1 Ottobre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

“Dai boomer alla generazione Z”: come sta cambiando la richiesta e la comunicazione delle esperienze enoturistiche- Appuntamento l’8 settembre a Milo

Hanno fra i 20 e i 25 anni, giudicano obsolete molte abitudini dei loro genitori, sono
interessati al cibo e alla cucina, alla tecnologia, ai viaggi e si battono per un mondo più green
e pacifico. Sono i giovani della generazione Z, spesso in contrasto con la generazione Boomer
(i loro genitori) la generazione del cambiamento, velocissimo e senza precedenti.
Guardano la tv online, usano ancora Instagram ma sono sempre più affascinati da TikTok,
hanno la mente aperta e vogliono esplorare il mondo e le culture intorno a loro senza
preconcetti. Ma qual è il linguaggio per parlare loro di vino e di enogastronomia? Come
“attrarre” in cantina la generazione Z? Come comunicare loro il valore di un territorio? E
soprattutto, come “educare” le aziende a raccogliere questa sfida?
Tutte domande cui cercherà di rispondere il convegno in programma l’8 settembre
nell’ambito di ViniMilo 2022 (alle 18 al Museo Virtuale) dal titolo “Dai boomer alla generazione ZCome sta cambiando la richiesta e la comunicazione delle esperienze enoturistiche”, promosso
dall’Associazione “Strada del Vino e dei sapori dell’Etna” presieduta da Gina Russo, al quale
interverranno Barbara Darra (global marketing manager Mezzacorona), Cristina Mascanzoni Kaiser (ceo
e founder WineHo Hospitality), Carmelo Indelicato (ceo e founder Sicilying), Riccardo Fabbio (wine
blogger), modera la giornalista Carmen Greco.
«Il tema della comunicazione digitale e social – anticipa la direttrice della Strada del vino e dei
Sapori dell’Etna, Marìka Mannino – riguarda trasversalmente tutte le realtà aziendali ma spesso,
purtroppo, è uno strumento sottovalutato. La comunicazione digitale non si improvvisa e non può essere
affidata a chi non ha competenze specifiche nel settore. In questo incontro, assieme al composito panel
di esperti in comunicazione digitale delle wine experiences, cercheremo di capire, come si comunica,
attraverso quali canali con diversi target di età e, cosa chiede e cosa si aspetta il winelover 50enne,
differentemente dal 30enne, da un’esperienza enoturistica. Un’occasione di confronto che, sono certa,
potrà essere di grande utilità, per tutti gli imprenditori e le risorse umane che lavorano nel comparto
enoturistico».
Per partecipare al convegno, è possibile registrarsi su Eventbrite scaricando il ticket gratuito
al link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-dai-boomer-alla-generazione-z-4092