17 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Festival musicale sull’Identità siciliana

Mario Incudine & la Giovane Orchestra Sicula

Domenica 22 agosto alle 21  

RISO, museo d’arte contemporanea |PALERMO

Tappa palermitana per il Festival musicale sull’Identità siciliana, sostenuto dall’Assessorato regionale ai Beni Culturali. Domenica prossima (22 agosto alle 21) nell’atrio del Museo d’arte moderna e contemporanea di Palazzo Riso (corso Vittorio Emanuele) il cantautore ennese Mario Incudine proporrà una carrellata di suoi pezzi e rivisitazioni di brani della tradizione popolare, accompagnato dalla Giovane Orchestra Sicula. Non mancheranno i classici come Nicuzza, Vitti na Crozza e Ciuri Ciuri arrangiati per orchestra da Enrico Fallea.

 “Un’iniziativa che ci consente di parlare di identità ai giovani attraverso altri giovani artisti e tramite un elemento trasversale qual è la musica, capace di arrivare a tutti e subito, qualunque sia il genere” ha commentato l’assessore regionale ai Beni culturali Alberto Samonà

Il Festival musicale sull’Identità siciliana per questa sua prima edizione prevede quattro appuntamenti, questo al Museo Riso è il secondo: è un progetto ideato dal direttore artistico sancataldese Raimondo Capizzi, presidente e fondatore della formazione orchestrale nel 2013, quando aveva soltanto 16 anni. “L’idea di utilizzare un’orchestra sta proprio nel significato più intimo della parola “orchestra” – dice il giovane direttore – in cui i contributi individuali di ciascuno diventano un insieme armonico”. La Giovane Orchestra Sicula nasce appunto otto anni fa da un gruppo di amici che volevano suonare insieme: in poco tempo è diventato in un progetto di lungo corso e in un impegno solido e stabile. Oggi è l’unica formazione orchestrale del centro Sicilia, formata da più di 70 elementi dai 16 i 60 anni provenienti da 6 province differenti. Il progetto comprende anche la costola “Giovani in orchestra” che ha l’obiettivo quello di formare futuri orchestrali che possano contare sul supporto di validi maestri e tutor dei teatri più importanti.

Il biglietto per il concerto costa 7 euro (più 1 euro di diritti di prevendita se acquistato online sulla piattaforma  www.coopculture.it. Attivo il botteghino a Palazzo Riso fino ad esaurimento dei posti. Si entra con Green pass.