29 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

La Galleria dell’Accademia di Firenze

risultati del sondaggio sul pubblico

luglio – agosto 2021

La Galleria dell’Accademia di Firenze ha condotto un sondaggio sul pubblico, fra il 27 luglio e il 13 agosto 2021, per un totale di tredici giorni, cercando di dare un volto alla tipologia del frequentatore quotidiano del museo.

“Questa ricerca – racconta Cecilie Hollberg, direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze – è stata realizzata grazie all’attività di tirocinio, svolta presso di noi, da Manuele Veggi, un giovane stagista che, con molta cura, ha gestito la preparazione, la somministrazione e la successiva elaborazione di un questionario da sottoporre ai visitatori, attraverso il quale è stato possibile monitorare il nostro pubblico. Devo dire, che i risultati sono sorprendenti, soprattutto perchè ci fa capire che il museo è visitato prevalentemente da giovani e da giovanissimi: quasi un visitatore su due ha un alto livello di istruzione e un’età compresa fra i quindici e i ventiquattro anni.”

Il questionario è stato sviluppato lungo tre linee guida differenti, volte a sondare alcune generalità dell’intervistato quale: età, provenienza, occupazione e livello di istruzione, le diverse esperienze di visita alla Galleria e alcuni dettagli relativi al soggiorno a Firenze. Il quadro generale che appare ritrae un museo, come già detto, fruito soprattutto da giovani e da giovanissimi.

La pandemia ha certamente condizionato la provenienza dei visitatori, così come per altre istituzioni museali del MiC Ministero della Cultura: più della metà è italiana, con una netta predominanza delle regioni del Nord, in particolare Lombardia, Piemonte e Veneto e anche dalla Sicilia. In generale, l’84% proviene dall’Europa: oltre al nostro Paese, Francia, Spagna, Olanda e Germania sono gli Stati con maggior numero di turisti. Il 10% arriva dagli USA, mentre meno di venti visitatori intervistati provengono dall’Asia. Anche la dimensione dei gruppi risente dell’attuale situazione pandemica, raramente chi ha visitato il museo si è appoggiato a un tour organizzato, si tratta perlopiù di piccoli gruppi di familiari e di amici (nel 32% dei casi, solo dal proprio partner), dei quali, almeno uno, ha una conoscenza più approfondita della Galleria, per precedenti visite o per essersi informato sul sito ufficiale https://www.galleriaaccademiafirenze.it/.

La crisi sanitaria ha condizionato la decisione del mezzo di trasporto con cui recarsi a Firenze: l’aereo è scelto da meno di un quarto dei visitatori, mentre la maggior parte si è spostata tramite mezzi pubblici su rotaia o su strada; quasi un intervistato su quattro, invece, ha preferito utilizzare la macchina.

I risultati di questo sondaggio appaiono, quindi, in perfetta continuità con i trend individuabili già lo scorso anno. La Galleria dell’Accademia si riconferma una meta privilegiata di un turismo giovanile e di diversa provenienza, con una netta predominanza delle regioni del Nord Italia, dell’Europa occidentale e degli USA.