27 Giugno 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

The House of BMW a Milano: BMW Group Design e Mike Meiré presentano “Tales from a Neo Collective Future” al Salone del Mobile.

Dal 7 al 12 giugno la Casa BMW di Milano si trasformerà in un centro di dialogo tra persone, arte e tecnologia. Il designer e artista Mike Meiré sta curando un programma di installazioni, performance, workshop e format di discussione per il Salone del Mobile del design. L’attenzione si concentra su connessione, digitalità e circolarità.

Milano. Come possiamo progettare tecnologie che rispondano ai bisogni umani, date le sfide del mondo moderno? La Casa della BMW ha fornito alcune risposte. Situato nel cuore del quadrilatero della moda di Milano, il polo di dialogo dell’azienda si trasformerà in uno spazio artistico sperimentale per il Salone del Mobile dal 7 al 12 giugno e punterà i riflettori su connessione, digitalizzazione e circolarità.

“House of BMW: In residence Mike Meiré – Tales from a Neo Collective Future” è il nome del programma di sei giorni composto da installazioni, performance, workshop e format di discussione – con l’art director, designer, curatore e artista Mike Meiré la direzione artistica.

“La Casa della BMW è una location ideale per questo progetto interdisciplinare”, spiega Massimiliano Di Silvestre, Presidente e CEO di BMW Italia. “Qui tecnologia, design, bellezza e innovazione condividono il palco con sostenibilità e circolarità. E al centro di tutto c’è qualcosa che abbiamo imparato ad apprezzare ancora una volta negli ultimi anni: l’importanza delle relazioni interpersonali”.

“Tales from a Neo Collective Future” vede gli artisti Botter, Claudia Rafael e Anna Deller-Yee riflettere lo spirito dei tempi. Affrontano le opportunità e le sfide degli sviluppi tecnologici interpretando strategie di digitalizzazione e circolarità. Durante il Salone del Mobile, la Casa della BMW si trasformerà, a tal fine, in uno spazio aperto di possibilità in cui artisti e visitatori si avventurano insieme nella sfera tra percezione e poesia, fattuale e fantastico. “L’arte può ispirare noi designer a pensare in modo davvero radicale all’innovazione. Il design è, in un certo senso, la combinazione di arte e tecnologia”, afferma Adrian van Hooydonk, Senior Vice President BMW Group Design. “Il Salone del Mobile offre un’entusiasmante piattaforma dove possiamo riscoprire questa simbiosi ancora e ancora”.

La Neue Klasse è un alfiere di un nuovo atteggiamento.
Il BMW Group fa parte di questo spazio di esperienza, un’azienda che sta navigando nella transizione. Lo spirito alla base di questo processo può essere visto in modo molto evidente nell’auto studio BMW i Vision Circular. La quattro posti completamente elettrica incarna l’intenzione del BMW Group di diventare il produttore più sostenibile al mondo della mobilità individuale premium. Segna il punto di partenza per un atteggiamento completamente nuovo. L’economia circolare è stata un fattore nella sua progettazione sin dal primo giorno di sviluppo. La BMW i Vision Circular non è un prodotto finito, è una visione. E questo lo collega alle opere d’arte in “Tales from a Neo Collective Future”: entrambi sono progetti di ciò che potrebbe essere.

Uno scambio creativo con gli artisti e il loro lavoro .
Il BMW Group Design, la Casa di BMW, Mike Meiré e gli artisti da lui selezionati si sono uniti dietro questa filosofia. “Come collettivo di artisti e designer, vogliamo sfruttare le possibilità che abbiamo oggi e le sfide che ci attendono mentre guardiamo avanti per creare un luogo che ci ispiri, ci commuova e ci stimoli a sognare”, spiega Mike Meiré. Il collettivo comprende Lisi Herrebrugh e Rushemy Botter, fondatori e direttori creativi del marchio di abbigliamento maschile BOTTER. Ispirate dalle loro radici caraibiche, le creazioni di moda di BOTTER riflettono l’impegno sociale e la consapevolezza ambientale, combinate con l’arte e l’innovazione. Claudia Rafael, con sede a Berlino, nel frattempo, unisce l’interfaccia umana e le possibilità della tecnologia nella sua arte digitale e usa i filtri per mettere in discussione gli ideali di bellezza esistenti. Anna Deller-Yee vive e lavora sia in Germania che in Italia. Si definisce “la stilista che dipinge troppo”. Combina elementi visivi e narrativi della moda e della pittura. Nel suo lavoro, l’artigianato tradizionale diventa un set di strumenti per esprimere la sua percezione della nostra società.

