18 Agosto 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

TERROIR E VITIGNI. L’ETNA INCONTRA LA SICILIA DEL CENTRO

I vini di Tenute Mannino di Plachi e di Tenute Lombardo, in una serata speciale, per raccontare le differenze del continente vitivinicolo dell’isola. L’appuntamento è il 5 agosto, con degustazioni, abbinamenti cibo vino e tanta buona musica. L’occasione per conoscere alcune importanti novità realizzate nella Tenuta del Gelso, nella Piana di Catania.

La Sicilia del vino, un continente di biodiversità, orografie e climi che rende l’isola più grande del Mediterraneo, emblematicamente, la terra della vite e del vino. Tante anime di una straordinaria vocazione vitivinicola e di grande storicità, mettendo in evidenza l’indissolubile legame tra produzioni enologiche, cultura e paesaggio. Antiche tradizioni di famiglia, territori, altitudini e vitigni differenti saranno, infatti, i protagonisti di “Terroir e Vitigni, l’Etna incontra la Sicilia del centro in programma Venerdì 5 Agosto dalle 19:30 a Tenuta del Gelso, una serata dedicata a due famiglie del vino che si raccontano attraverso produzioni di montagna (vulcanica) e di collina.

Da un lato Tenute Mannino di Plachi, storica azienda vitivinicola etnea che proprio in questa storica Villa nella Piana di Catania (Contrada Juncetto) concentra il cuore della propria offerta eno-turistica, con wine&food experience cucite su misura, alla scoperta dell’Etna e alle sue molteplici peculiarità. Dall’altro Tenute Lombardo, punto di riferimento del vino nel cuore dell’entroterra siciliano, ubicata tra San Cataldo e Caltanissetta dove il progetto dei fratelli Lombardo è cresciuto, di vendemmia in vendemmia, sempre di più. Qui, a differenza dei vigneti sabbiosi e vulcanici dell’Etna, i terreni sono ricchi di pietra calcarea, con vigneti in collina che superano i 600 metri sul livello del mare, con vini ed etichette cariche di identità e passione produttiva.

Due differenti produzioni vitivinicole d’altura – sottolinea Giuseppe Mannino, alla guida dell’azienda Tenute Mannino di Plachi – che rappresentano un trait d’union tra eleganza e territorio. Non vediamo l’ora di accogliere i nostri winelover a Tenuta del Gelso per raccontare la storia di famiglia e presentare le nuove proposte eno-turistiche, all’insegna dell’autenticità e genuinità. In questi mesi – conclude il dottor Mannino – abbiamo migliorato e perfezionato, inoltre, la nostra offerta ricettiva, proponendo esperienze totalizzanti e formative, fedeli allo spirito di hospitality e di accoglienza che da sempre caratterizza la nostra famiglia”.

L’intrattenimento musicale del Dj Giuliano Syncaroots e la cena d’autore in formula finger food saranno il contorno di gusto e divertimento degli otto vini proposti in degustazione: apriranno la serata gli spumanti più rappresentativi delle due aziende, Caterina di Plachi 2018 da uve di Nerello Mascalese vinificate in bianco e Sua Altezza Brut 2021 da uve Catarratto; poi spazio ai bianchi con l’Etna Doc Aurantica 2021 (Carricante e Catarratto) e Unanime Bianco 2021 (Grillo Moscato e Catarratto), i vini rosati Etna Doc Arì 2021 (Nerello Mascalese) e Fiore di Nero Rosato 2021 (Nero d’Avola). Infine i rossi Etna Doc Rosso Placo 2018 (Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio) e Nero d’Altura Rosso 2020 (Nero d’Avola). Vini che raccontano una Sicilia enologica di collina e di montagna che ben si sposano con un menu declinato sulle tradizioni della tavola siciliana: dalla selezione di formaggi in abbinamento alle confetture di Tenute Mannino di Plachi alla caponata, dai primi piatti pensati per l’occasione fino alle polpettine in foglia di limone con citronette. Non mancheranno altri piatti della tradizione dell’isola e i dolci: una serata che si preannuncia memorabile, in una location suggestiva e immersa nella campagna della Piana.

Per info e prenotazioni contattare il numero (+39) 388 475 7488 o scrivere all’e-mail a.vitale@tenutemannino.com