26 Giugno 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Al via la campagna di sensibilizzazione #UnaBuonaRagione in occasione del tour “Marco negli stadi”

  • Sono oltre un milione gli italiani colpiti dalla ‘sindrome della capanna’, persone in difficoltà per la paura di uscire di nuovo di casa.
  • Con #UnaBuonaRagione Bosch accende i riflettori sulla salute e sul benessere mentale, invitando il pubblico a trovare la propria motivazione per iniziare a prendersene cura
  • La campagna verrà ripresa dai profili Social del cantautore e prenderà vita durante il tour “Marco negli Stadi”

Bosch insieme a Progetto Itaca Onlus, l’organizzazione nazionale di volontari impegnata nel campo della Salute Mentale, lancia la campagna di sensibilizzazione #UnaBuonaRagione con l’obiettivo di accendere i riflettori sull’importanza della salute e del benessere mentale.

In occasione del Tour di Marco Mengoni “Marco negli Stadi”, la multinazionale tedesca darà il via a una serie di attività che prenderanno vita durante le date dei concerti (Udine, 14.06; Milano, 19.06; Roma, 22.06).

Bosch Logo

Se il tour “Marco negli Stadi” rappresenta per il pubblico del cantautore l’occasione di tornare a vivere le emozioni e l’entusiasmo degli eventi collettivi, per molti ritornare alla socialità non è così semplice. L’onda lunga della pandemia sta avendo effetti sull’equilibrio psico-emotivo delle persone. Secondo le stime della Società italiana di psichiatria (Sip), sono oltre un milione in Italia le persone colpite dalla sindrome della capanna, che soffrono per la paura di affrontare la vita precedente, uscire di nuovo e lasciare la casa che è diventata un rifugio.

#UnaBuonaRagione, il titolo scelto per la campagna, è un invito a trovare la forza e la spinta ad affrontare il proprio isolamento emotivo, focalizzandosi sulle cose che più ci fanno stare bene: una chiacchierata con una persona cara, una passeggiata nella natura, la musica dal vivo. Con questa campagna Bosch insieme a Progetto Itaca, vuole accendere i riflettori sul tema della salute e del benessere mentale, invitando il pubblico a trovare la propria motivazione per iniziare a prendersene cura.

La campagna verrà ripresa dai profili Social del cantautore e prenderà vita durante il tour grazie a uno striscione di 8 metri che andrà a comporsi e ad arricchirsi di data in data, con i messaggi che il pubblico vorrà lasciare: pensieri, frasi, disegni che esprimono #UnaBuonaRagione per uscire dalle proprie paure e tornare a vivere la socialità. Lo striscione, che verrà steso all’interno degli stadi durante i concerti, porterà un messaggio corale, un mantra positivo di condivisione e socialità.

Bosch e il benessere mentale

Bosch risponde alla promessa del suo payoff “Tecnologia per la vita” non solo con prodotti e servizi, ma anche attraverso le cause e i progetti che sostiene. Per l’anno 2022, la multinazionale tedesca ha scelto di abbracciare il tema del benessere e della salute mentale, consapevole del forte impatto che la pandemia ha avuto sull’equilibrio psico-emotivo delle persone. Oltre a sostenere Progetto Itaca e contribuire a diffondere il suo messaggio, Bosch promuove internamente ai suoi circa 6.000 collaboratori in Italia attività e iniziative mirate a generare una maggior consapevolezza sul proprio benessere mentale.

Oltre all’attività on field di sensibilizzazione, Bosch sostiene Progetto Itaca attraverso una donazione che si aggiunge alla raccolta fondi avvenuta attraverso la vendita di opere NFT, in occasione della charity dinner dal titolo “Il Bel Viaggio”, tenutasi a Milano il 31 maggio.

Progetto Itaca Onlus è nata a Milano nel 1999 per promuove programmi di informazione, prevenzione, supporto e riabilitazione rivolti a persone affette da disturbi della Salute Mentale e le loro famiglie. L’Associazione crede fortemente che i disturbi mentali siano patologie curabili e che ogni persona colpita meriti un aiuto tempestivo, una diagnosi corretta e una cura efficace per condurre una vita piena e soddisfacente, libera da stigma e pregiudizio. Le risorse dell’Associazione sono costituite da circa 220 volontari attivi. Nel 2012 è nata Fondazione Progetto Itaca che ha il compito di coordinare il network delle 15 Associazioni locali delle città italiane e promuovere la diffusione del modello su tutto il territorio italiano.