25 Ottobre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

AL XXI FESTIVAL VERDI DANIELE GATTI DIRIGE LA MESSA DA REQUIEM

Daniele Gatti-- Chiefconductor Royal Concertgebouw Orchestra.Photo: Marco Borggreve

SUL PODIO DELL’ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI E DEL CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA
Solisti il soprano Maria Agresta, il mezzosoprano Elīna Garanča, il tenore Antonio Poli, il basso John Relyea,
Maestro del coro Martino Faggiani
Teatro Regio di Parma
sabato 2 ottobre 2021, ore 20.00
 La Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, in programma sabato 2 ottobre 2021 al Teatro Regio di Parma, è anche quest’anno tra i grandi appuntamenti in programma nell’ambito del XXI Festival Verdi, che la dedica al compositore Sylvano Bussotti recentemente scomparso
 
Daniele Gatti sarà il maestro direttore e concertatore sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani Solisti il soprano Maria Agresta (per la prima volta al Teatro Regio e al Festival Verdi), il mezzosoprano Elīna Garanča (per la prima volta al Teatro Regio e al Festival Verdi), il tenore Antonio Poli, il basso John Relyea (per la prima volta al Teatro Regio e al Festival Verdi). La partitura è nell’edizione critica a cura di David Rosen (The University of Chicago Press, Chicago e Casa Ricordi, Milano).Composizione sontuosa, monumentale, composta nel periodo di raccoglimento e di allontanamento dal genere operistico che seguì il successo di Aida, la Messa da Requiem nasce da un’occasione precisa: la scomparsa di Alessandro Manzoni, a cui l’opera è dedicata. A metà tra melodramma sacro e musica sacra propriamente detta, essa riflette la spiritualità del compositore e quella dialettica tra sacro e profano che emerge in tutta la sua opera, ma le cui convinzioni più intime restano un mistero.

Daniele Gatti– Chiefconductor Royal Concertgebouw Orchestra. Photo: Marco Borggreve


 
“Per capire questo Verdi o, diciamo pure, tutto Verdi, bisogna analizzare il suo rapporto con il sacro – racconta Daniele Gatti. “Tutti sappiamo che l’uomo era anticlericale, ma forse non ateo, qui le testimonianze divergono. Ma il punto non è questo. La presenza della religione nella vita di Verdi fu costante. Da bambino, serviva messa; da ragazzo, suonava l’organo in chiesa. Una commistione di sacro e profano pervade tutta la sua opera. La riflessione sulla morte è particolarmente forte in un’opera come Don Carlos: Verdi si avvicinava alla sessantina, è naturale per ognuno di noi iniziare a riflettere sul dopo”.

Accostarsi alla Messa da Requiem è, come afferma Daniele Gatti, accostarsi a un “momento di spiritualità intensa”, sia per il pubblico, sia per chi lo esegue. “Quando affronti la Messa da Requiem senti che stai facendo qualcosa che va al di là di una prestazione artistica: senti che stai facendo un servizio. E allora mi auguro che il pubblico si faccia accompagnare da Verdi in questo viaggio alla ricerca del trascendente, si faccia portare al centro del mistero, fino alle soglie dell’incomprensibile. Poi quello che segue, le risposte che si danno, la scelta di credere o non credere, tutto questo è troppo personale e intimo, e deve restare nella coscienza di ciascuno. Ma la grandezza non solo artistica del capolavoro è che obbliga ognuno di noi a guardarsi dentro”.

PRIMA CHE SI ALZI IL SIPARIO
Giuseppe Martini guiderà il pubblico in un approfondimento sul compositore e sull’opera, sulla sua genesi e sulla sua ispirazione, nel secondo incontro del ciclo Prima che si alziil sipariomartedì 28 settembre 2021ore 17.00al Ridotto del Teatro Regio di Parma, con la partecipazione dei giovani cantanti del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinati da Donatella Saccardi. Ingresso libero con prenotazione su festivalverdi.it.

AVVISI AL PUBBLICO
L’accesso in teatro è consentito esclusivamente agli spettatori muniti di Green pass, fatti salvi i soggetti di età inferiore ai 12 anni e quelli esenti sulla base di idonea certificazione medica che il personale di sala ha l’obbligo di verificareIl pubblico è invitato a igienizzare le mani ai distributori presenti in teatro e a indossare correttamente la mascherina per tutta la durata dell’evento.In ottemperanza alle vigenti normative sulla sicurezza, ciascun biglietto emesso è nominativo (non è consentita l’intestazione di più biglietti alla stessa persona) e può essere ceduto solo comunicando alla Biglietteria la variazione. Al momento dell’acquisto lo spettatore dovrà fornire un proprio recapito (telefono o e-mail). Tali dati saranno conservati sino ai 14 giorni successivi lo spettacolo. All’ingresso in teatro, il personale di sala ha l’obbligo di verificare, unitamente alla temperatura corporea, la corrispondenza dello spettatore con l’intestazione del biglietto.
L’ingresso in Teatro avviene secondo le seguenti modalità:
– palchi (ingresso principale) e galleria (ingresso P.le Barezzi) da un’ora prima a 35 minuti prima dell’inizio dello spettacolo
– platea da 30 a 5 minuti prima dell’inizio dello spettacolo
I palchi possono accogliere più di due persone, assicurando il distanziamento di un metro come da normative governative. I posti nei palchi sono differenziati per prezzo in relazione alla visibilità che, nei posti di secondo prezzo, non è pienamente garantita. Il pubblico è invitato a consultare il sito www.festivalverdi.it alla sezione Biglietteria ove saranno tempestivamente riportati eventuali aggiornamenti circa le modalità di accesso al Teatro.

