaNova Isolotto.

u

La manifestazione ideata da Pinangelo Marino è giunta alla sua quarta edizione e si inserisce nel programma dell’Estate Fiorentina: continuerà con gli incontri fino al 23 settembre, in luoghi diversi attraverso tutta la città, dal centro fino alle biblioteche di quartiere.

Dal teatro al romanzo, ritorna con una nuova opera Costanza DiQuattro, in libreria dal 13 settembre edita da Baldini+Castoldi. La scrittrice firma un nuovo quadro a tinte calde, in cui la storia di un uomo accarezza quella di tutti in un incontro agrodolce tra redenzione e vendetta. Il racconto avviene all’alba del Novecento: Antonio Fusco, giovane farmacista napoletano, «con la spocchia dei vincenti, la sufficienza degli arroganti e la flemma dei risoluti», si trasferisce a Ibla dopo la morte del vecchio speziale della cittadina barocca anche se vaghe e confuse restano le motivazioni che lo portano nel Sud della Sicilia. Ben presto Antonio conquista la fiducia della comunità iblea, nonostante la sua debolezza nei confronti delle donne sposate e una sfacciata propensione al gioco d’azzardo. Su uno sfondo tutto siciliano, fra tradimenti e pozioni galeniche, si dipana una storia di fiducia e debolezza, paura e coraggio.

Costanza DiQuattro dirige il Teatro Donnafugata, piccolo teatro di famiglia. Nel novembre 2019 ha debuttato al teatro Carcano di Milano con il suo primo lavoro teatrale, “Barbablù”, seguito da Bellini, Wagner e Sinopoli. “La flânerie tra genio, mito e musica” è andato in scena al Teatro Massimo Bellini di Catania nell’ottobre 2021. Con Baldini+Castoldi ha pubblicato La mia casa di Montalbano (2019), Donnafugata (2020) e Giuditta e il monsù (2021).

Info – Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Info su www.intemporanea.eu