28 Settembre 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Nestlé investe 340 milioni di dollari nella nuova fabbrica di caffè Nescafé in Messico

Nestlé ha aperto una nuova fabbrica di caffè Nescafé a Veracruz, in Messico. Con un investimento di 340 milioni di dollari , l’impianto crea 1.200 nuovi posti di lavoro nella regione e fa del Messico il principale produttore di caffè di Nestlé a livello globale.

L’ospite speciale Andrés Manuel López Obrador, il Presidente del Messico, ha partecipato all’evento di apertura della fabbrica. Ha commentato: “Con l’inaugurazione di questo impianto, Nestlé sostiene quasi 100.000 produttori di caffè in Messico. Ciò dimostra l’importanza del settore pubblico e privato che collaborano per portare investimenti nel nostro Paese”.

La nuova fabbrica sfrutta attrezzature all’avanguardia ed energie verdi per ridurre il consumo di acqua ed energia. Utilizza sistemi di trattamento delle acque reflue per garantire il 100% del ricircolo dell’acqua, zero scarichi di acque reflue e zero rifiuti in discarica. E consuma elettricità verde al 100% ed è dotato di una caldaia a biomassa che utilizzerà i rifiuti biologici del processo del caffè per generare energia.

“La fabbrica del caffè è una delle più tecnologicamente avanzate al mondo e la più moderna e sostenibile pianta del caffè della nostra azienda”, ha affermato Fausto Costa, Presidente Esecutivo di Nestlé Messico. “In Nestlé, la sostenibilità è un pilastro fondamentale del nostro scopo e ci impegniamo a intraprendere azioni che abbiano un impatto positivo sul nostro pianeta”.

Attraverso il Piano Nescafé , i coltivatori di caffè da cui provengono Nestlé hanno accesso alla consulenza di specialisti. L’iniziativa globale di Nestlé sostiene la produzione e la fornitura sostenibili di caffè verde, rafforza la capacità di produzione dei piccoli produttori e promuove lo sviluppo economico e sociale delle loro famiglie e comunità. La catena di approvvigionamento di Nescafé comprende 80.000 coltivatori di caffè messicani e Nestlé si è impegnata a garantire che entro il 2025 il 100% del caffè acquistato sia di provenienza responsabile.