PARTNER E SPONSOR
La Stagione del Teatro Regio di Parma e il Festival Verdi 2021 sono realizzati grazie al contributo di Comune di Parma, Parma Capitale Italiana della Cultura 2021, Ministero della Cultura, Reggio Parma Festival, Regione Emilia-Romagna. Major partner Fondazione Cariparma. Main partners Chiesi, Crédit Agricole. Media partner Mediaset. Main sponsor Iren, Barilla, Parmacotto. Sponsor Opem, Dallara, Unione Parmense degli Industriali. Sostenitori Ares, Dulevo, Mutti, Sicim, Agugiaro&Figna, La Giovane, Parmalat, Grasselli, Glove ICT, Poliambulatori Dalla Rosa Prati, GHC Garofalo Health Care, Sarce, CePIM, Oinoe, Colser Aurora Domus. Legal counselling Villa&Partners. Con il supporto di “Parma, io ci sto!”. Advisor AGFM. Hospitality Partner Novotel. Con il contributo di Istituto Nazionale di Studi Verdiani, Opera Europa, Fondazione Monte Parma, Camera di Commercio di Parma, Ascom e Ascom Confcommercio Parma Fondazione. La Stagione Concertistica e AroundVerdi sono realizzati da Società dei Concerti di Parma, con il sostegno di Chiesi, in collaborazione con Casa della Musica. ParmaDanza è realizzata in collaborazione con ATER Associazione Teatrale dell’Emilia-Romagna e Arci Caos. Il Concorso Voci Verdiane è realizzato in collaborazione con Comune di Busseto, Concorso Internazionale Voci Verdiane Città di Busseto, Verdi l’Italiano. Partner istituzionali La Toscanini, Teatro Comunale di Bologna. Partner artistici Coro del Teatro Regio di Parma, Società dei Concerti di Parma, Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, Barezzi Festival. Tour operator partner Parma Incoming. Radio Ufficiale Radio Monte Carlo. Sostenitori tecnici Graphital, Codarini Tuega, Cavalca, IgpDecaux, MacroCoop, Milosped, Andromeda’s, De Simoni, Azzali editori, Doyle. Digital counselling Unsocials. La promozione internazionale del Festival Verdi 2021 è realizzata dal Teatro Regio di Parma in collaborazione con Italia – Italian national tourist board, Istituti italiani di cultura, Destinazione Emilia, Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, Emilia-Romagna APT Servizi, Assessorato al Turismo e Commercio del Comune di Parma. L’immagine esclusiva del Festival è il ritratto di Giuseppe Verdi realizzato a matita da Renato Guttuso negli anni ’60, donato al Teatro Regio di Parma dall’Archivio storico Bocchi e concesso da Fabio Carapezza Guttuso ©Renato Guttuso by SIAE 2021.

BIGLIETTERIA DEL TEATRO REGIO DI PARMA
Strada Giuseppe Garibaldi, 16/A 43121 Parma Tel. +39 0521 203999 biglietteria@teatroregioparma.it
ORARI DI APERTURA dal martedì al sabato ore 11.00-13.00 e 17.00-19.00.
Il pagamento presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma può essere effettuato con denaro contante in Euro, con assegno circolare non trasferibile intestato a Fondazione Teatro Regio di Parma, con PagoBancomat, con carte di credito Visa, Cartasi, Diners, Mastercard, American Express. È inoltre possibile utilizzare i voucher di rimborso ricevuti a fronte degli spettacoli annullati per l’emergenza sanitaria. I biglietti sono disponibili anche su festivalverdi.it. L’acquisto online non comporta alcuna commissione di servizio.Teatro Regio di Parma
sabato 2 ottobre 2021, ore 20.00
In memoria di Sylvano Bussotti
 
Durata complessiva 1 ora e 30 minuti, senza intervallo
 
MESSA DA REQUIEM
 
Per coro, voci soliste e orchestra
Musica GIUSEPPE VERDI
 
Edizione critica a cura di David Rosen
The University of Chicago Press, Chicago e Casa Ricordi, Milano
 
Direttore DANIELE GATTI
 
Soprano MARIA AGRESTA
Mezzosoprano ELINA GARANCA
Tenore ANTONIO POLI
Basso JOHN RELYEA
 
ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI


 CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA
Maestro del coro Martino Faggiani
 Requiem e Kyrie, a quattro voci soliste e coro Dies irae, a quattro voci soliste e coro
Dies irae, coro
Tuba mirum, coro
Mors stupebit, basso
Liber scriptus, a una voce solista (mezzosoprano)
Quid sum miser, a tre voci soliste (soprano, mezzosoprano, tenore)
Rex tremendae, a quattro voci soliste e coro
Recordare, a due voci soliste (soprano e mezzosoprano)
Ingemisco, a una voce solista (tenore)
Lacrymosa, a una voce solista (basso)Offertorio, a quattro voci soliste Sanctus, fuga a due coriAgnus Dei, a due voci soliste (soprano, mezzosoprano) e coro Lux aeterna, tre voci soliste (mezzosoprano, tenore, basso)Libera me, Domine, solo per soprano, cori e fuga finale