19 Agosto 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

“Con i miei occhi”, bambine e bambini ucraini disegnano la guerra

Dolore, speranza, paura: i disegni in mostra al Centro Culturale San Gaetano di Padova dal 22 luglio al 31 agosto danno voce a bambine, bambini, adolescenti ucraini degli orfanatrofi di Vinnycja nell’Ucraina centrale.

Sono loro che raccontano quello che sentono, le angosce per la vita a cui la guerra li ha costretti.

I disegni sono stati inviati dai ragazzi all’associazione SOS Bambino International Adoption di Vicenza, come ringraziamento per gli aiuti ricevuti, vestiti, cibo, materiali sanitari, medicine.

L’associazione SOS Bambino International Adoption e il Comune di Padova hanno voluto questa mostra per fare arrivare la voce di bambine e bambini ucraini a più persone possibili. Per testimoniare l’orrore della guerra e le ferite che lascia nel cuore e nella mente di bambini e ragazzi.

Commentano e interpretano i sentimenti dei bambini, delle bambine e degli adolescenti le parole di scrittori e scrittrici che hanno realizzato per la mostra “didascalie d’autore e d’autrice”.  Accanto ai disegni, ci sono quindi le riflessioni di scrittrici e scrittori: Chiara Briani, Matteo Bussola, Emanuela Canepa, Silvia Gorgi, Giovanni Montanaro, Antonella Sbuelz, Matteo Strukul, Matteo Righetto.

Sottolinea l’assessora al Sociale, Margherita Colonnello: “La mostra è un’occasione di riflessione per tutta la cittadinanza. In Ucraina la guerra continua ancora oggi e, con essa, continuano le sofferenze delle persone ucraine. A pagare lo scotto dello scontro sono, come al solito, i più deboli: anziani e, soprattutto, bambini. I loro ricordi rimarranno per sempre segnati dai fatti di questo 2022: è nostro dovere capire i loro pensieri di oggi e farcene carico come cittadine e cittadini consapevoli e attivi. A partire dall’empatia nei confronti delle vittime, costruiamo un pensiero di pace”.

La mostra ha un doppio obiettivo di solidarietà: sostiene i bambini degli Istituti in Ucraina e i minori ucraini in difficoltà accolti nel Veneto