22 Maggio 2022

Zarabazà

Solo buone notizie

Leadership e apprendimento per tutti in Ingka Group

Il modo in cui le aziende attraggono, sviluppano e mantengono i talenti è cambiato radicalmente, creando un’enorme concorrenza per le persone giuste . In che modo IKEA si avvicina a un panorama in cui le modalità di lavoro vengono fondamentalmente rivisitate, con la necessità di maggiore flessibilità e team agili, in cui ambienti digitali e tradizionali vanno di pari passo?

Di recente abbiamo incontrato Alejandra Piñol, responsabile di Talent presso Ingka Group, per discutere di come l’azienda sta lavorando per affrontare queste sfide in IKEA. Il più grande rivenditore IKEA ha oltre 170.000 collaboratori, la maggior parte dei quali lavora nei negozi, incontrando il cliente ogni giorno.

Il portafoglio di Alejandra copre la pipeline dei talenti, il reclutamento e l’employer branding, la leadership, la competenza e la gestione del cambiamento. La filosofia principale che guida la sua agenda è che, in IKEA, tutti sono talenti, tutti apprendono e tutti possono guidare.

Le aziende stanno affrontando una competizione per i talenti come mai prima d’ora . Che impatto sta avendo questo su Ingka Group?
Abbiamo assistito a una maggiore concorrenza dei talenti sul mercato, soprattutto dopo la pandemia. Le persone stanno valutando più che mai cosa vogliono veramente fare, cosa si collega fortemente al loro scopo di vita, e poi molti stanno facendo una mossa quando perdono la connessione con il loro lavoro. Anche le competenze stanno cambiando rapidamente, quindi c’è un intenso cambiamento di talenti in atto a livello globale.

Naturalmente, questo ci riguarda poiché siamo un’azienda globale. Ma ci stiamo muovendo ad alta velocità per rimanere rilevanti nel mercato e per garantire che Ingka Group sia un ottimo posto in cui lavorare per tutti. Abbiamo la nostra forte cultura e valori, che ci guidano in tutto ciò che facciamo. Questo ha sempre fatto parte della nostra unicità e della nostra forza, e soprattutto in questi tempi è ancora più importante.

Puoi fornirci alcuni esempi su come stai reagendo a questi sviluppi?
In primo luogo, stiamo rivedendo la nostra intera agenda per i talenti, sulla base dell’idea che tutti sono studenti, tutti sono talenti e tutti possono guidare. Uno dei risultati recenti di questo lavoro è una serie di iniziative di leadership che abbiamo appena lanciato, con l’obiettivo di creare un movimento che chiamiamo leadership da parte di tutti, in cui tutti abbiamo il potere di guidare l’azienda insieme.

Un’altra cosa importante che abbiamo fatto è lanciare un nuovo approccio alla successione che incoraggi tutti i colleghi a verbalizzare il loro sogno di carriera e osano farsi carico del proprio sviluppo. Invitiamo le nostre persone a seguire la loro passione. Quindi colleghiamo questi sogni alle esigenze della nostra attività, ed è qui che accade la magia !

Ci piacerebbe vedere i nostri colleghi dire ai loro manager: “Voglio diventare un team leader, o voglio diventare un market manager, cosa devo fare per raggiungere questo obiettivo?”

Vediamo che l’87% dei nostri manager è stato reclutato internamente l’anno scorso, quindi crediamo di essere sulla strada giusta, sempre con margini di miglioramento.

Parli di leadership da parte di tutti, che cos’è?
Stiamo lavorando a una nuova idea di leadership, in cui siamo inclusivi e basiamo la nostra leadership sui nostri valori fondamentali. Crediamo che tutti possano guidare. Non solo manager, ma tutti.

Un piccolo gruppo di manager che prendono decisioni in modo centralizzato non funziona più. Vogliamo incoraggiare ciascuno di noi a guidare, a sentirsi affidabile e a prendere decisioni, in modo che, a nostra volta, possiamo servire meglio i nostri clienti.

Parallelamente, stiamo preparando i nostri manager per un ruolo diverso in futuro, in cui sottolineeranno il loro ruolo di facilitatori, allenatori e mentori, in modo che supportino e consentano a tutti di guidare.

Dare a tutti l’opportunità di guidare consente una vera imprenditorialità, che è nel DNA di IKEA. Con questa mente, sono davvero entusiasta di questo nuovo concetto di leadership di tutti quelli che stiamo lanciando, che si concentra su sette aspettative per ogni singolo collaboratore: creo risultati, collaboro e co-creo, sviluppo me stesso e gli altri, comunico con impatto, navigo nell’ignoto, do l’esempio e sviluppo il business. Queste aspettative includono comportamenti chiave che saranno incoraggiati e sviluppati per tutti.

Anche l’ inclusione gioca un ruolo importante per la leadership. Rafforziamo continuamente la nostra leadership per creare un ambiente di lavoro affidabile in cui ognuno di noi si senta apprezzato, rispettato e supportato. Sappiamo che l’inclusione è molto più dell’equilibrio di genere, ma ad esempio, siamo orgogliosi di affermare che il 50 percento dei nostri manager sono donne e abbiamo un equilibrio di genere nel team dirigenziale del Gruppo Ingka. Questo ci aiuta a creare un’IKEA per il futuro.

In che modo l’apprendimento gioca in tutto questo?
Stiamo lavorando a una nuova strategia di apprendimento basata sull’apprendimento permanente, convinti che tutti possano imparare, ogni giorno, ovunque, come un processo continuo. Le persone hanno poco tempo per imparare, quindi dobbiamo trovare alternative che le raggiungano in modi diversi. Crediamo molto nell’apprendimento quotidiano, che è molto più di una semplice formazione formale: accade quando lavoriamo insieme, quando proviamo nuovi incarichi, condividiamo esperienze e incontriamo i nostri clienti, in modo olistico. Incoraggiamo tutti a essere curiosi e aperti ad abbracciare queste iniziative per la crescita e lo sviluppo.

Vogliamo modernizzare il nostro portfolio di apprendimento in primo luogo per garantire le competenze per i lavori attuali, ma anche per svilupparci per il futuro in modo che i nostri colleghi abbiano ottimi percorsi di carriera internamente o anche quando si spostano all’esterno.

Ciò che è importante per me è che tutti noi continuiamo a svilupparci, a sfidarci su ciò che possiamo fare meglio e a concentrarci su come possiamo fare la differenza per noi stessi, per il business e per la società.

Quale impatto generale pensi che avrà l’approccio del Gruppo Ingka al talento e all’apprendimento?
Credo fermamente che ognuno sia un talento e ognuno abbia il potenziale per guidare e crescere. Credo anche che tutti possano imparare e costruire nuove capacità per il proprio futuro. Questa non è una novità in IKEA, stiamo solo costruendo sulla nostra storia di imprenditorialità e solidarietà e portandola a un livello superiore.

Abbiamo una forte agenda per i talenti per guidare la crescita. E per guidare la crescita, dobbiamo aiutare ognuno di noi a essere la versione migliore di noi stessi. Quando siamo al meglio, ci sentiamo più felici e diffondiamo questa influenza positiva intorno a noi, che aiuta anche ad aumentare le nostre prestazioni. È un vantaggio per tutti: vinciamo come individui, il nostro business vince e abbiamo un impatto sulla società.