BOTTER vede nella circolarità l’elemento centrale delle proprie opere.
A Milano lavoreranno con un oggetto riciclato che può essere trovato in tutto il mondo: l’archetipo della sedia “Monobloc”. Progettato originariamente come usa e getta, i creativi eleveranno questo prodotto di massa allo stato di pezzi unici su misura, oggetti che cambiano completamente il modo in cui vengono percepiti attraverso un nuovo guscio. Avvolgendo ogni sedia come una scultura tessile – un processo di riciclo radicale – BOTTER non solo sperimenta l’ordine convenzionale di cultura alta e bassa, ma sfida i metodi di produzione.

Il secondo lavoro di BOTTER si concentra sull’evoluzione del movimento. Ci invita a immaginare un’alternativa di come intendiamo il movimento oggi. La scultura appare come una sorta di capsula, realizzata con plastica riciclata. Un grande stampo trasparente, ispirato a una scatola dei giocattoli, racchiude un vuoto nella figura a grandezza naturale di un essere umano. Apparentemente emergendo da un’altra dimensione, il lavoro suggerisce un’alternativa al familiare. In questo senso BOTTER crea uno stampo di ciò che potrebbe venire, uno spazio vuoto che possiamo riempire con la nostra immaginazione.

Claudia Rafael mette in discussione il potenziale sociale dell’innovazione tecnologica.
Per “Tales from a Neo Collective Future” Claudia Rafael esplora le capacità profondamente umane dell’innovazione tecnologica. Per tutta la durata della mostra, l’artista raccoglie in loco le immagini dei visitatori. Alterando queste immagini attraverso la sua tecnica di filtraggio facciale e rendendole parte di un set di dati in continua crescita, l’artista crea un ritratto di tutti i partecipanti con l’Intelligenza Artificiale. Nel tempo, viene creata un’immagine che simboleggia tutti i visitatori di Neo Collective. Possono sperimentare in modo interattivo il processo di acquisizione del filtro facciale aggiungendo la loro immagine a un “ritratto collettivo” che emergerà alla fine della mostra. Durante il programma, i visitatori possono vedere l’evoluzione dell’immagine in tempo reale. Questa immagine collettiva illustra le contraddizioni della digitalizzazione: il suo anonimato e la sua intimità.

Anna Deller-Yee potenzia i movimenti collettivi usando il tocco umano.
Anna Deller-Yee utilizza la metafora dell’ODORE DELLA PIOGGIA per “Racconti da un futuro neo collettivo”. In un’opera figurativa, l’artista unisce pittura e ricamo. Un antico sapere dell’artigianato diventa il set di strumenti per esprimere la sua percezione della nostra società. Un arazzo su larga scala composto da materiali diversi esprime come il tocco umano può potenziare i movimenti collettivi, specialmente in epoca digitale.

Un programma ricco e variegato trasforma la Casa della BMW in una Open House.
Durante i sei giorni della fiera si svolgeranno anche una serie di eventi, performance e colloqui di design tra Mike Meiré e il capo del BMW Design Domagoj Dukec, e con gli artisti del collettivo. In aggiunta, in un esempio di produzione sostenibile al lavoro, una versione in miniatura della BMW i Vision Circular – la visione circolare del BMW Group Design – sarà realizzata dal vivo e senza sprechi nel corso della settimana utilizzando una stampante 3D.  
“Cooking Experience” di Michelle Elie pone al centro un rito collettivo: l’esperienza condivisa di cucinare e mangiare. E anche l’installazione di Mike Meiré “Lab to Market” racconta qui la sua storia: il caos vivace di un mercato, con tutti i suoi sapori e aromi, che incontra l’ordine tecnologico artificiale di un laboratorio.

Dal 7 al 12 giugno la Casa della BMW esporrà le opere degli artisti in Via Verri 10 a Milano: In residence Mike Meiré – Tales from a Neo Collective Future.