27 Ottobre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Nestlé svela i piani per supportare la transizione verso un sistema alimentare rigenerativo

Nestlé sta delineando i suoi piani per sostenere e accelerare la transizione verso un sistema alimentare rigenerativo, che mira a proteggere e ripristinare l’ambiente, migliorare i mezzi di sussistenza degli agricoltori e migliorare il benessere delle comunità agricole. Nestlé lavorerà con i suoi partner del sistema alimentare, inclusa la rete aziendale di oltre 500.000 agricoltori e 150.000 fornitori, per far progredire le pratiche agricole rigenerative al centro del sistema alimentare. Come parte di questo viaggio, l’azienda avvierà anche nuovi programmi per aiutare ad affrontare le sfide sociali ed economiche della transizione. L’annuncio è stato fatto in vista del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite a New York, come parte del contributo di Nestlé per aiutare a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) entro il 2030. Segue anche il recente rapporto del gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che mostra che la crisi climatica si sta intensificando. “Sappiamo che l’agricoltura rigenerativa svolge un ruolo fondamentale nel migliorare la salute del suolo, ripristinare i cicli dell’acqua e aumentare la biodiversità a lungo termine”, ha affermato Paul Bulcke, presidente di Nestlé. “Questi risultati costituiscono le fondamenta della produzione alimentare sostenibile e, soprattutto, contribuiscono anche al raggiungimento dei nostri ambiziosi obiettivi climatici “.

Nestlé è firmataria della UN Business Ambition per l’impegno di 1,5°C ed è stata una delle prime aziende a condividere il suo piano climatico dettagliato e con scadenza temporale nel dicembre 2020. L’azienda sta adottando misure per dimezzare le proprie emissioni entro il 2030 e raggiungere lo zero netto entro il 2050.”Con le nostre partnership di lunga data con le comunità agricole di tutto il mondo, vogliamo aumentare il nostro sostegno alle pratiche agricole che fanno bene all’ambiente e alle persone”, ha affermato Mark Schneider, CEO di Nestlé . “Nello spirito di consentire una transizione giusta, è fondamentale sostenere gli agricoltori di tutto il mondo che si assumono i rischi e i costi associati al passaggio all’agricoltura rigenerativa”.Nestlé investe CHF 1,2 miliardi nel corso dei prossimi cinque anni per stimolare l’agricoltura rigenerativa attraverso catena di approvvigionamento della società, utilizzando tre leve principali per aiutare gli agricoltori adottare pratiche di rigenerazione: Applicare la scienza e la tecnologia all’avanguardia, fornire assistenza tecnica: sfruttando la sua vasta rete di esperti di ricerca e sviluppo e agronomi, Nestlé sta, ad esempio, sviluppando varietà di caffè e cacao ad alto rendimento con un minore impatto ambientale e valutando nuove soluzioni per ridurre emissioni nella filiera lattiero-casearia. Nestlé offrirà anche formazione agricola e aiuterà gli agricoltori a scambiare informazioni e migliori pratiche che possono essere adattate a livello locale.

Offrire un sostegno agli investimenti: il passaggio all’agricoltura rigenerativa comporta rischi iniziali e nuovi costi. Nestlé sosterrà gli agricoltori co-investendo con loro, facilitando il prestito o aiutandoli a ottenere prestiti per attrezzature specifiche. L’azienda lavorerà anche con i partner per finanziare progetti pilota per testare e apprendere come promuovere al meglio l’agricoltura rigenerativa.

Pagare i premi per i prodotti dell’agricoltura rigenerativa: Nestlé offrirà premi per molte materie prime prodotte utilizzando pratiche di agricoltura rigenerativa e acquisterà quantità maggiori. Ciò significa premiare gli agricoltori non solo per la quantità e la qualità degli ingredienti, ma anche per i benefici che apportano all’ambiente attraverso la protezione del suolo, la gestione dell’acqua e il sequestro del carbonio.
Oggi, Nestlé ha pubblicato le più importanti pratiche di agricoltura rigenerativa che l’azienda vuole promuovere. Includono, tra l’altro, il miglioramento della biodiversità, la conservazione del suolo, la rigenerazione dei cicli idrici e l’integrazione del bestiame. L’agricoltura rappresenta quasi i due terzi delle emissioni totali di gas serra di Nestlé, con latticini e bestiame che ne costituiscono circa la metà. Nel settore lattiero-caseario, ad esempio, Nestlé sta valutando la scienza e la tecnologia all’avanguardia per ridurre le emissioni a livello di azienda agricola. L’azienda inizierà a lavorare con 30 aziende lattiero-casearie di riferimento in 12 paesi per testare pratiche agricole scalabili, rispettose del clima e rigenerative che aiutano a raggiungere zero emissioni nette di gas serra. Nestlé sta anche lavorando con gli agricoltori per selezionare e coltivare varietà di legumi nutrienti e gustosi da utilizzare come alternative al latte.

Sostenere le comunità agricole attraverso un nuovo reddito di sussistenza e programmi per i giovani

L’agricoltura rigenerativa contribuisce a un sistema alimentare rigenerativo, che dovrebbe essere equo e trasparente per tutti i partecipanti. Nestlé si impegna a sostenere i redditi degli agricoltori migliori e diversificati attraverso i suoi programmi di sostenibilità. Inoltre, Nestlé implementerà nuovi programmi di reddito di cittadinanza per gli agricoltori nella sua catena del valore per rendere l’agricoltura più attraente. Entro la fine dell’anno, Nestlé svelerà piani specifici per le sue catene di approvvigionamento di caffè e cacao.Per sostenere i giovani appassionati di agricoltura, Nestlé lancerà a novembre una nuova piattaforma di formazione per attirare e formare la prossima generazione di agricoltori. La formazione si concentrerà sulle pratiche agricole rigenerative e sul miglioramento della resilienza delle aziende agricole ai cambiamenti climatici per oltre 40.000 agricoltori che partecipano a uno dei programmi di agripreneurship di Nestlé.Gli sforzi di rigenerazione di Nestlé stanno iniziando sotto il titolo ombrello di “Generation Regeneration” incentrato su agricoltori, giovani, consumatori e propri dipendenti.