23 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Libri, musica e degustazioni per una vera e propria experience

tra i reperti del Museo Archeologico Salinas

Ascoltare musica passeggiando sotto le famose metope dei Templi selinuntini, definito il più importante complesso scultoreo dell’arte greca d’Occidente. È possibile al Museo Archeologico Salinas che apre la sera  e accoglie visitatori tra musica e degustazioni. Nel pieno rispetto della sicurezza e del distanziamento, ogni weekend è possibile partecipare a diverse iniziative nel chiostro del Salinas, un programma culturale che spazia dai reading alle experience tra i viali, dando spazio ai giovani talenti siciliani.

Venerdì 23 luglio alle 19 presso il Chiostro Maggiore si terrà la presentazione del libro “Il giardino del Mediterraneo – Storie e paesaggi da Omero all’Antropocene” di Giuseppe Barbera, professore di Colture arboree all’Università di Palermo. Con i suoi libri di storia naturale ha vinto numerosi premi, tra cui il prestigioso Grinzane Cavour per Tuttifrutti. Viaggio tra gli alberi da frutto mediterranei, fra scienza e letteraturae per il Fai ha curato il recupero della Kolymbetra nella Valle dei Templi e del giardino Donnafugata nell’isola di Pantelleria. L’autore dialogherà con il semiologo e saggista Gianfranco Marrone, accompagnato dalle letture di Silvia Ajelli.

A seguire, intorno alle 21, My Jazzy Accordion il nuovo spettacolo del fisarmonicista siciliano Roberto Gervasi, il cui intento è omaggiare Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Bud Powell e il mentore fisarmonicista Frank Marocco. Il trio è composto oda Roberto Gervasi alla fisarmonica, Davide Inguaggiato al contrabbasso e Gaetano Presti alla batteria.

Sabato 24 luglio visite guidate serali, aperitivi ed una raffinata selezione di musica elettronica con il dj set di Eva Ernst. Attiva da anni nel panorama della musica elettronica palermitana, Eva Ernst proporrà un viaggio, omaggiando artisti come Bonobo e Board of Canada, passando per un’elettronica ritmata pervasa da suggestioni percussive e timbri etnici.

Sempre sabato – alle 21 e alle 22 – sarà possibile partecipare a una vera e propria experience ai capolavori del Museo grazie alla guida di un esperto archeologo. È possibile usufruire di un ticket di 12 euro che prevede calice di vino, una piccola degustazione di prodotti tipici e la visita guidata tra le sale del museo a cura di Coopculture.

I concerti sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.